Cina e Kazakistan: una cooperazione turistica vincente

Turismo kazako

L'evento di apertura dell'Anno del turismo in Cina del Kazakistan nel 2024 si è svolto recentemente a Pechino. Cina e Kazakistan hanno programmato una serie di eventi straordinari per l'anno turistico, come vetrine artistiche e forum dedicati al turismo.

Il governo kazako ha fissato l'obiettivo di aumentare il numero di turisti nazionali a 11 milioni e quello di turisti stranieri a 4 milioni entro il 2030. Inoltre, si prevede che il numero di persone impiegate nel settore del turismo raggiungerà 800,000 per quella data.

Il ministro kazako del turismo e dello sport Yermek Marzhikpayev ha affermato che la Cina è uno dei mercati e dei partner turistici prioritari del Kazakistan, a causa della vicinanza geografica e dei profondi legami storici tra i due paesi.

Il Kazakistan prevede di attirare più turisti cinesi sfruttando la sua ricca cultura nomade, la storia secolare e i paesaggi naturali unici, ha aggiunto il ministro.

Negli ultimi anni la cooperazione turistica tra Cina e Kazakistan è stata sempre più rafforzata. Nel novembre 2017, la Cina ha aperto il suo primo ufficio turistico ad Astana, diventando così il primo del suo genere in un paese dell’Asia centrale. Questo ufficio ha promosso attivamente gli scambi culturali e turistici tra le due nazioni. Inoltre, nel novembre 2023, è stata implementata l’esenzione reciproca dal visto tra Cina e Kazakistan, aumentando ulteriormente la domanda di viaggi da entrambe le parti.

Il Paese dell’Asia centrale del Kazakistan ha assistito quest’anno a una tendenza crescente nell’afflusso di turisti cinesi, affermandosi come un fiorente hotspot di viaggi in uscita.

Secondo le statistiche dell'agenzia di viaggi online cinese Ctrip, il numero di prenotazioni turistiche in Kazakistan da parte di turisti cinesi quest'anno è aumentato del 229% su base annua e del 262% rispetto al 2019.

Il numero di prenotazioni di voli per il Kazakistan è più che triplicato rispetto a un anno fa. Almaty, Astana e Aktau sono particolarmente apprezzate dai turisti cinesi.

“Attualmente, i turisti cinesi possono prendere voli diretti per il Kazakistan da Pechino, Xi'an, Hangzhou e Urumqi, oppure entrare nel paese attraverso i porti terrestri nella regione autonoma dello Xinjiang Uygur. Lo scenario naturale e la cultura locale sono le principali attrazioni”, ha affermato Xu Jia, direttore generale di un’agenzia di viaggi nella provincia del Sichuan.

Lo Xinjiang è adiacente al Kazakistan. Pertanto, alcuni turisti cinesi farebbero prima un tour nella regione autonoma e poi andrebbero in Kazakistan passando per luoghi come Khorgos.

È stato riferito che Khorgos, la stazione internazionale degli autobus autostradali, ha quattro rotte passeggeri internazionali verso il Kazakistan e, con l'arrivo dell'alta stagione turistica, si è verificato un aumento significativo del numero di turisti che viaggiano tra Cina e Kazakistan.

Il Centro internazionale di cooperazione frontaliera di Khorgos, situato nell’area di Khorgos della zona pilota di libero scambio cinese (Xinjiang), è un centro di attività costante. Attraversando il confine tra Cina e Kazakistan, questo centro di cooperazione copre una vasta area di 5.6 chilometri quadrati.

I visitatori provenienti da Cina, Kazakistan e altre nazioni possono viaggiare liberamente dentro e fuori dal centro di cooperazione senza bisogno di visto, consentendo loro di impegnarsi in discussioni d'affari di persona, attività commerciali, turismo e shopping per un massimo di 30 giorni. Il passaggio che collega la Cina e il Kazakistan all'interno del centro di cooperazione ha guadagnato popolarità come luogo pittoresco spesso catturato dai turisti.

Kairat Batyrbayev, direttore esecutivo dell'Associazione eurasiatica di studi internazionali in Kazakistan, ha affermato che il turismo all'estero della Cina è in forte espansione e si prevede che più turisti cinesi sceglieranno di recarsi in Kazakistan nel 2024.

Batyrbayev ha sottolineato che questa iniziativa contribuirà alla crescita del settore turistico del Kazakistan e faciliterà il miglioramento delle infrastrutture essenziali tra cui strade, hotel e ristoranti. Ha inoltre sottolineato che man mano che i turisti cinesi acquisiscono un migliore apprezzamento della cultura, delle tradizioni e della cucina kazaka, ciò favorirà uno scambio culturale più profondo tra le due nazioni.

Circa l'autore

Juergen T. Steinmetz

Juergen Thomas Steinmetz ha lavorato ininterrottamente nel settore dei viaggi e del turismo sin da quando era un adolescente in Germania (1977).
Lui ha fondato eTurboNews nel 1999 come prima newsletter online per l'industria mondiale del turismo di viaggio.

Sottoscrivi
Notifica
ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x
Condividere a...