Ultime notizie internazionali · XNUMX€ Ultime notizie di viaggio · XNUMX€ Isole Vergini britanniche (BVI) Ultime notizie · XNUMX€ Crociera · XNUMX€ Notizie governative · XNUMX€ Industria dell'ospitalità · XNUMX€ Notizie di lusso · XNUMX€ Cosa ce di nuovo · XNUMX€ Resort · XNUMX€ Responsabile · XNUMX€ Sicurezza · XNUMX€ Turismo · XNUMX€ Trasporti in Damanhur · XNUMX€ Aggiornamento sulla destinazione del viaggio · XNUMX€ Notizie di Travel Wire · XNUMX€ In voga · XNUMX€ Notizie varie

Le Isole Vergini britanniche vietano le navi da crociera e chiudono il porto di Tortola

Le Isole Vergini britanniche mettono la moratoria sulle navi da crociera, chiudono il porto di Tortola
Porto crociere di Tortola

Il 14 marzo, citando il Organizzazione Mondiale della Sanità (WHO) dichiarando COVID-19 una pandemia, il governo delle Isole Vergini ha annunciato l'immediata chiusura del porto crocieristico di Tortola, consentendo a nessuna nave da crociera di fare scalo sul territorio per un periodo di 30 giorni nel tentativo di proteggere il territorio da potenziali contaminazioni. Al momento non ci sono casi confermati nelle isole.

Inoltre, il numero di porti internazionali di ingresso nelle Isole Vergini Britanniche (BVI) è stato limitato per facilitare lo screening efficace dei passeggeri. I tre porti che rimangono aperti sono l'aeroporto internazionale di Terrance B. Lettsome, i terminal dei traghetti di Road Town e West End e un porto di ingresso per le merci: Port Purcell. Non sarà consentito l'ingresso di passeggeri e membri dell'equipaggio che hanno viaggiato verso, da o attraverso i paesi interessati da COVID-19 come specificato in un elenco di paesi di particolare interesse entro un periodo di 14 giorni o meno. Inoltre, l'ingresso di passeggeri e membri dell'equipaggio che hanno viaggiato verso, da o attraverso i paesi colpiti da COVID-19 classificati come paesi ad alto rischio entro un periodo di 14 giorni o meno immediatamente prima del loro arrivo nel territorio, sarà soggetto a procedure di screening e può essere messo in quarantena per un periodo massimo di 14 giorni in base all'esito della valutazione del rischio.

A livello locale, eventuali raduni o festival di massa che avrebbero dovuto svolgersi nelle Isole Vergini Britanniche durante il mese successivo verranno posticipati fino a nuovo avviso. Ciò include la regata di primavera BVI 2020, in programma dal 30 marzo al 5 aprile, e il Festival di Pasqua di Virgin Gorda in programma dall'11 al 13 aprile.

"Dopo un'attenta considerazione, le Isole Vergini britanniche hanno preso la decisione prudente di mettere in atto misure rigorose per migliorare temporaneamente i protocolli per l'ingresso nel Territorio fino al 13 aprile", ha affermato l'onorevole Andrew A. Fahie, Premier, Ministro delle finanze e Ministro responsabile per Turismo. “È fondamentale dare la priorità alle nostre risorse limitate per salvaguardare i nostri residenti e i nostri ospiti. Il turismo è il nostro pilastro ed è importante che adottiamo misure per garantire la nostra sostenibilità a lungo termine ".

Il premier Fahie ha proseguito: “La nostra industria del turismo ha affrontato molte crisi in passato, dai disastri naturali alle epidemie, e siamo sempre usciti forti dall'altra parte. Dopo tanta attesa, siamo all'inizio di un grande anno celebrativo poiché molti dei nostri amati prodotti del resort stanno finalmente riaprendo dopo una vasta ricostruzione. Prevediamo inoltre che questa estate sarà impegnata nelle Isole Vergini Britanniche con il dirottamento delle crociere e del servizio aereo da e verso i Caraibi ".

Si ricorda al pubblico di prendere tutte le precauzioni necessarie contro la contrazione del coronavirus. Il rischio può essere ridotto implementando misure di protezione personale, come lavarsi frequentemente le mani, coprirsi naso e bocca quando si tossisce o starnutisce ed evitando il contatto ravvicinato con persone affette da malattie respiratorie acute.

Stampa Friendly, PDF e Email

Circa l'autore

Capo redattore incaricato

Capo redattore incarico è OlegSziakov