Notizie di filo

La gestione delle controversie internazionali nell'era moderna

Immagine di Alexas_Fotos da Pixabay
Scritto da editore

In questa epoca di globalizzazione, le connessioni tra gli stati si stanno rafforzando grazie al commercio, al turismo e ad altre iniziative di reciproco vantaggio. D'altra parte, a causa della vicinanza tra le nazioni e delle vaste questioni monetarie, stanno diventando sempre più comuni anche controversie di natura banale e persino grave.

Le Nazioni Unite sono l'istituto responsabile della pace nel mondo e quasi tutte le nazioni del mondo ne sono stati membri. Secondo la Carta delle Nazioni Unite, per mantenere la pace nel mondo, i conflitti interstatali dovrebbero essere risolti utilizzando mezzi pacifici come l'arbitrato, i trattati e la meditazione. Tutti questi metodi sono fondamentalmente metodi per parlare al tavolo come arbitrato definito come un metodo in cui entrambe le parti concordano in anticipo di risolvere il loro conflitto per mezzo del colloquio.

Come sono state gestite le controversie internazionali in passato?

Come sappiamo, la storia del mondo è piena di molte guerre. Poiché il sistema dell'anarchia prevaleva più ferocemente, gli Stati esercitavano i loro poteri senza alcun vincolo. Ad esempio, durante la prima guerra mondiale, la Germania non esitò a invadere la vicina terra d'Europa. Per diventare il nuovo egemone, dichiarò unilateralmente guerra agli altri Nazioni europee. Allo stesso modo, le altre nazioni non hanno esitato a usare il massimo della potenza poiché non c'era una forza internazionale per monitorare le loro azioni. Di conseguenza, milioni di persone muoiono. Anche allora l'uso incontrollato della forza non ebbe fine. Poiché la Grande Guerra (prima guerra mondiale) ha dato vita a una guerra ancora più mortale e più grande.

La seconda guerra mondiale, iniziata nel 2, provocò innumerevoli morti sia di civili che di forze armate. La coscienza degli attori globali ha poi dato vita alle Nazioni Unite. Sin dal suo predecessore, la Società delle Nazioni, aveva miseramente fallito nell'impedire qualsiasi guerra. Le Nazioni Unite quindi, nel preambolo della sua Carta, si sono impegnate:

“Noi popolo delle Nazioni Unite ci impegniamo a salvare il mondo dal flagello della guerra che due volte nella nostra vita ha inflitto all'umanità un dolore inimmaginabile”.

Da allora, le controversie internazionali vengono gestite attraverso le Nazioni Unite.

Come lavora l'ONU per gestire i conflitti internazionali?

Le Nazioni Unite operano sui principi della pace e dell'armonia tra le nazioni libere del mondo. Ha diversi organi per la gestione delle questioni internazionali. Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite (UNSC) e l'Assemblea generale delle Nazioni Unite (UNGA) sono i due organi più influenti dell'organizzazione. L'UNSC lavora con la collaborazione di cinque grandi potenze globali, note anche come P5. Il P5 o permanente cinque, insieme a dieci membri non permanenti dell'UNSC, tengono riunioni ogni volta che la pace nel mondo è minacciata. I membri permanenti detengono il potere di veto che è criticato su vasta scala da altri stati nazione. Poiché il potere di veto mina l'efficace funzionamento dell'UNSC, è una delle preoccupazioni più serie per le nazioni amanti della pace nel mondo e altre che sono costantemente minacciate dalla sicurezza. Il potere di veto non consente all'organismo internazionale di pace di attuare efficacemente le sue politiche in materia di minaccia.

Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite quindi funziona bene quando sono coinvolte questioni di piccoli stati. Tuttavia, quando i membri permanenti stessi oi loro alleati minacciano la pace nel mondo, l'organismo non adotta politiche efficaci. Ciò che Mussolini ha detto sulla Società delle Nazioni, sembra ancora attuale sull'UNSC:

"La Lega sta molto bene quando gridano i passeri ma non va bene quando cadono le aquile".

Conclusione

Per gestire i conflitti in modo più efficace, le Nazioni Unite devono migliorare le proprie politiche di risoluzione dei conflitti. Ad esempio, è necessario aumentare i membri del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite e alle parti interessate deve essere conferita una rappresentanza regionale. Inoltre, l'esercizio del potere di veto deve essere limitato a determinate condizioni. L'UNGA deve essere resa più potente. Dal momento che l'ONU predica la democrazia, deve mantenere essa stessa valori democratici. L'organo più potente delle Nazioni Unite dovrebbe quindi essere l'UNGA in cui tutti gli Stati devono risolvere la questione che preoccupa attraverso azioni congiunte basate sui principi di uguaglianza.

Stampa Friendly, PDF e Email

Related News

Circa l'autore

editore

Il caporedattore di eTurboNew è Linda Hohnholz. Ha sede nel quartier generale di eTN a Honolulu, Hawaii.

Lascia un tuo commento