eTV 24 ore su 7, XNUMX giorni su XNUMX UltimeNotizieMostra :
Fare clic sul pulsante del volume (in basso a sinistra dello schermo del video)
Ultime notizie internazionali · XNUMX€ Ultime notizie di viaggio · XNUMX€ Notizie governative · XNUMX€ LGBTQ · XNUMX€ News · XNUMX€ Sicurezza · XNUMX€ Turismo · XNUMX€ Offerte di viaggio | Consigli per il viaggio · XNUMX€ Notizie di Travel Wire · XNUMX€ In voga · XNUMX€ Ultime notizie nel Regno Unito · XNUMX€ Notizie varie

In viaggio? Indossa una maschera e condividi la foto delle tue vacanze con WTTC

Rebuilding.travel applaude ma mette anche in dubbio i nuovi protocolli di viaggio sicuro del WTTC
timbro di viaggio sicuro wttc

Il WTTC include l'uso di una maschera facciale come la nuova normalità quando si viaggia. Sono così convinti che vogliono che i viaggiatori mandino loro una foto.

 Il World Travel & Tourism Council (WTTC) ha invitato tutti i viaggiatori a indossare maschere protettive per mostrare che "indossano per prendersi cura" nella nuova normalità del viaggio.

Mentre i paesi passano dai blocchi alla riapertura dei loro confini, l'uso di maschere per il viso aiuta a segnalare il ritorno di viaggi più sicuri, fornendo allo stesso tempo protezione personale per gli utenti e per coloro che li circondano.

Il consiglio del WTTC a favore dell'obbligo di indossare la maschera proviene dall'evidenza che i paesi che si stanno riprendendo più velocemente ed evitano il secondo picco di COVID-19 sono quelli in cui l'uso di maschere facciali è stato ampiamente applicato e incoraggiato. 

Seguendo la guida medica della Harvard TH Chan School of Public Health, WTTC consiglia di indossare maschere su tutte le forme di trasporto durante l'intero viaggio del viaggiatore, così come quando si visitano luoghi interni o quelli con movimenti limitati che si traducono in uno stretto contatto personale con due metri o meno.

WTTC ha chiesto ai governi di tutto il mondo di imporre l'uso di maschere per il viso, oltre a richiedere il supporto del settore privato per ricordare ai clienti i loro obblighi di proteggere la loro salute e quella dei compagni di viaggio.

Abbracciare l'uso di maschere per il viso ridurrà il rischio di trasmissione, proteggerà l'utente e coloro che lo circondano, oltre a reintrodurre un senso di normalità. mentre impariamo a convivere con il virus fino a quando non viene trovato un vaccino.

Le nuove raccomandazioni seguono la scia del WTTC che ha recentemente pubblicato le sue nuove linee guida per viaggi sicuri e senza interruzioni, inclusi test e tracciamento per garantire che le persone possano godersi viaggi sicuri nella "nuova normalità".

Il lavaggio frequente delle mani e l'uso di disinfettanti per le mani completano l'uso di maschere per il viso che possono ridurre significativamente il rischio di trasmissione di COVID-19.

Gloria Guevara, Presidente e CEO di WTTC, ha dichiarato: “La sicurezza e l'igiene dei viaggiatori e di coloro che lavorano nel settore dei viaggi e del turismo sono di fondamentale importanza, motivo per cui ora consigliamo vivamente che le maschere siano obbligatorie.

“'Wear to care' promuove la protezione degli utenti di maschere e mostra visibilmente che si preoccupano per il benessere e la sicurezza dei loro compagni di viaggio, il che aiuterà a salvare vite umane e incoraggerà il ritorno di viaggi sicuri.

“L'uso di maschere non dovrebbe essere politicizzato. Indossare una maschera deve diventare parte della vita di tutti i giorni per garantire a tutti di viaggiare in sicurezza fino a quando non viene trovato un vaccino per COVID-19. Chiediamo al settore privato e ai governi globali di incoraggiarne l'uso, quindi indossare una maschera diventa la nuova normalità ".

Ramon Sánchez, Principal Investigator e Research Associate presso l'Università di Harvard, TH Chan School of Public Health, ha dichiarato: “È stato dimostrato che indossare maschere per il viso fornisce il più alto livello di protezione contro la trasmissione (82%). La costante igiene delle mani e la pulizia delle superfici, che uccide oltre il 90% dei virus che si trovano sulle superfici, impediscono inoltre al virus di raggiungere il viso dalle mani.

“Il pubblico dovrebbe mantenere una distanza di due metri ogni volta che può, tuttavia, se ciò semplicemente non è possibile, le persone dovrebbero aumentare la ventilazione intorno a loro. All'interno degli edifici, questo può essere fatto aprendo porte e finestre che diminuiscono la concentrazione virale di oltre il 70%.

"La ventilazione meccanica, come l'aria condizionata, la diminuisce dell'80% mentre andare all'aperto si rivela più efficace diminuendo la concentrazione virale tra il 90% e il 95%."

WTTC ha guidato una serie di iniziative volte a ricostruire la fiducia dei consumatori globali e incoraggiare il ritorno di viaggi sicuri.

WTTC: Il Coronavirus mette a rischio 50 milioni di posti di lavoro nel settore viaggi e turismo

WTTC: Il Coronavirus mette a rischio 50 milioni di posti di lavoro nel settore viaggi e turismo

Protocolli di viaggi sicuri sono stati sviluppati per il settore globale dei viaggi e del turismo che si è concentrato su misure per guidare il business verso società di autonoleggio, aeroporti, tour operator, attrazioni e noleggi a breve termine tra molti altri settori di viaggio, per consentire loro di seguire rigorosi regimi sanitari e igienici quando riaprire le loro attività.

Il benessere dei viaggiatori e dei milioni di persone che lavorano nel settore dei viaggi e del turismo è fondamentale per i protocolli. Oltre ad essere sostenuti dall'Organizzazione mondiale del turismo delle Nazioni Unite (UNWTO), sono stati anche ampiamente adottati da migliaia di aziende in tutto il mondo.

I viaggiatori di tutto il mondo possono essere coinvolti nella campagna WTTC condividendo foto di se stessi che viaggiano con orgoglio con le loro maschere e condividendo l'hashtag # wear2care.

Rebuilding.travel applaude al WTTC di chiedere ai governi di rendere obbligatorio indossare una maschera.

Stampa Friendly, PDF e Email

Circa l'autore

Juergen T Steinmetz

Juergen Thomas Steinmetz ha lavorato ininterrottamente nel settore dei viaggi e del turismo sin da quando era un adolescente in Germania (1977).
Lui ha fondato eTurboNews nel 1999 come prima newsletter online per l'industria mondiale del turismo di viaggio.