Antigua e Barbuda Ultime notizie · XNUMX€ Ultime notizie da Aruba · XNUMX€ Ultime notizie dalle Bahamas · XNUMX€ Barbados Ultime notizie · XNUMX€ Belize Ultime notizie · XNUMX€ Ultime notizie internazionali · XNUMX€ Isole Vergini britanniche (BVI) Ultime notizie · XNUMX€ caraibico · XNUMX€ Notizie sulle Isole Cayman · XNUMX€ Crociera · XNUMX€ Dominica Ultime notizie · XNUMX€ Repubblica Dominicana Ultime notizie · XNUMX€ Francia Ultime notizie · XNUMX€ Grenada Ultime notizie · XNUMX€ Industria dell'ospitalità · XNUMX€ Hotel e resort · XNUMX€ Giamaica Ultime notizie · XNUMX€ Saint Kitts e Nevis Ultime notizie · XNUMX€ Santa Lucia Ultime notizie · XNUMX€ Saint Vincent e Grenadine Ultime notizie · XNUMX€ In voga · XNUMX€ Turks e Caicos Ultime notizie · XNUMX€ Isole Vergini americane Ultime notizie · XNUMX€ Notizie varie

Turismo caraibico 2021: un pugno allo stomaco

Crociera ai Caraibi

Le nazioni più dipendenti dal turismo al mondo includono Aruba, Antigua, Barbuda, Bahamas, St. Lucia, Dominica, Grenada, Barbados, St. Vincent e Grenadine, St. Kitts e Nevis, Giamaica, Belize, Isole Cayman , e la Repubblica Dominicana (iadb.org). Per queste isole, il turismo delle nazioni è la loro linfa economica e si è dissolto durante la notte.

Stampa Friendly, PDF e Email
Quando il COVID ha alzato la sua brutta testa sulle navi da crociera, il management era addormentato al volante.
  1. I problemi del turismo, che avrebbero potuto essere risolti e affrontati nelle sue prime fasi, hanno potuto crescere e attaccare l'intero pianeta.
  2. Fino ad oggi, i dirigenti delle compagnie di crociera e del turismo, i burocrati del governo e i funzionari eletti spesso rifiutano di assumersi la responsabilità della loro negligenza.
  3. Molti dei responsabili dell'industria delle crociere o del turismo non hanno mai offerto scuse per il loro disprezzo dei fatti e della scienza e per il loro approccio "con la testa nella sabbia" alla gestione delle loro organizzazioni e al benessere dei passeggeri e dell'equipaggio.

Dipendente dal turismo

I il crollo devastante è un prodotto del fallimento assoluto dei Caraibi diversificare la propria attività economica e una visione miope delle proprie risorse. Questa è una delle aree meno diversificate del mondo con il turismo che rappresenta il 14% del PIL nel 2019, la maggior parte di qualsiasi regione. I paesi dell'ALC sono tra i più soggetti a crisi al mondo e i disastri naturali sono più simili alle attività quotidiane che agli shock o alle sorprese. La novità, tuttavia, è la velocità e la persistenza tragicamente elevate e spaventose con cui il coronavirus ha colpito le basi economiche di questi luoghi. 

Uscendo dal letargo forzato, i dirigenti dell'ospitalità, dei viaggi e del turismo che sono sopravvissuti al peggio della pandemia ora hanno l'enorme compito di svezzare l'industria dal supporto vitale e di riportarla in salute.

Come chiunque sia stato malato, c'è bisogno di fare dei passi (spesso piccoli passi), per passare dalla malattia al benessere. Se i pazienti sono fortunati, gli amici, la famiglia e i buoni consigli degli esperti di Google online forniranno percorsi per il recupero. I pazienti possono inciampare e scivolare all'indietro alcune volte, ma con grinta e determinazione si riprenderanno e saranno pronti per il combattimento.

sventrato

Secondo la Banca Interamericana di Sviluppo (IDB) la pandemia COVID-19 ha portato al peggior declino economico in America Latina e nei Caraibi in duecento anni. Al di là delle difficoltà economiche c'è l'impatto distruttivo della pandemia sulla società e sui sistemi sanitari della regione. Sebbene la regione rappresenti solo l'8% della popolazione mondiale, ha riportato il 28% di tutti i decessi (atlanticcouncil.org).

Anche prima della pandemia, la performance economica complessiva della regione era la peggiore al mondo, misurando solo lo 0.1 percento di crescita del prodotto interno lordo (PIL) durante il 2019. Tra il 2013 e il 2019, la crescita del PIL dell'America Latina e dei Caraibi è stata in media dello 0.8 percento e la regione non è mai stato in grado di sviluppare un'economia sostenibile.

I paesi sono ampiamente divisi in termini di accesso a beni pubblici e privati, che vanno dalle opportunità economiche ed educative all'assistenza sanitaria e un ambiente pulito/sicuro aggravato da alti livelli di informalità lavorativa, bassi investimenti privati ​​(16 per cento del PIL), rispetto ad altri regioni, e questo ha un impatto sulla produttività, sull'innovazione e sulla creazione di posti di lavoro formali (cepal.org, 2020).

Dalla chiusura degli aeroporti e dalle restrizioni ai viaggi per i consumatori, gli arrivi di turisti dai Caraibi sono diminuiti del 67 percento nel 2020 secondo i dati delle Nazioni Unite, il Fondo monetario internazionale ha stabilito che i soggiorni annuali in hotel sono diminuiti del 70 percento e i viaggi sulle navi da crociera sono stati completamente interrotti. 

Nonostante i programmi di vaccinazione e la graduale riduzione delle restrizioni ai viaggi, la ripresa dei Caraibi è molto lenta, costringendo il Fondo monetario internazionale (FMI) ad abbassare il tasso di crescita previsto per il 2021 dal 4.0 al 2.4 per cento in tutta la regione. Ci sono state almeno 38,789,000 infezioni segnalate e 1,310,000 decessi segnalati causati dal nuovo coronavirus in America Latina e nei Caraibi (graphics.reuters.com). Delle ultime 100 infezioni segnalate in tutto il mondo, circa 26 sono state segnalate da paesi dell'America Latina e dei Caraibi. La regione sta attualmente segnalando un milione di nuove infezioni circa ogni 8 giorni e ne ha segnalate più di 38,789,999 dall'inizio della pandemia.

La riduzione dei turisti ha costretto il settore a ridurre l'occupazione, che in una regione in cui il turismo rappresenta 2.8 milioni di posti di lavoro (circa il 15% dell'occupazione totale). Questo è un grave colpo economico. In tutto, i Caraibi hanno perso più di 2 milioni di posti di lavoro a causa della pandemia (Organizzazione Internazionale del Lavoro), molti nel settore del turismo.

Poiché i paesi dell'ALC affrontano nuove ondate di coronavirus nel mezzo di una lenta campagna di vaccinazione, la ripresa sarà difficile. Le principali strutture hanno chiuso: Nella Repubblica Dominicana, il resort Excellence Punta Cana da 400 camere; in Giamaica, l'Half Moon Hotel Jamaica (400); a St. Kitts, l'Ocean Terrace Inn di 50 camere.

D'altra parte Sandals Resorts, insieme a Beaches Resorts, ha continuato a promuovere la pubblicità, ha sviluppato il proprio sistema di vaccini e standard di sicurezza e salute del turismo. Il risultato era stato un eccellente tasso di occupazione durante la crisi, basato sulla fiducia dei consumatori sviluppata attraverso campagne di sensibilizzazione aggressive.
Sandals and Beaches Resorts ha promesso una vacanza senza preoccupazioni e finora sono stati in grado di mantenere questa promessa.

È improbabile che il turismo riprenda fino a quando la regione non riuscirà a controllare il virus. Attualmente, l'Organizzazione panamericana della sanità ritiene che l'emisfero sia "nel bel mezzo di un'epidemia in peggioramento" e il virus continua a saltare da un'isola all'altra nei Caraibi, dove il numero dei casi giornalieri aumenta e i governi caraibici indebitati hanno poche risorse per mantenere a galla le loro economie .

Il ministro del turismo della Giamaica, Edmund Barlett, ha esaminato l'ampia questione con un occhio globale e si è preso la responsabilità del problema. Ha permesso alla Giamaica di contribuire a una soluzione e ha fatto sentire forte e chiara la voce dei Caraibi. La Giamaica è diventata la sede del Global Tourism Resilience and Crisis Management Center con filiali a Malta, Nepal, Kenya e presto anche in Arabia Saudita. Bartlett ha detto eTurboNews, che è soddisfatto per il rimbalzo degli attuali numeri di arrivo dei visitatori.

Lungo Termine

La perdita di occupazione nel settore del turismo si ripercuote quasi interamente su giovani, donne e lavoratori meno istruiti e quindi aumenta la povertà e la disuguaglianza. La mancanza di diversità e sostenibilità preannuncia anche chiusure di attività e bancarotte tra hotel, resort e altri settori associati ai servizi turistici (ad esempio ristoranti, vendita al dettaglio, tour operator, tassisti). Con la riduzione del trasporto aereo e il continuo conflitto con le decisioni go/no nel settore delle compagnie di crociera, i partner del settore che dipendono dai passeggeri delle compagnie di crociera non possono fare ricorso se le navi vengono cancellate in modo permanente o deviate verso altre destinazioni.

Pozzo dei soldi          

La regione dei Caraibi vive in gran parte sul debito. Sebbene la comunità monetaria internazionale abbia aperto il suo portafoglio collettivo per soddisfare il fabbisogno di spesa pubblica nella regione, il sostegno è stato un'arma a doppio taglio; le pressioni a breve termine sono state alleviate, ma molti paesi ora devono affrontare una sfida poiché i crescenti disavanzi fiscali e l'indebitamento diventano più difficili e le crisi persistono.

Stampa Friendly, PDF e Email

Circa l'autore

Dr. Elinor Garely - speciale per eTN e caporedattore, wine.travel

Lascia un tuo commento