La Commissione Europea dà il via libera alla fusione Lufthansa-ITA Airways

La Commissione Europea dà il via libera alla fusione Lufthansa-ITA Airways
La Commissione Europea dà il via libera alla fusione Lufthansa-ITA Airways

Lufthansa acquisirà una quota del 41% di ITA Airways dall'azionista MEF attraverso un aumento di capitale di 325 milioni di euro, per poi portarla al 100% entro il 2033, per un investimento complessivo di 829 milioni di euro.

L’Europa ha dato il via libera alla proposta fusione tra ITA Airways e Lufthansa. La conferma è arrivata dal ministro dell'Economia e delle Finanze (MEF), Giancarlo Giorgetti, nella conferenza stampa tenutasi al fianco del presidente di ITA Airways, Antonino Turicchi, e dell'amministratore delegato di Lufthansa, Carsten Spohr.

«Oggi chiudiamo una vicenda storica, di lunga data», ha detto Giorgetti.

“È stato un percorso travagliato e difficile ma è un grande successo italiano, tedesco ed europeo”, ha aggiunto. “La gestione della società spetterà agli azionisti, con un controllo sulla gestione per il rispetto degli obiettivi da cui è escluso lo Stato italiano”.

A più di un anno dall'accordo preliminare tra Ministero e Lufthansa per la cessione di una quota di minoranza di ITA Airways al gruppo tedesco, l'approvazione della fusione da parte delle autorità nazionali dei 27 Paesi membri dell'Ue è arrivata il 3 luglio, a un solo giorno dalla scadenza fissata per il 4 luglio.

“La logica ha prevalso sui vari ostacoli”, ha detto in conferenza stampa il presidente di ITA Airways, Turicchi. “Qualifico questa operazione come un’operazione guidata dalla logica. L’Europa si rafforza con questa operazione”.

Lufthansa acquisirà una quota del 41%. ITA Airways dal socio MEF attraverso un aumento di capitale di 325 milioni di euro, in una seconda fase portarlo al 100% entro il 2033, per un investimento complessivo di 829 milioni di euro. Lufthansa sarà di fatto alla guida di ITA, pur avendo meno della metà delle azioni subito dopo la firma.

I tedeschi nomineranno l'amministratore delegato dell'Ita (Joerg Eberhart) e due dei 5 consiglieri del prossimo Consiglio di amministrazione.

Sarà Lufthansa a nominare il futuro amministratore delegato di ITA Airways, come ha dichiarato Carsten Spohr nel corso della conference call seguita all'accordo per l'ingresso nel capitale della compagnia italiana. Inoltre, Lufthansa nominerà anche un direttore nel consiglio, composto da cinque membri. Il closing per l'acquisto del 41% di ITA Airways è previsto entro la fine dell'anno e Spohr ha espresso fiducia nella trasformazione di ITA in una compagnia aerea redditizia entro il 2025. Ha sottolineato che ITA è stata completamente ristrutturata e configurata per essere una compagnia competitiva in termini di costi compagnia aerea, senza alcun rapporto o problematica legata alla vecchia Alitalia. I piani di Lufthansa includono lo sviluppo di Roma Fiumicino come hub redditizio e il consolidamento di Linate, con particolare attenzione ai voli a lungo raggio verso il Nord e il Sud America, l'Africa e alcuni mercati asiatici.

Inoltre, il pagamento di 325 milioni di euro da parte di Lufthansa per l'acquisizione del 41% di ITA Airways non sarà destinato al MEF, ma piuttosto destinato al rilancio della compagnia. "Non siamo obbligati ad acquisire l'intera azienda finché tutti gli obiettivi non saranno stati raggiunti", ha sottolineato Spohr.

La Commissione Europea ha riferito che Lufthansa e il MEF hanno proposto una serie di soluzioni dopo 7 mesi di negoziati per affrontare le preoccupazioni antitrust dell'UE. Queste soluzioni includono l’impegno ad aprire rotte a corto raggio a una o due compagnie aeree rivali, consentendo loro di operare voli diretti tra Roma o Milano e alcuni aeroporti dell’Europa centrale. Inoltre, le misure correttive imporranno ai beneficiari di operare su queste rotte per un periodo specifico. Inoltre, Lufthansa e MEF garantiranno che una delle compagnie aeree rivali avrà accesso alla rete nazionale di ITA per fornire collegamenti indiretti tra alcuni aeroporti dell'Europa centrale e alcune città italiane diverse da Roma e Milano.

La società risultante dalla fusione stipulerà accordi con i concorrenti per migliorare la propria competitività sulle rotte a lunga percorrenza in questione, ad esempio attraverso accordi interline o scambi di slot. Ciò si tradurrà in un aumento delle frequenze dei voli diretti e/o in migliori collegamenti per i voli con scali su ciascuna rotta. La valutazione della Commissione ha tenuto conto del fatto che MEF manterrà una quota di maggioranza in ITA dopo la transazione, il che fornirà a ITA motivazioni per competere contro i partner di Lufthansa in Nord America fino a quando ITA non diventerà parte della joint venture.

Lufthansa e MEF hanno concordato di trasferire gli slot di decollo e atterraggio presso l'aeroporto di Linate ai beneficiari dei rimedi per le rotte a corto raggio. Il numero di slot da cedere è superiore a quello richiesto per operare rotte a corto raggio, così come il numero di slot che sarebbero stati aggiunti al portafoglio di ITA attraverso la transazione. Questo trasferimento consentirà all’acquirente di stabilire una presenza sostenibile presso l’aeroporto di Linate e potenzialmente di offrire i propri collegamenti senza soluzione di continuità tra l’Italia e l’Europa centrale.

Secondo gli impegni, Lufthansa e MEF potranno procedere con la transazione solo una volta che la Commissione avrà approvato gli idonei adottanti delle misure correttive per ciascuno degli impegni a corto, lungo raggio e Milano Linate. La Commissione valuterà l'adeguatezza delle misure correttive adottate nell'ambito di un processo di approvazione separato dell'acquirente. Tali impegni sono stati ritenuti accettabili dalla Commissione. La decisione è subordinata al pieno rispetto degli impegni. Un fiduciario indipendente ne supervisionerà l'attuazione sotto la supervisione della Commissione.

L'alleanza tra ITA e Lufthansa ha il potenziale per proiettare l'industria italiana del trasporto aereo in una nuova era, consentendole di competere efficacemente nel mercato globale, ha affermato il segretario generale della Federazione Italiana Trasporti (FIT-CISL), Salvatore Pellecchia, aggiungendo di essere intenzionato a fiduciosi che il nuovo Piano Industriale supporterà gli investimenti per l'acquisizione di nuovi velivoli, l'ampliamento dell'offerta commerciale e, conseguentemente, l'incremento dei livelli occupazionali attraverso l'assunzione di personale attualmente in cassa integrazione. Ciò include oltre 2,200 risorse tra personale di terra, staff, manutenzione, piloti e assistenti di volo.

Pellecchia ha inoltre sottolineato la necessità di un confronto immediato con il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti per affrontare gli aspetti strategici legati al futuro della compagnia, così come che Lufthansa affronti le questioni gestionali di lunga data all'interno della compagnia.

Si fa menzione del pacchetto 'Fit for 55' (FF55) ​​e dei successivi Sustainable Aviation Fuels (SAF) nell'ambito del progetto ReFuelEU Aviation. Questa iniziativa impone la miscelazione di SAF nei carburanti a partire dal 2025 per tutti i voli in partenza dagli aeroporti dell’Unione Europea. Questo obbligo vale per le compagnie aeree che non hanno obblighi simili, con un conseguente costo aggiuntivo di circa 15 euro per la stessa tipologia di traffico.

“È fondamentale che i politici intraprendano le azioni necessarie per prevenire eventuali effetti negativi sulle compagnie aeree e sui passeggeri europei. Ciò è essenziale per mantenere una concorrenza leale e condizioni di parità tra i vettori. Senza questi interventi vitali e immediati, c’è il rischio significativo che l’intera operazione Italia-Lufthansa possa andare incontro al fallimento. Poiché la concorrenza nel settore aeronautico è globale, è imperativo che le norme siano attuate anche su scala globale”, ha affermato il segretario generale della FIT-CISL.

Presso l'Airbus Delivery Center di Tolosa si è tenuta anche la cerimonia inaugurale del primo Airbus A330-900 di ITA Airways.

“La giornata di oggi segna una tappa significativa nella nostra partnership strategica con Airbus. Sono lieto di essere presente qui presso la stimata sede di Tolosa per la consegna del primo Airbus A330neo, caratterizzato dall’innovativo design della cabina di ITA Airways”, ha affermato Francesco Presicce, Chief Technology Officer di ITA Airways.

“Selezionando Airbus come nostro esclusivo fornitore di flotte, abbiamo coltivato una collaborazione unica che abbraccia varie aree di sviluppo del business, con l’obiettivo di ottenere un’esperienza di viaggio aereo più moderna, confortevole e rispettosa dell’ambiente attraverso tecnologie all’avanguardia”, ha aggiunto Presicce.

L'ultimo aereo Airbus di ITA Airways è dedicato a Gelindo Bordin, il famoso maratoneta italiano e campione olimpico, in linea con la tradizione della compagnia di onorare le leggende dello sport italiano con la distintiva livrea Blu Savoia.

Infine, non sono stati evasi gli interrogativi ancora aperti sul “matrimonio” delle compagnie aeree sul possibile ricorso alla Corte di Giustizia dell'Unione Europea, temuto da alcuni vettori concorrenti, tra cui Wizz Air, con il Ministro Giorgetti che ha affermato: “Se ci sono opposizioni posizioni a questa transazione, è meglio dichiararle immediatamente e contattare l’UE. La decisione presa finora dall’UE dimostra di aver compreso il valore dell’accordo a favore degli utenti delle compagnie aeree”.

Circa l'autore

Mario Masciullo - Speciale per eTN

Sottoscrivi
Notifica
ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x
Condividere a...