| · XNUMX€ Health News

Una minaccia per la salute maggiore rispetto al COVID-19 emergente?

I casi di coronavirus superano i due milioni in tutto il mondo

Con oltre 5 milioni di morti in tutto il mondo, il COVID-19 ha imposto un onere significativo alle società e ai sistemi sanitari di tutto il mondo.

Stampa Friendly, PDF e Email

Mentre continuiamo ad affrontare l'impatto di COVID-19, c'è una minaccia per la salute pubblica ancora più grande che deve essere affrontata, l'AMR. L'importanza del ruolo dell'igiene nell'interruzione della catena dell'infezione è stata dimostrata durante la pandemia di COVID-19, tuttavia, gli esperti di GHC temono che stiamo assistendo a una letargia igienica mentre passiamo a un mondo post-COVID, esacerbando la minaccia dell'AMR.

Il mese scorso l'OMS ha lanciato il suo rapporto sullo stato dell'igiene delle mani nel mondo, sottolineando l'importanza dell'igiene delle mani nella prevenzione delle infezioni e riducendo l'onere della resistenza antimicrobica estendendo la vita degli antimicrobici (ad esempio gli antibiotici). Il GHC accoglie con favore questa maggiore attenzione all'igiene delle mani e sostiene il WAAW di quest'anno concentrando le sue attività sulla riduzione della necessità di antibiotici incoraggiando una migliore igiene delle mani per prevenire la diffusione delle infezioni.

Il portavoce di GHC, Sabiha Essack, professore della School of Pharmaceutical Sciences presso l'Università di KwaZulu-Natal, in Sudafrica, commenta: "Un'igiene responsabile come il lavaggio delle mani è un intervento efficace per prevenire le infezioni, aiutando ad eliminare la necessità di antimicrobici (ad es. antibiotici). Comportamenti come il lavaggio delle mani hanno il potenziale per ridurre la trasmissione della malattia, come sperimentato con COVID-19 e dovrebbero essere incoraggiati dopo la pandemia”.

L'uso non necessario di antibiotici ha accelerato la comparsa e la diffusione di batteri resistenti. Le infezioni comuni che vengono trattate senza successo a causa di batteri resistenti agli antimicrobici attribuiscono a oltre 700 000 decessi all'anno in tutto il mondo e si prevede che saranno associate alla morte di 10 milioni di persone all'anno entro il 2050. L'adozione di pratiche igieniche quotidiane può ridurre il rischio di infezioni comuni fino al 50% e offre un quadro per ridurre la prescrizione di antibiotici, riducendo al minimo le opportunità di formazione di batteri resistenti agli antibiotici.

Con il verificarsi di epidemie di malattie infettive più probabili negli anni fino al 2030, dobbiamo adottare comportamenti igienici durevoli per proteggere noi stessi e i nostri cari dalla minaccia di malattie infettive emergenti, ridurre l'onere della resistenza antimicrobica e antimicrobici a prova di futuro, come antibiotici, per gli anni a venire.

Stampa Friendly, PDF e Email

Circa l'autore

Juergen T Steinmetz

Juergen Thomas Steinmetz ha lavorato ininterrottamente nel settore dei viaggi e del turismo sin da quando era un adolescente in Germania (1977).
Lui ha fondato eTurboNews nel 1999 come prima newsletter online per l'industria mondiale del turismo di viaggio.

Lascia un tuo commento