eTV 24 ore su 7, XNUMX giorni su XNUMX UltimeNotizieMostra : Fare clic sul pulsante del volume (in basso a sinistra dello schermo del video)
Ultime notizie internazionali · XNUMX€ Cultura · XNUMX€ Notizie governative · XNUMX€ Health News · XNUMX€ Nauru Ultime notizie · XNUMX€ News · XNUMX€ Persone · XNUMX€ Aggiornamento sulla destinazione del viaggio · XNUMX€ Notizie di Travel Wire · XNUMX€ In voga

Niente turismo, niente COVID, ma finalmente liberi: la Repubblica di Nauru

Non sono rimasti molti posti in questo mondo, dove il COVID non è ancora stato un problema e sono COVID free. Uno è la Repubblica insulare di Nauru.
Nauru rimane insignificante per il turismo internazionale.

Stampa Friendly, PDF e Email
  • Nauru è una piccola isola e un paese indipendente a nord-est dell'Australia. Si trova a 42 chilometri a sud dell'equatore. Una barriera corallina circonda l'intera isola che è costellata di pinnacoli..
  • Popolazione - circa 10,000 inclusa la popolazione non nauruana di ca. 1,000
  • Non ci sono casi di Coronavirus nel paese, ma il governo degli Stati Uniti raccomanda di vaccinarsi quando si viaggia a Nauru

Quando si consultano le statistiche mondiali sul Coronavirus, manca sempre un Paese indipendente. Questo paese è la Repubblica di Nauru. Nauru è una repubblica insulare nell'Oceano Pacifico meridionale

Il popolo di Nauru è composto da 12 tribù, come simboleggiato dalla stella a 12 punte sulla bandiera di Nauru, e si ritiene che sia un misto di discendenza micronesiana, polinesiana e melanesiana. La loro lingua madre è il Nauruan, ma l'inglese è ampiamente parlato in quanto utilizzato per scopi governativi e commerciali. Ogni tribù ha il suo capo.

Repubblica di Nauru

La bandiera Nauru è molto semplice e semplice, con i colori Navy Blue, Yellow e White. Ciascuno dei colori ha un significato. Il Navy Blue rappresenta l'oceano intorno a Nauru. La linea gialla è al centro dell'Equatore perché Nauru è proprio accanto all'Equatore ed è per questo che Nauru è molto calda. La stella bianca a 12 punte rappresenta le 12 tribù del popolo di Nauru.

Ecco perché la bandiera di Nauru è colorata in questo modo.

La ripresa dell'estrazione e dell'esportazione di fosfati nel 2005 ha dato all'economia di Nauru una spinta tanto necessaria. I depositi secondari di fosfato hanno una vita residua stimata di circa 30 anni.

Un ricco giacimento di fosfato fu scoperto nel 1900 e nel 1907 la Pacific Phosphate Company inviò la prima spedizione di fosfato in Australia. Fino ad oggi l'estrazione di fosfati è rimasta la principale fonte di reddito economico di Nauru.

Il 31 gennaio è il Giorno dell'Indipendenza (anniversario del ritorno da Truk)

Questa giornata nazionale viene celebrata dal governo, organizzando giochi e concorsi corali per i vari dipartimenti e enti governativi. Inoltre, c'è un banchetto per i giovani di cuore. (per lo più sopravvissuti a Truk)

Il 17 maggio è il Giorno della Costituzione
Questo giorno è celebrato da tutta l'isola con una gara di atletica leggera tra le 5 circoscrizioni.

Il 1° luglio è il passaggio di consegne NPC/RONPhos

Nauru Phosphate Corporation ha rilevato l'estrazione e la spedizione di fosfati su Nauru dopo averlo acquistato dalla British Phosphate Commission. Poi RONphos ha preso il posto di NPC nel 2008.

Il 26 ottobre è ANGAM Day

Angam significa tornare a casa. Questa giornata nazionale commemora il ritorno del popolo nauruano dall'orlo dell'estinzione. Ogni comunità di solito organizza le proprie feste poiché questo giorno viene solitamente celebrato con la famiglia e i propri cari.

Quando un bambino nasce, erediterà la sua tribù da parte di madre. L'abbigliamento per ogni tribù è tutto diverso, il che aiuta a identificare ogni individuo.

Elenco delle 12 tribù Nauru:

  1. Eamwit – serpente/anguilla, scaltro, scivoloso, bravo a mentire e a copiare gli stili.
  2. Eamwitmwit - grillo / insetto, vanitoso, ordinato, con un rumore stridulo e modi simili.
  3. Eaoru – distruttore, danneggia i piani, tipo geloso.
  4. Eamwidara – libellula.
  5. Iruwa – straniero, straniero, persona di altri paesi, intelligente, bella, mascolina.
  6. Eano – schietto, pazzo, desideroso.
  7. Iwi - pidocchi (estinto).
  8. Irutsi – cannibalismo (estinto).
  9. Deiboe – piccolo pesce nero, lunatico, imbroglione, il comportamento può cambiare in qualsiasi momento.
  10. Ranibok - oggetto lavato a terra.
  11. Emea - utilizzatore di rastrello, schiavo, capelli sani e belli, barare in amicizia.
  12. Emangum – giocatore, attore

Per tutte le domande di visto, anche per il personale dei media in visita, una richiesta di posta elettronica per entrare a Nauru deve essere inviata a Nauru Immigration.  

I dollari australiani hanno corso legale a Nauru. Il cambio in qualsiasi punto vendita sarà difficile. I contanti sono l'unica forma di pagamento a Nauru. 
Le carte di credito/debito non sono accettate.

Ci sono due hotel, uno di proprietà del governo e uno a conduzione familiare.
Ci sono altre due opzioni di alloggio (tipo di unità) che sono di proprietà privata.

È sempre estate a Nauru, generalmente intorno ai 20 anni - metà dei 30 anni. Si consiglia abbigliamento estivo.

L'abbigliamento estivo/abbigliamento casual è accettabile, ma se si prendono appuntamenti con funzionari governativi o si partecipa alle funzioni religiose, si consiglia di vestirsi in modo appropriato. I costumi da bagno non sono una norma a Nauru, i nuotatori possono indossare un pareo o pantaloncini.

Non ci sono mezzi pubblici. Si consiglia il noleggio di un'auto.

  • Gli alberi da frutto sono cocco, mango, papaia, lime, albero del pane, sour sop, pandanus. Il legno duro autoctono è l'albero di tomano.
  • Ci sono una varietà di alberi/piante da fiore, ma i più usati/preferiti sono franjipani, iud, hibiscus, irimone (gelsomino), eaquañeiy (dall'albero di tomano), emet e campane gialle.
  • Gli abitanti di Nauru mangiano una varietà di frutti di mare, ma il pesce è ancora il cibo preferito degli abitanti di Nauru: crudo, essiccato, cotto.

Non è noto alcun caso COVID-19 a Nauru, non sono state presentate segnalazioni all'Organizzazione mondiale della sanità, ma il governo degli Stati Uniti raccomanda ai suoi cittadini che questo stato sconosciuto è rischioso, anche per i viaggiatori completamente vaccinati

Test COVID-19

  • Sono disponibili test PCR e/o antigene su Nauru, i risultati sono affidabili ed entro 72 ore.
  • Il vaccino Oxford-Astra Zeneca è disponibile nel Paese

Nauru ha una storia nazionale:

C'era una volta un uomo chiamato Denunengawongo. Viveva sotto il mare con sua moglie, Eiduwongo. Ebbero un figlio il cui nome era Madaradar. Un giorno, suo padre lo portò sulla superficie dell'acqua. Là andò alla deriva finché non raggiunse la riva di un'isola, dove fu trovato da una bella ragazza di nome Eigeruguba.

Eigeruguba lo portò a casa, e in seguito i due si sposarono. Ebbero quattro figli. Il maggiore si chiamava Aduwgugina, il secondo Duwario, il terzo Aduwarage e il più giovane si chiamava Aduwogonogon. Quando questi ragazzi sono diventati uomini, sono diventati grandi pescatori. Quando erano diventati uomini, vivevano separati dai loro genitori. Dopo molti anni, quando i genitori erano diventati vecchi, la loro madre ebbe un altro bambino. Si chiamava Detora. Mentre cresceva, gli piaceva stare con i suoi genitori e ascoltare le storie che raccontavano. Un giorno, quando era quasi diventato adulto, stava passeggiando quando vide una canoa. Andò da loro e gli diedero alcuni dei loro pesci più piccoli. Portò il pesce a casa e glielo diede. Il giorno dopo fece la stessa cosa ma, il terzo giorno, i suoi genitori gli dissero di andare a pescare con i suoi fratelli. Così li andò con la loro canoa. Quando tornarono quella sera, i fratelli diedero a Detora solo il pesce più piccolo. Così Detora tornò a casa e ne parlò a suo padre. Poi suo padre gli insegnò a pescare e gli raccontò dei suoi nonni, che vivevano sotto il mare. Gli disse che, ogni volta che la sua lenza si bloccava, doveva tuffarsi per prenderla. E quando veniva a casa dei nonni, doveva entrare e chiedere al nonno di dargli gli uncini che aveva in bocca; e doveva rifiutare qualsiasi altro uncino che gli fosse stato offerto.

Il giorno dopo, Detora si svegliò molto presto e andò dai suoi fratelli. Gli diedero una lenza con molti nodi e un pezzo di bastone dritto come amo. In mare tutti gettavano le lenze e, di tanto in tanto, i fratelli prendevano un pesce; ma Detora non prese nulla. Alla fine si stancò e la sua lenza rimase impigliata nella barriera corallina. Ne parlò ai suoi fratelli, ma loro lo schernirono. Alla fine si tuffò. Mentre lo faceva, si dicevano: 'Che tipo stupido è quel nostro fratello!' Dopo essersi tuffato, Detora raggiunse la casa dei nonni. Erano molto sorpresi di vedere un ragazzo del genere venire a casa loro.

'Chi sei?' hanno chiesto. "Io sono Detora, figlio di Madaradar ed Eigeruguba", disse. Quando hanno sentito i nomi dei suoi genitori, lo hanno accolto. Gli hanno posto una serie di domande e gli hanno mostrato grande gentilezza. Alla fine, mentre stava per andarsene, ricordando ciò che gli aveva detto suo padre, chiese al nonno di dargli un gancio. Suo nonno gli disse di prendere tutti i ganci che voleva dal tetto della casa.

  • Nauru è senza COVID. Un volo bisettimanale tra Nauru e Brisbane, in Australia, continua a operare. Tutti i viaggiatori a Nauru richiedono l'approvazione preventiva del governo di Nauru.

Gli uomini di Damo hanno gettato di nuovo le lenze e questa volta hanno pescato un tipo diverso di pesce. "Come si chiama questo?" hanno chiesto. E Detora rispose: "Eapae!" Anche in questo caso il nome era quello giusto. Questo fece arrabbiare i pescatori di Damo. I fratelli di Detora furono molto sorpresi dalla sua intelligenza. Detora ora tirò fuori la sua lenza e tirò su un pesce. Ha chiesto agli uomini Damo il suo nome. Hanno risposto "Irum" ma quando hanno guardato di nuovo, hanno scoperto che si sbagliavano, perché c'era un noddy nero alla fine della linea. Di nuovo Detora tirò la sua lenza e di nuovo chiese loro di dare un nome al pesce. "Eapae", dissero. Ma quando hanno guardato hanno trovato un cesto di maiale alla fine della linea di Detora.

Ormai gli uomini Damo erano molto spaventati, poiché si erano resi conto che Detora stava usando la magia.

La canoa di Detora fu accostata all'altra, e lui ei suoi fratelli uccisero gli uomini Damo e presero tutti i loro attrezzi da pesca. Quando le persone a terra videro tutto questo, seppero che i loro uomini erano stati sconfitti nella gara di pesca, poiché era usanza in quei giorni che i vincitori di tale gara di pesca uccidessero i loro avversari e prendessero gli attrezzi da pesca. Così hanno mandato un'altra canoa. Accadde la stessa cosa di prima e gli abitanti di Damo si spaventarono molto e fuggirono dalla spiaggia. Allora Detora ei suoi fratelli tirarono la loro canoa verso la riva. Quando arrivarono alla scogliera, Detora fece capovolgere la canoa con i suoi quattro fratelli sotto; la canoa si trasformò in una roccia. Detora sbarcò da solo sull'isola. Presto incontrò un uomo che lo sfidò a una gara di cattura di arame e pesci sulla barriera corallina. Ne videro uno ed entrambi iniziarono a inseguirlo. Detora riuscì a prenderlo, al che uccise l'altro uomo e se ne andò. Più lontano lungo la spiaggia, Detora vinse anche la competizione e uccise il suo sfidante.

Detora ora si è messa in viaggio per esplorare l'isola. Avendo fame, si arrampicò su un albero di cocco e lasciò cadere alcune noci mature, di cui bevve il latte. Con le bucce della noce di cocco accese tre fuochi. Quando i fuochi erano accesi, gettò sopra della polpa di cocco, e questo fece un odore dolce. Poi si sdraiò sulla sabbia a pochi metri dai fuochi. Era quasi addormentato quando vide un topo grigio avvicinarsi ai fuochi. Mangiò la noce di cocco dei primi due fuochi e, proprio mentre stava per mangiare la noce di cocco del terzo fuoco, Detora la prese e stava per ucciderla. Ma il topolino pregò Detora di non ucciderlo. 'Lasciami andare, per favore, e ti dirò una cosa' disse. Detora ha rilasciato il topo, che ha iniziato a scappare senza mantenere la sua promessa. Detora afferrò di nuovo il topo e, raccogliendo un piccolo pezzo di bastoncino appuntito, minacciò di perforare gli occhi del topo con esso. Il topo si spaventò e disse: "Srotola quella piccola pietra dalla cima di quella grande roccia e guarda cosa trovi". Detora fece rotolare via la pietra e trovò un passaggio che conduceva sottoterra. Entrato nel buco, si fece strada lungo uno stretto passaggio fino a quando non arrivò a una strada con gente che camminava avanti e indietro.

Detora non riusciva a capire la lingua che parlavano. Alla fine trovò un giovane che parlava la sua lingua, ea lui Detora raccontò la sua storia. Il giovane lo mise in guardia contro i molti pericoli della nuova terra e lo guidò lungo la sua strada. Detora giunse infine in un luogo dove vide una piattaforma ricoperta di belle stuoie di bei disegni. Sulla piattaforma sedeva una regina Pidocchio, con i suoi servi intorno a lei.

La regina accolse Detora e si innamorò di lui. Quando, dopo poche settimane, Detora volle tornare a casa, la Pidocchio-Regina non gli permise di partire. Ma, alla fine, quando le raccontò dei suoi quattro fratelli sotto la pietra che non potevano essere liberati se non dal suo incantesimo, lei gli permise di procedere. Un certo numero di persone che ha incontrato voleva fare del male allo sconosciuto, ma Detora li ha vinti tutti con un incantesimo.

Infine giunsero alla roccia dove Detora aveva lasciato i suoi fratelli. Si chinò, ripeté un incantesimo e la grande roccia si trasformò in una canoa contenente i suoi quattro fratelli. Insieme i fratelli salparono per la loro terra.

Dopo molti giorni in mare, videro in lontananza l'isola natale. Mentre si avvicinavano, Detora disse ai fratelli che li avrebbe lasciati e sarebbe andato a vivere con i nonni in fondo al mare. Cercarono di convincerlo a rimanere con loro, ma saltò oltre il lato della canoa e cadde. I fratelli si recarono dai genitori e raccontarono le loro avventure.

Quando Detora raggiunse la casa dei nonni, gli diedero un'ottima accoglienza. Dopo la morte dei nonni, Detora divenne Re del Mare e Grande Spirito dei Pescatori e dei Pescatori. E oggigiorno, ogni volta che si perdono lenze o ami da una canoa, si sa che sono adagiati sul tetto della casa di Detora.

Stampa Friendly, PDF e Email

Circa l'autore

Juergen T Steinmetz

Juergen Thomas Steinmetz ha lavorato ininterrottamente nel settore dei viaggi e del turismo sin da quando era un adolescente in Germania (1977).
Lui ha fondato eTurboNews nel 1999 come prima newsletter online per l'industria mondiale del turismo di viaggio.

Lascia un tuo commento