Compagnie Aeree · XNUMX€ Aeroporto · XNUMX€ Ultime notizie internazionali · XNUMX€ Viaggio di lavoro · XNUMX€ Egitto Ultime notizie · XNUMX€ Industria dell'ospitalità · XNUMX€ Ultime notizie da Israele · XNUMX€ Libano Ultime notizie · XNUMX€ Cosa ce di nuovo · XNUMX€ Ultime notizie dal Qatar · XNUMX€ Sicurezza · XNUMX€ Turismo · XNUMX€ Aggiornamento sulla destinazione del viaggio · XNUMX€ Notizie di Travel Wire · XNUMX€ In voga · XNUMX€ Tunisia Ultime notizie · XNUMX€ Ultime notizie dagli Emirati Arabi Uniti · XNUMX€ Notizie varie

L'economia governa la riapertura dei viaggi a Dubai, Egitto, Libano, Qatar, Tunisia nonostante l'epidemia?

Premio Seychelles - Dubai_0
Premio Seychelles - Dubai_0
Scritto da La linea dei media

I paesi arabi, in particolare quelli fortemente dipendenti dal turismo come Dubai, Egitto e Libano, stanno adottando approcci diversi quando allentano le chiusure che hanno imposto ai loro confini e aeroporti per combattere COVID-19.

Dubai, il più popoloso dei sette emirati che compongono gli Emirati Arabi Uniti, ha riaperto le porte ai visitatori il 7 luglio. La riapertura è avvenuta nonostante la decisione degli Emirati Arabi Uniti di impedire ai suoi residenti di viaggiare all'estero e di impedire agli stranieri di entrare liberamente nei suoi confini.

Dubai è la base di partenza Emirati Arabi Uniti, la più grande compagnia aerea del Medio Oriente e la quarta compagnia aerea al mondo per miglia passeggeri programmate. Emirates ha stabilito una serie di misure di salute e sicurezza per il rilancio dei voli di linea.

I kit igienici gratuiti saranno forniti a ogni passeggero al momento del check-in all'aeroporto internazionale di Dubai e sui voli per Dubai. I kit sono costituiti da maschere, guanti, salviettine antibatteriche e disinfettante per le mani.

Guanti e maschere sono ora obbligatori per tutti i clienti e i dipendenti dell'aeroporto di Dubai, mentre solo le maschere sono obbligatorie sui voli Emirates.

All'arrivo in aeroporto, scanner termici in varie aree monitorano le temperature di tutti i passeggeri e dipendenti. Inoltre, sono stati posizionati indicatori di distanza fisica sul terreno e nelle aree di attesa per aiutare i viaggiatori a mantenere la distanza necessaria nelle aree di check-in, immigrazione, imbarco e trasferimento.

Mohammed Yasin, chief strategy officer di Al Dhabi Capital, ha dichiarato a The Media Line che c'erano pressioni per accelerare la riapertura dei settori del turismo e dell'ospitalità.

Questo, dice, "porterà al riavvio delle operazioni [da parte di] hotel, aeroporto e centri commerciali, che sono aspetti molto importanti dell'economia di Dubai".

Yasin afferma che prima della pandemia, il turismo e i settori correlati rappresentavano "circa il 40%" del PIL dell'emirato.

Insiste sul fatto che Dubai ha la crisi del coronavirus sotto controllo, il suo settore sanitario ha la capacità di curare i pazienti.

“Sono stati aperti ospedali da campo per aumentare la capacità del sistema sanitario e quando il numero di casi ha iniziato a diminuire, alcuni di questi ospedali hanno chiuso. È diventato quindi importante riaprire il settore turistico ”, spiega.

La decisione era correlata alla ricerca sull'equilibrio tra rischio e benefici.

"Ora il peso del vantaggio è diventato maggiore del rischio", afferma.

Il 1 ° luglio l'Egitto ha riaperto i suoi aeroporti per la prima volta da marzo. Anche se giugno ha visto più nuovi casi e morti rispetto ai quattro mesi precedenti messi insieme, il governo ha deciso di sospendere molte misure adottate per contenere il virus al fine di salvare l'economia.

EgyptAir ha annunciato che i passeggeri devono indossare sempre maschere facciali, a partire dall'ingresso in aeroporto, mentre tutti i dipendenti indosseranno dispositivi di protezione individuale (DPI), inclusi schermi per il viso, e saranno regolarmente controllati per la temperatura.

Verranno misurate anche le temperature dei viaggiatori. Sul pavimento sono presenti adesivi spaziali per aiutare i viaggiatori a mantenere una distanza di sicurezza l'uno dall'altro.

EgyptAir ha recentemente rimpatriato più di 5,000 egiziani dall'estero e il Ministero del Turismo ha riaperto monumenti, tra cui le Piramidi di Giza e il Museo Egizio del Cairo.

Mohammed Farhat, analista presso l'Al-Ahram Center for Strategic Studies, ha dichiarato a The Media Line che la decisione del governo è stata ben ponderata visti i costi paralizzanti della chiusura.

"Molti paesi arabi e internazionali hanno preso decisioni simili perché non possiamo restare chiusi - è una situazione eccezionale a causa di circostanze eccezionali", dice.

La decisione egiziana fa parte di una tendenza globale per mantenere le economie aperte in modo che le persone possano continuare a sostenere le loro famiglie, aggiunge.

"Le riserve [finanziarie] globali per situazioni eccezionali sono limitate", osserva. "Ogni paese ha riserve per coprire mesi di entrate e spese interne in situazioni eccezionali, ma queste non possono essere esaurite per una singola crisi".

È molto importante, continua, preservare le riserve internazionali per le crisi future.

“Anche i paesi che hanno enormi riserve non le hanno rischiate, poiché non possiamo esaurire queste riserve globali per una chiusura a causa del coronavirus. I paesi devono avere riserve per altre crisi urgenti ", dice.

L'aeroporto internazionale Rafik Hariri di Beirut ha riaperto ai voli al 10% della capacità il 1 ° luglio, con rigorose misure di sicurezza e igiene in atto.

Le maschere facciali sono obbligatorie per i passeggeri e l'equipaggio all'interno del terminal e sugli aerei. Tutti i viaggiatori sono tenuti a portare un numero sufficiente di maschere e a cambiarle ogni quattro ore. Devono anche portare il proprio disinfettante per le mani.

Jassem Ajaka, professore di economia all'Università libanese, ritiene che la decisione di riaprire l'aeroporto sia significativa non perché aiuterà il settore del turismo, ma perché più valuta straniera entrerà nel Paese.

“Un gran numero di persone infettate dal COVID-19 entra in Libano attraverso l'aeroporto. Pertanto, tenere chiuso l'aeroporto sarebbe la cosa più sicura, ma quando c'è una perdita giornaliera di circa 30 milioni di dollari al giorno [in entrate turistiche], c'è un grosso problema ", ha detto a The Media Line.

Il Libano ha sofferto di una soffocante crisi di liquidità in dollari, che è uno dei fattori alla base delle proteste di piazza in corso nel paese. Prima della sua riapertura, l'aeroporto era aperto agli espatriati che portavano i dollari necessari per sostenere la sterlina libanese e pagare le importazioni di cibo.

"Il Libano non può più andare senza valuta estera", dice. "Nonostante l'aumento dei casi di coronavirus, la valuta è essenziale per il Paese".

In Giordania, il governo ha annunciato questa settimana che il paese inizierà a riaprire i suoi confini e aeroporti ai viaggiatori internazionali ad agosto dopo una chiusura di quattro mesi.

Nel tentativo di ridurre al minimo il rischio, ci sarà un elenco di paesi approvati. Inoltre, i viaggiatori in arrivo devono superare un test del coronavirus almeno 72 ore prima della partenza e fare un secondo test all'arrivo.

Il regno è considerato un'area sicura, visto il successo del governo nel controllare la diffusione del virus.

Mazen Irshaid, un esperto finanziario di Amman che scrive per diversi media arabi, afferma che il turismo è importante poiché rappresentava il 10% del prodotto interno lordo della Giordania prima della pandemia.

"Quando il settore del turismo rinasce, si rifletterà positivamente su altri settori che non sono direttamente collegati ad esso, come i trasporti, l'ospitalità, la ristorazione e altri settori generatori di reddito", ha detto a The Media Line.

Nota che più di un milione di turisti hanno visitato la Giordania l'anno scorso.

"Sulla base delle recenti dichiarazioni dei funzionari, la riapertura sarà graduale e da alcuni paesi a basso rischio, e secondo criteri determinati dallo Stato", dice Irshaid.

Il settore del turismo ha registrato una crescita significativa negli ultimi anni, in particolare dopo che è stata raggiunta una relativa stabilità nei confronti dei vicini Siria e Iraq, afferma.

"L'epidemia di coronavirus ci ha riportato al punto di partenza", aggiunge. "Ha influenzato negativamente non solo il turismo e i suoi fattori correlati, ma anche l'economia in generale".

Il prof.Yaniv Poria, presidente del Dipartimento di gestione alberghiera e del turismo presso l'Università Ben-Gurion del Negev in Israele, ha detto La linea dei media che molte compagnie di viaggio nella regione hanno avuto grossi problemi con la diminuzione dei ricavi e quindi saranno costrette ad aumentare i prezzi in modo sostanziale.

"Devi tenere in considerazione che le compagnie di viaggio in realtà non guadagnano denaro vendendo i biglietti da sole, ma vendendo pacchetti vacanza e hotel come parte di un accordo", ha detto. "Sono sicuro che dopo la fine del coronavirus, i prezzi saranno anche molto più alti".

Le compagnie di viaggio dovranno iniziare a pensare fuori dagli schemi per trovare il modo di rimanere in attività, dice Poria.

“Forse dovrebbero pianificare che merci e passeggeri viaggino sullo stesso aereo. Normalmente abbiamo aerei per merci e aerei per passeggeri. Forse dovremmo dedicare sezioni per il carico e altre sezioni dello stesso aereo per i passeggeri ", ha detto.

"Devono essere creativi per renderlo redditizio", ha aggiunto.

Poria osserva che le compagnie aeree dovranno attenersi a standard e procedure per mantenere la qualità del servizio.

"In passato, il viaggio era un'esperienza e un'avventura che le persone aspettavano con impazienza", ha spiegato. “Adesso sarà sempre meno così. Il servizio non sarà lo stesso. I passeggeri saranno molto scettici non solo sulla qualità del servizio, ma su quanto sarà pulito l'aereo e anche sugli altri passeggeri ".

L'assicurazione sarà un altro fattore importante quando si decide se volare e con quale compagnia aerea, dice Poria, soprattutto perché molti voli vengono cancellati al giorno d'oggi e molti clienti hanno difficoltà a riavere i loro soldi.

"Le compagnie che sono finanziariamente forti e in grado di ... risarcire i passeggeri in caso di cancellazione di un volo sono le compagnie che avranno successo", ha affermato. "In futuro, la questione dell'assicurazione del volo e del risarcimento giocherà un ruolo fondamentale".

La fiducia sarà anche fondamentale per il futuro del turismo, poiché le persone inizieranno a scegliere una compagnia aerea in base a quanto pensano che segua le procedure di sicurezza.

"Molti sceglieranno di volare solo con compagnie aeree che giudicano rigorose nel garantire la salute e la sicurezza dei loro equipaggi e passeggeri", ha detto.

Potrebbero anche verificarsi casi in cui i voli decollano solo se il numero di passeggeri è sufficiente.

"In passato, molte persone hanno preso la decisione di viaggiare uno o due giorni prima, ma non sarà più così", ha detto Poria.

"La gente dovrà pianificare con largo anticipo e non sarà facile", ha continuato. “Sarà molto più complicato. Le persone dovranno fornire certificati di non avere il virus. Dovranno compilare molti moduli prima di partire, quindi non sarà una decisione facile. "

Alcuni passeggeri, crede, voleranno solo quando sarà assolutamente necessario.

“Zoom ci consente di fare cose che prima non pensavamo di poter fare. Anche nel mondo accademico, se puoi tenere una conferenza tramite Zoom, la teniamo tramite Zoom invece di viaggiare ", ha detto. "Amici e parenti che viaggiano per matrimoni, visite o altri eventi sociali saranno molto meno importanti che in passato."

Qatar aha annunciato il 21 luglio che a partire dal 1 ° agosto, i cittadini e i residenti permanenti sarebbero stati autorizzati a viaggiare fuori dal paese e tornare quando lo desiderano.

Gli arrivi da 40 "paesi a basso rischio" dovranno essere sottoposti a un test COVID-19 all'arrivo in aeroporto e firmare un impegno all'auto-quarantena per una settimana.

Dopo sette giorni, verranno sottoposti a un secondo test. In caso negativo, possono uscire dalla quarantena; se positivi, saranno trasferiti in una struttura governativa per l'isolamento.

I viaggiatori provenienti da paesi che non sono nella lista sicura devono ottenere un "certificato privo di virus" da una struttura di test COVID-19 accreditata non più di 48 ore prima del volo e rispettare la politica di quarantena dopo l'arrivo.

A metà giugno, il Organizzazione mondiale del turismo dichiarata Tunisia una destinazione turistica sicura, e il 27 giugno il Paese nordafricano ha riaperto i suoi confini ai turisti.

L'autorità israeliana degli aeroporti ha annunciato il 20 luglio che ai visitatori stranieri, con pochissime eccezioni, sarà vietato l'ingresso nel paese almeno fino al 1 ° settembre. Ci sono rapporti secondo cui il paese continuerà a vietare l'ingresso agli stranieri fino a novembre.

di DIMA ABUMARIA, La MediaLine
#reopeningtravel

 

Stampa Friendly, PDF e Email

Circa l'autore

La linea dei media