La pandemia di COVID porta a tariffe alberghiere confuse

Ultimo aggiornamento:

Secondo l'ultimo Hotel Guest Survey di BVA BDRC, la percezione dei consumatori nel Regno Unito su dove trovare la tariffa migliore è diventata più confusa a causa della pandemia.

Il rapporto ha rilevato che l'adesione ai programmi di fidelizzazione non ha favorito i marchi alberghieri, con le OTA che hanno anche raccolto membri, suggerendo che era necessaria un'altra strategia per attirare gli ospiti alle prenotazioni dirette.

La percezione dei consumatori su dove trovare la tariffa migliore ha favorito le OTA, con il 33% degli intervistati, con i siti web degli hotel a ridosso del 27%, sebbene entrambe le opzioni fossero diminuite negli ultimi tre anni, rispettivamente dal 41% e dal 28%. La percentuale di viaggiatori che non lo sapeva era raddoppiata nel periodo, suggerendo una certa confusione nel mercato.

James Bland, direttore di BVA BDRC, ha dichiarato: "Le catene alberghiere globali hanno sviluppato i loro programmi di frequenza con l'intenzione di aumentare le prenotazioni dirette e ridurre i costi di riempimento dei letti per i loro proprietari.

“La pandemia ha significato un rapido calo del numero di viaggiatori d'affari, che costituiscono la maggior parte dei membri del programma di frequenza. Con il mercato più dipendente dai viaggiatori di piacere, le catene hanno dovuto appoggiarsi ad altri canali per attirare gli ospiti e, con la riapertura dei viaggi, devono impegnarsi nuovamente con i consumatori per ridurre i costi di acquisizione".

In termini di canali di prenotazione, il 59% di i viaggiatori preferivano i siti dei marchi alberghieri, mentre, per le prenotazioni per il tempo libero, il 56% preferiva tutti gli altri siti. Dei canali di prenotazione. booking.com è stato il più visitato, con il 56% dei viaggiatori che lo ha guardato o utilizzato, con il proprietario del Premier Inn Whitbread il più visitato dei siti a marchio dell'hotel, al nono nell'elenco dei canali.

Come ciò suggerisce, Premier Inn deteneva sia il vantaggio del marchio che la classifica del marchio, seguito da Hilton Hotels & Resorts, quindi Holiday Inn.

In termini di consapevolezza per livello, Premier Inn si è classificato al primo posto tra gli hotel economici, con Holiday Inn in testa al mercato medio, Hilton Hotels & Resorts al servizio completo superiore e Ritz Carlton in Luxury. Del marchio di alloggi in famiglia, Airbnb ha in qualche modo guidato il campo.

Rivolgendosi ai programmi fedeltà, il 40% di tutti gli intervistati era membro di almeno un programma, salendo al 64% dei viaggiatori d'affari. Il 23% degli intervistati della Generazione Y aveva un abbonamento. Hilton Honors è stato il programma più popolare, contando il XNUMX% degli intervistati, con i programmi OTA – Expedia e hotels.com – al secondo posto nella classifica.

L'attrazione del mercato interno del Regno Unito per i viaggiatori di piacere è rimasta stabile, con l'80% degli ospiti di piacere che avevano già prenotato un soggiorno domestico, o era molto probabile che lo facesse, con le vacanze in città la scelta più popolare. Anche le pressioni sui costi avvertite dal consumatore sono state un fattore determinante, con il rapporto qualità-prezzo che ha guidato le decisioni di prenotazione.

Bland ha dichiarato: "I consumatori stanno diventando più a loro agio con l'idea di prenotare una vacanza internazionale, ma mentre stiamo assistendo a quei tiri verdi per i viaggi in uscita, quasi il doppio degli adulti ha prenotato una vacanza nel Regno Unito nel mese di gennaio, l'incidenza più alta dall'inizio del monitoraggio .

"Il comfort all'idea di soggiornare in hotel e altri tipi di alloggi a pagamento è aumentato in modo significativo quando i timori guidati da Omicron si sono attenuati e il settore dell'alloggio si sta avvicinando alla norma pre-pandemia in termini di livelli di comfort dei consumatori.

“Ciò che resta da vedere è se questa ripresa durerà o se sarà un ultimo evviva prima che la crisi del costo della vita inizi a farsi sentire. Come abbiamo visto dal nostro sondaggio, il valore è un fattore trainante per i consumatori e ci sono altri fattori diretti verso di noi, tra cui l'aumento del tetto massimo del prezzo dell'energia e le possibili ripercussioni economiche della guerra di Putin in Ucraina".

Il mercato nazionale del tempo libero ha dominato il settore durante la pandemia, con una media di 3.8 viaggi di piacere effettuati negli ultimi due anni, contro 1.3 viaggi di lavoro domestici. Spiaggia e le pause erano popolari, poiché non erano disponibili climi più esotici.

Lo studio BVA BDRC ha rilevato che la fiducia nei viaggi stava crescendo, con il 47% dei consumatori del Regno Unito felice di prenotare un viaggio nazionale da intraprendere tra pochi mesi e il 32% da partire ora. Man mano che gli ospiti sono diventati più a loro agio con il soggiorno in hotel, hanno anche iniziato a tornare nelle città. Guardando alle intenzioni future per i prossimi 12 mesi, il 47% stava pianificando una vacanza in città, mentre il 34% voleva visitare un'area locale o un'attrazione e il 32% mirava a visitare amici o parenti.

Bland ha affermato: "Molti nel settore hanno ritenuto che, una volta che i viaggi internazionali fossero diventati più certi, i consumatori sarebbero tornati ai vecchi schemi e sarebbero tornati alla ricerca del sole estivo. Invece possiamo vedere che il mercato interno è sopravvissuto alla pandemia e, con l'ulteriore influenza delle preoccupazioni sui prezzi e l'impatto dei viaggi sui cambiamenti climatici, potrebbe rimanere vivace.

"Per continuare ad attrarre ospiti, gli hotel devono capire che non hanno più un mercato vincolato, ma devono competere, se non sul tempo, sul valore e sull'esperienza, poiché i consumatori cercano di sfruttare al meglio il loro tempo e denaro".

Stampa Friendly, PDF e Email

Related News