eTV 24 ore su 7, XNUMX giorni su XNUMX UltimeNotizieMostra : Fare clic sul pulsante del volume (in basso a sinistra dello schermo del video)
Ultime notizie di viaggio · XNUMX€ Brunei Ultime Notizie · XNUMX€ Notizie governative · XNUMX€ Diritti umani · XNUMX€ LGBTQ · XNUMX€ News · XNUMX€ Persone · XNUMX€ Turismo · XNUMX€ Aggiornamento sulla destinazione del viaggio · XNUMX€ Notizie di Travel Wire · XNUMX€ In voga

Viaggio in Brunei: pronto per essere lapidato a morte? Come risponderanno WTTC e UNWTO?

BruneiGay
BruneiGay

Il Brunei sta diventando un posto mortale da visitare a partire dal 3 aprile, specialmente se sei membro della comunità LGBT.

La prossima settimana il World Travel and Tourism Council (WTTC) terrà il suo vertice annuale a Siviglia, in Spagna. I leader del turismo di tutto il mondo si incontreranno e ascolteranno il relatore principale del presidente degli Stati Uniti Obama. Il presidente Obama, il segretario generale dell'UNWTO Zurab Pololikashvili o l'amministratore delegato del WTTC Gloria Guevara diranno qualcosa su ciò che si sta sviluppando in Brunei?

Nessun paese al mondo finora ha emesso avvisi di viaggio contro il Brunei. Le autorità statunitensi hanno un avviso di viaggio di livello 2 contro la Germania o le Bahamas, ma ritengono che i viaggi per gli americani siano perfettamente sicuri quando una nuova legge minaccia i cittadini e i visitatori, compresi i bambini, di essere soggetti a morte per lapidazione per atti sessuali dello stesso sesso e l'amputazione per rapina. Tale legge entrerà in vigore nel Brunei Darussalam il 3 aprile.

Il Brunei è una piccola nazione sull'isola del Borneo, in 2 sezioni distinte circondate dalla Malesia e dal Mar Cinese Meridionale. È noto per le sue spiagge e la foresta pluviale ricca di biodiversità, in gran parte protetta all'interno di riserve. La capitale, Bandar Seri Begawan, ospita l'opulenta moschea Jame'Asr Hassanil Bolkiah e le sue 29 cupole dorate. Il massiccio palazzo Istana Nurul Iman della capitale è la residenza del sultano regnante del Brunei

"Le disposizioni in sospeso nel codice penale del Brunei consentirebbero la lapidazione e l'amputazione come punizione, anche per i bambini, per citare solo i loro aspetti più atroci", ha detto Rachel Chhoa-Howard, ricercatrice del Brunei presso Amnesty International.

“Il Brunei deve immediatamente interrompere i suoi piani per attuare queste feroci punizioni e rivedere il suo codice penale in conformità con i suoi obblighi in materia di diritti umani. La comunità internazionale deve condannare con urgenza la mossa del Brunei di mettere in pratica queste pene crudeli ".

Queste pene sono previste nelle sezioni di nuova attuazione del Codice penale del Brunei Darussalam Syariah che dovrebbero entrare in vigore il 3 aprile 2019, secondo un discreto bacheca sul sito web del procuratore generale.

“La legalizzazione di pene così crudeli e disumane è di per sé spaventosa. Alcuni dei potenziali "reati" non dovrebbero nemmeno essere considerati crimini, incluso il sesso consensuale tra adulti dello stesso sesso ", ha detto Rachel Chhoa-Howard. "Queste disposizioni abusive hanno ricevuto una condanna diffusa quando i piani sono stati discussi per la prima volta cinque anni fa".

Amnistia espressa gravi preoccupazioni sul codice penale quando la prima fase del codice è stata implementata nell'aprile 2014.

"Il codice penale del Brunei è un atto legislativo profondamente viziato contenente una serie di disposizioni che violano i diritti umani", ha affermato Rachel Chhoa-Howard. "Oltre a imporre pene crudeli, inumane e degradanti, limita palesemente i diritti alla libertà di espressione, religione e credo e codifica la discriminazione contro donne e ragazze".

La lapidazione e la caccia per uccidere membri della comunità LGBT non sono un problema isolato solo nel Brunei. Il Brunei si unisce a paesi come Iraq, Iran, Arabia Saudita o Tanzania.

sfondo

Il Brunei Darussalam ha firmato ma non ha ancora ratificato la Convenzione contro la tortura e altri trattamenti o pene crudeli, inumani o degradanti e ha respinto tutte le raccomandazioni in tal senso nella sua revisione sui diritti umani alle Nazioni Unite nel 2014.

Secondo il diritto internazionale dei diritti umani, la punizione corporale in tutte le sue forme, come lapidazione, amputazione o fustigazione, costituisce tortura o altra punizione crudele, inumana o degradante, che è proibita in tutte le circostanze.

Atti di tortura e altri maltrattamenti sono assolutamente vietati nei principali strumenti internazionali sui diritti umani, la maggior parte dei quali non ha firmato né ratificato il Brunei. Inoltre, questo divieto è anche riconosciuto come una regola perentoria del diritto internazionale consuetudinario, il che significa che ogni stato è vincolato da esso anche se non è parte di un trattato sui diritti umani pertinente. Tutti gli atti di tortura costituiscono crimini ai sensi del diritto internazionale.

Mentre il Brunei mantiene la pena di morte per legge, in pratica è abolizionista. Una nuova condanna a morte è stata inflitta nel 2017, per un reato legato alla droga.

Solo pochi anni fa il Sultano del Brunei ha detto al Segretario Generale dell'UNWTO e CEO del WTTC: “Faremo del nostro meglio per sostenere il turismo. Il turismo è di importanza strategica per il Brunei e si basa su due risorse principali: la foresta pluviale incontaminata del paese nel cuore del Borneo e il suo patrimonio spirituale e culturale. La tutela e la conservazione dell'ambiente devono, quindi, essere al centro di qualsiasi sviluppo turistico, aveva sottolineato il Sultano.

Stampa Friendly, PDF e Email

Circa l'autore

Juergen T Steinmetz

Juergen Thomas Steinmetz ha lavorato ininterrottamente nel settore dei viaggi e del turismo sin da quando era un adolescente in Germania (1977).
Lui ha fondato eTurboNews nel 1999 come prima newsletter online per l'industria mondiale del turismo di viaggio.