Grande impatto di COVID-19 sui pazienti renali che utilizzano la dialisi

Scritto da editore

La National Kidney Foundation (NKF) e l'American Society of Nephrology (ASN) sottolineano la posizione precaria che le persone con insufficienza renale, che sono immunocompromesse, devono affrontare mentre la recente ondata di Omicron continua a diffondersi tra i pazienti e il personale delle strutture per la dialisi. I casi di COVID-19 stanno causando gravi malattie, costringendo i pazienti a ridurre i tempi di trattamento e aggravando la carenza di personale e forniture che impediscono l'accesso a questo trattamento di sostegno vitale. L'impatto di COVID-19 sulle persone con malattie renali ha portato al primo calo del numero di pazienti in dialisi negli Stati Uniti nei 50 anni di storia del programma Medicare ESRD.

Stampa Friendly, PDF e Email

La carenza di personale e forniture ha anche portato alla chiusura delle strutture per la dialisi e agli arretrati nello spostamento dei pazienti tra dialisi, ospedali e strutture infermieristiche qualificate (SNF). Sebbene accelerare l'accesso alla dialisi a casa faciliti il ​​distanziamento sociale e potenzialmente riduca lo sforzo della carenza di personale, questa potenziale soluzione non risolverà il problema acuto. È necessaria un'azione immediata per garantire che le strutture per la dialisi abbiano accesso alle forniture e al personale necessari.

NKF e ASN raccomandano governi federali, statali e locali:

• Intervenire per alleviare le crisi di approvvigionamento (ad es. concentrati di dialisi) presso le strutture per la dialisi a causa della mancanza di magazzino e di personale addetto al trasporto.

• Distribuire maschere facciali di alto livello approvate dal governo alle strutture per la dialisi.

• Sospendere l'attuale regolamento dei Centers for Medicare and Medicaid Services (CMS) che richiede l'uso di siringhe saline preriempite, che non sono disponibili in alcune località, fino al superamento della crisi acuta.

• Incoraggiare i governi statali e federali a consentire la reciprocità degli infermieri per consentire la pratica intrastatale, indipendentemente dal fatto che lo stato sia uno stato compatto, durante questa crisi acuta.

Ci sono 783,000 persone negli Stati Uniti che soffrono di insufficienza renale e poco meno di 500,000 di queste persone necessitano di una dialisi di sostegno vitale somministrata in un centro di dialisi tre volte alla settimana, quattro ore al giorno. Durante i trattamenti di dialisi, i pazienti in genere si siedono vicino ad altri pazienti e al personale in strutture che non sono sempre ben ventilate. Molti di questi pazienti sono anziani, a basso reddito e provenienti da comunità storicamente svantaggiate e la maggior parte presenta condizioni di base come diabete e malattie cardiovascolari.

Nonostante gli sforzi concertati di organizzazioni di dialisi, nefrologi e altri medici per rallentarne la diffusione, COVID-19 continua a dilagare attraverso le strutture per la dialisi. Secondo i dati del Renal Data System statunitense, il 15.8% di tutti i pazienti in dialisi negli Stati Uniti aveva contratto il COVID-19 alla fine del 2020. Durante l'ondata dell'inverno 2020, i decessi settimanali dovuti al COVID-19 hanno raggiunto il picco di quasi 20 % e la mortalità annuale nel 2020 è stata del 18% superiore rispetto al 2019.1

Nonostante questi alti tassi di infezione e mortalità, i pazienti in dialisi non avevano la priorità per l'accesso all'immunizzazione quando i vaccini sono diventati disponibili un anno fa, anche se le prove dimostrano che la risposta immunitaria alla vaccinazione è attenuata nei pazienti in dialisi. Inoltre, sebbene i livelli di anticorpi diminuiscano più rapidamente nei pazienti in dialisi rispetto alla popolazione generalei, i pazienti in dialisi non hanno ricevuto la priorità dalla Food and Drug Administration (FDA) o dai Centers for Disease Control and Prevention (CDC) quando sono state approvate le terze dosi del vaccino ad agosto.2 Inoltre, anche i pazienti in dialisi sono stati esclusi dai gruppi idonei a ricevere una terapia profilattica con anticorpi a lunga durata d'azione mirata al virus SARS-CoV-2. Infine, il National Institutes of Health non ha ricevuto finanziamenti per la ricerca COVID-19 per aiutare le persone con malattie renali o insufficienza in nessuno dei pacchetti di soccorso dell'anno scorso.

Un'altra sfida è l'assenza di terapie appropriate per le persone con insufficienza renale. Mentre stanno emergendo terapie che riducono il rischio di COVID-19, le indicazioni attuali escludono le persone con insufficienza renale perché queste persone sono spesso escluse dagli studi clinici. Questa pratica è inaccettabile. NKF e ASN implorano i produttori di garantire che questi prodotti includano il dosaggio per i pazienti con insufficienza renale. Inoltre, esortiamo la FDA a riconoscere il declino dell'immunità nelle persone vaccinate con insufficienza renale e garantire che i trattamenti siano approvati attraverso l'autorizzazione all'uso di emergenza (EUA) per i pazienti immunocompromessi.

Poiché l'amministrazione Biden acquista nuove terapie COVID-19 per la distribuzione negli Stati Uniti, è fondamentale che i pazienti in dialisi e il personale abbiano la priorità per l'accesso. L'impossibilità di dare priorità ai pazienti in dialisi per l'accesso alla vaccinazione all'inizio di questa pandemia ha avuto effetti ad ampio raggio sui ricoveri e sui decessi. Non dobbiamo permettere che questo stesso errore si ripeta.

Infine, il COVID-19 è associato a un rischio significativo di danno renale acuto (AKI), anche nelle persone con funzionalità renale preservata, che provoca malattie gravi e persino la morte e che spesso richiedono dialisi e altre forme di terapia sostitutiva renale. Ripetutamente durante la pandemia, e ancora una volta, durante l'attuale ondata di Omicron, molti ospedali hanno lottato per fornire questo trattamento salvavita ai pazienti a causa della carenza di personale qualificato e forniture.

È imperativo che gli Stati Uniti facciano tutto ciò che è in loro potere per prepararsi a future ondate di casi di COVID-19 e prevenire morti inutili tra le nostre persone più vulnerabili. NKF e ASN sono pronte a collaborare con i responsabili politici e i produttori per raggiungere questo obiettivo.

Fatti sulla malattia renale

Negli Stati Uniti, si stima che 37 milioni di adulti soffrano di malattie renali, note anche come malattie renali croniche (CKD) e circa il 90% non sa di averlo. 1 adulto su 3 negli Stati Uniti è a rischio di malattie renali. I fattori di rischio per le malattie renali includono: diabete, ipertensione, malattie cardiache, obesità e storia familiare. Le persone di origine nera/afroamericana, ispanica/latina, indiana americana/nativa dell'Alaska, asiatica americana o nativa hawaiana/altre isole del Pacifico sono a maggior rischio di sviluppare la malattia. I neri/afroamericani hanno più di 3 volte più probabilità dei bianchi di avere insufficienza renale. Gli ispanici/latinosi hanno una probabilità 1.3 volte maggiore rispetto ai non ispanici di avere insufficienza renale.

Circa 785,000 americani hanno un'insufficienza renale irreversibile e hanno bisogno della dialisi o di un trapianto di rene per sopravvivere. Più di 555,000 di questi pazienti ricevono la dialisi per sostituire la funzionalità renale e 230,000 vivono con un trapianto. Quasi 100,000 americani sono in lista d'attesa per un trapianto di rene in questo momento. A seconda di dove vive un paziente, il tempo medio di attesa per un trapianto di rene può variare da tre a sette anni.

Stampa Friendly, PDF e Email

Circa l'autore

editore

Il caporedattore di eTurboNew è Linda Hohnholz. Ha sede nel quartier generale di eTN a Honolulu, Hawaii.

Lascia un tuo commento