eTV 24 ore su 7, XNUMX giorni su XNUMX UltimeNotizieMostra : Fare clic sul pulsante del volume (in basso a sinistra dello schermo del video)
Ultime notizie dall'Australia · XNUMX€ Ultime notizie internazionali · XNUMX€ Ultime notizie di viaggio · XNUMX€ Ultime notizie dalla Cina · XNUMX€ Ultime notizie da Hong Kong · XNUMX€ News · XNUMX€ Responsabile · XNUMX€ Sicurezza · XNUMX€ Ultime notizie dalla Corea del Sud · XNUMX€ Taiwan Ultime notizie · XNUMX€ Turismo · XNUMX€ Aggiornamento sulla destinazione del viaggio · XNUMX€ Notizie di Travel Wire · XNUMX€ In voga · XNUMX€ Notizie varie

Quelli da tenere d'occhio: 5 paesi sulla via del recupero da COVID-19

Quelli da tenere d'occhio: 5 paesi sulla via del recupero da COVID-19
Quelli da tenere d'occhio: 5 paesi sulla via del recupero da COVID-19

Con oltre tre milioni di casi confermati e oltre 200,000 decessi nel mondo, ci sono pochi segni di COVID-19 pandemia che rallenta la sua furia in tutto il mondo. Migliaia di persone contraggono il virus ogni giorno, con Stati Uniti, Spagna, Italia, Francia e Iran alcuni dei paesi più colpiti. Tuttavia, alcuni altri paesi sembrano essere riusciti a rallentare il tasso di nuovi casi e ora sembrano essere su un percorso lento e forse difficile verso la ripresa. Eccoli:

 

  1. Cina: La Cina, epicentro dell'epidemia di COVID-19, sembra aver controllato notevolmente la trasmissione del virus. Circa l'89% dei pazienti affetti da coronavirus in Cina si è ripreso e è stato dimesso dagli ospedali, secondo i rapporti della Commissione sanitaria nazionale del paese. La gravità e la portata delle misure di contenimento attuate dal governo cinese hanno portato a una drastica diminuzione del numero di casi giornalieri.

 

  1. Corea del Sud: Un altro paese che si è ripreso in modo efficiente è la Corea del Sud. Il loro modello di strategia "traccia, prova e tratta" ha contribuito ad appiattire in modo significativo la curva COVID-19, un modello che è ammirato da molti altri paesi occidentali. A differenza della maggior parte dei paesi colpiti, la Corea del Sud ha fatto affidamento su test diffusi e tracciamento digitale dei casi sospetti per contenere la pandemia, invece di imporre blocchi o coprifuoco.

 

  1. Hong Kong: Nonostante la sua vicinanza alla Cina, Hong Kong è riuscita a contenere l'epidemia adottando misure per prevenire trasmissioni interne. Le autorità hanno implementato una quarantena obbligatoria di 14 giorni per chiunque provenga dalla Cina. Sono stati anche rapidi nell'istituire strutture di quarantena e letti a pressione negativa per un adeguato isolamento e nell'applicazione di misure di allontanamento sociale come lavorare da casa, cancellare eventi pubblici e chiudere le scuole.

 

  1. Taiwan: Taiwan è riuscita a contenere il virus con successo, anche se si trova a poco più di 128 km (80 miglia) dalla Cina continentale. Imparando dalla precedente epidemia di SARS, il governo è entrato in azione non appena si è sparsa la voce su una malattia simile alla polmonite a Wuhan nel dicembre 2019. Hanno iniziato uno screening approfondito dei viaggiatori di Wuhan dal 31 dicembre, istituito un sistema per rintracciare quelli che erano in se stessi in quarantena e in gennaio ha incrementato la produzione di apparecchiature mediche per uso domestico. Sono stati anche il primo paese a vietare i voli da Wuhan, il 26 gennaio. L'utilizzo dei big data per il monitoraggio intensivo della salute della popolazione e l'eccellente sistema sanitario pubblico di Taiwan hanno contribuito a limitare la diffusione del virus.

 

  1. Australia: Sebbene il suo isolamento geografico e la bassa densità di popolazione siano vantaggi intrinseci, la forte risposta pubblica del governo ha davvero portato la pandemia ben sotto controllo nel paese. L'Australia è stato uno dei primi paesi occidentali a vietare i voli dalla Cina il 1 ° febbraio 2020, una decisione che ha contribuito a prevenire la diffusione dell'infezione. Ha inoltre implementato un divieto indefinito di vasta portata su tutti gli arrivi internazionali il 20 marzo, interrompendo efficacemente la trasmissione del virus dall'estero, che ha rappresentato la maggior parte dei casi nel paese. Anche rigide misure di allontanamento sociale, come gli ordini di soggiorno a casa, hanno contribuito a ridurre la trasmissione della comunità. Fondamentalmente, le autorità sanitarie hanno condotto ampi test comunitari per il virus in luoghi ad alto rischio, risultando in uno dei più alti tassi pro capite di test di patologia diagnostica per COVID-19 nel mondo e consentendo di sopprimere drasticamente la curva di infezione in una questione di settimane anziché mesi.

#rebuildingtravel

Stampa Friendly, PDF e Email

Circa l'autore

Capo redattore incaricato

Capo redattore incarico è OlegSziakov