La FAA indaga su Boeing sui registri falsificati del Dreamliner

La FAA indaga su Boeing sui registri falsificati del Dreamliner
La FAA indaga su Boeing sui registri falsificati del Dreamliner
Scritto da Harry Johnson

Sembra che la nuova indagine federale si stia concentrando sul programma che sviluppa il Boeing 787 Dreamliner, l'aereo di linea wide-body della compagnia comunemente utilizzato per i viaggi a lunga distanza.

L'agenzia governativa federale all'interno del Dipartimento dei trasporti degli Stati Uniti, che regola l'aviazione civile negli Stati Uniti e nelle acque internazionali circostanti, ha avviato un'indagine sul gigante aerospaziale statunitense Boeing Company per determinare se una delle sue strutture aeronautiche non ha condotto le ispezioni richieste e se vi è stata alcuna falsificazione di documenti da parte dei suoi dipendenti.

Gli Stati Uniti Amministrazione federale dell'aviazione (FAA) ha avviato la sua indagine in seguito alla rivelazione da parte della stessa Boeing di presunta "cattiva condotta" presso il suo stabilimento nella Carolina del Sud. Nessun aereo è stato rimosso dalle operazioni dopo la scoperta della “cattiva condotta”, ma sono state ordinate alcune ispezioni aggiuntive presso l'impianto di assemblaggio finale, con conseguente ritardo nelle consegne degli aerei.

Sembra che la nuova indagine federale si stia concentrando sul programma che sviluppa il Boeing 787 Dreamliner, l'aereo di linea wide-body della compagnia comunemente utilizzato per i viaggi a lunga distanza.

Nella sua dichiarazione ufficiale, la Federal Aviation Administration ha dichiarato: "La compagnia ci ha volontariamente informato in aprile che potrebbe non aver completato le ispezioni richieste per confermare un adeguato collegamento e messa a terra nel punto in cui le ali si uniscono alla fusoliera su alcuni aerei 787 Dreamliner".

I regolatori federali hanno aggiunto che Boeing sta attualmente conducendo una nuova ispezione completa di tutti gli aerei 787 che sono ancora nel sistema di produzione, ed è tenuta a sviluppare un piano per affrontare eventuali problemi con la flotta in servizio.

Boeing ha anche reso pubblica una nota interna del capo del programma 787, rivelando che un operaio della fabbrica della Carolina del Sud aveva individuato una "irregolarità" durante i test congiunti ala-corpo e aveva prontamente informato il suo diretto supervisore. Dopo aver ricevuto la segnalazione, la questione sarebbe stata prontamente indagata, scoprendo numerose occasioni in cui i dipendenti non avevano condotto un test richiesto ma lo avevano falsamente documentato come completato. La nota affermava inoltre che la società stava rispondendo alla situazione con misure immediate e significative per risolvere il problema.

Boeing sta attualmente affrontando diversi problemi con la sua produzione di aerei. Proprio la settimana scorsa è stato rivelato che l’assenza di un componente cruciale stava causando ritardi nella produzione del Dreamliner. La società ha inoltre informato i suoi investitori che ci sarebbe stato un calo nel numero di aerei Dreamliner consegnati quest'anno, attribuito alla carenza di scambiatori di calore (componenti cruciali nella tecnologia aeronautica responsabili del trasferimento di calore da un mezzo all'altro all'interno di un aereo) e a problemi con sedili della cabina.

In aggiunta alla crescente lista di lamentele dell'azienda, la produzione mensile di un altro aereo popolare, Boeing 737MAX, è anche diminuito a una cifra a causa di problemi di produzione in corso a seguito di un incidente all'inizio di quest'anno in cui è esplosa la spina di una porta durante il volo Alaska Airlines.

Le azioni Boeing sono scese dell'1.5% in seguito alla notizia.

<

Circa l'autore

Harry Johnson

Harry Johnson è stato il redattore degli incarichi per eTurboNews da più di 20 anni. Vive a Honolulu, Hawaii, ed è originario dell'Europa. Gli piace scrivere e coprire le notizie.

Sottoscrivi
Notifica
ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x
Condividere a...