Tendenze di viaggio globali in Asia-Pacifico

Ultimo aggiornamento:

L'allentamento delle restrizioni di viaggio in tutto il -La regione del Pacifico (APAC) ha portato a un chiaro aumento delle prenotazioni, secondo i dati di Trip.com. Sebbene la ripresa del settore dei viaggi e del turismo asiatico varierà in base al mercato, iniziano a emergere segnali incoraggianti di ripresa, poiché le restrizioni vengono ridotte e i confini riaprono in tutta la regione.

Un recente rapporto della Pacific Asia Travel Association (PATA) prevede che gli arrivi di visitatori internazionali in Asia aumenteranno del 100% tra il 2022 e il 2023, poiché la domanda raggiunge il picco prima di tornare a tassi di crescita più normali nel tempo. Gli ultimi dati di certo supportano questa proiezione. Dal 1 aprile al 5 maggio, il totale degli ordini effettuati sul sito nella regione APAC è cresciuto del 54% anno su anno, un aumento significativo rispetto ai dati di marzo (che mostrano un aumento del 22% anno su anno).

Analizzando gli ultimi dati, è chiaro che una maggiore fiducia dei consumatori sta gradualmente tornando al settore, con molti mercati asiatici che hanno visto un recente aumento delle prenotazioni.

Thailandia: le prenotazioni aumentano in vista dell'alta stagione

La Thailandia continua a eliminare ulteriori restrizioni ai viaggi in entrata. Da maggio, il paese non richiede più ai visitatori internazionali completamente vaccinati di sottoporsi a un test COVID-19 prima del volo o all'arrivo.

Con l'allentamento delle restrizioni, le prenotazioni sono in aumento. Per il mese di aprile, le prenotazioni complessive (compresi voli, alloggio, noleggio auto e biglietti/tour) sono aumentate dell'85% su base annua sul sito tailandese della compagnia. Le prenotazioni di voli standalone sono aumentate del 73% su base annua, con un aumento significativo delle prenotazioni di alloggi, al 130% su base annua.

Venerdì 22 aprile, giorno in cui la Thailandia ha annunciato che i test COVID-19 per i viaggiatori in entrata completamente vaccinati non sarebbero più stati richiesti, il numero di utenti che hanno visualizzato gli hotel locali del paese è aumentato del 29% (rispetto ai dati del venerdì precedente), mentre i residenti le prenotazioni dei voli sono cresciute di circa il 20%.

Secondo recenti rapporti, l'Autorità per il turismo della Thailandia spera di attirare più di un milione di viaggiatori al mese durante la sua imminente alta stagione, con i visitatori incoraggiati a somministrare autonomamente i test antigenici durante il loro soggiorno piuttosto che la quarantena in un hotel. Ad aprile, il turismo inbound in Thailandia è arrivato principalmente da Corea del Sud, Singapore e Cambogia con un aumento dei clienti da paesi più lontani previsto nei prossimi mesi.

Hong Kong: riprendono i tour locali

Sebbene Hong Kong abbia recentemente sperimentato una quinta ondata di pandemia, questa ha continuato a diminuire ad aprile, con la ripresa di molti tour locali in città e l'allentamento delle restrizioni sul distanziamento sociale.

I residenti di Hong Kong attendono con impazienza un ritorno alla vita normale, con la riapertura di spiagge e piscine il 5 maggio e bar, discoteche, sale karaoke e crociere che riprenderanno le operazioni il 19 maggio.

I dati supportano segnali incoraggianti di ripresa del mercato, con le prenotazioni di alloggi locali ad aprile in aumento del 6% su base annua. Grazie all'ulteriore allentamento delle restrizioni di viaggio, comprese le politiche di distanziamento sociale e le regole di sospensione dei voli, entro la fine di aprile, i visitatori unici complessivi e gli ordini di prodotti (sia nazionali che internazionali) erano quasi il doppio rispetto a febbraio, quando Hong Kong è stata pesantemente colpita da COVID-19.

Inoltre, a maggio, i non residenti possono entrare a Hong Kong per la prima volta in oltre due anni, con il turismo in entrata che dovrebbe aumentare in modo incrementale, oltre a un previsto aumento dei soggiorni.

Il governo di Hong Kong sta anche cercando di incoraggiare e aumentare il consumo locale in generale, così come nel settore dei viaggi, e ad aprile ha emesso una nuova serie di buoni consumo.

Corea del Sud: i voli internazionali guidano la ripresa

La Corea del Sud ha riaperto il 1 aprile, con i viaggiatori completamente vaccinati ora in grado di entrare e muoversi liberamente all'interno del Paese senza alcuna misura di quarantena. Positivamente, anche i mandati delle maschere per esterni verranno revocati a maggio, con un aumento previsto anche per i voli internazionali. Il paese prevede di riprendere circa la metà del numero di voli pre-pandemia entro la fine dell'anno.

FlightGlobal ha riportato 420 voli internazionali settimanali nel paese ad aprile, poco meno del 9% dei livelli pre-pandemia.

I dati dimostrano anche che i voli stanno guidando la ripresa del mercato, con un aumento del 383% su base annua delle prenotazioni di voli ad aprile e un ulteriore aumento del 39% nello stesso periodo di marzo. Anche il numero di utenti che visualizzano i prodotti di volo dal 1 marzo è aumentato di quasi il 150% su base annua.

Poiché il Paese continua ad allentare le restrizioni sui viaggi internazionali, abbiamo anche assistito al boom della domanda di viaggi internazionali sul sito coreano dell'azienda. Le prenotazioni di voli in uscita sono triplicate ad aprile, rispetto a febbraio; e anche le prenotazioni alberghiere all'estero sono cresciute, rispettivamente del 60% e del 175% a marzo e aprile, rispetto a febbraio.

In termini di destinazioni d'oltremare, le rotte internazionali più popolari dalla Corea erano verso Vietnam, Filippine, Stati Uniti, Thailandia e Indonesia, con città come Ho Chi Minh City, Manila, Hanoi, e la classifica di Da Nang tra le prime cinque destinazioni di fuga per i viaggiatori coreani.

Vietnam: un forte mercato del turismo interno sostenuto dai voli internazionali

Il Vietnam ha riaperto completamente i suoi confini ai viaggiatori internazionali dal 15 marzo. Di conseguenza, il paese ha visto un sostanziale rimbalzo del turismo, con i visitatori internazionali in Vietnam ad aprile che hanno raggiunto 101,400 arrivi, più di cinque volte in più rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso. Anche l'appetito per i viaggi nazionali è aumentato. I dati mostrano che le prenotazioni alberghiere nazionali nel paese sono aumentate del 247% su base annua rispetto al 2021.

Anche le prenotazioni di voli internazionali hanno registrato un netto aumento grazie all'allentamento delle restrizioni, con i dati del 2022 che mostrano un aumento del 265% rispetto ai dati del 2021. Sebbene i visitatori debbano comunque ottenere un risultato negativo del test COVID-19 prima della partenza, un'esenzione dal visto di 15 giorni è in atto per gli arrivi da 13 nazioni chiave (tra cui Giappone, Corea del Sud, Francia, Spagna e Regno Unito) che spera di stimolare ulteriormente la ripresa.

Per il 2022, le rotte di volo più popolari per il Vietnam provengono da Corea del Sud, Thailandia, Giappone, Singapore e Malesia.

In breve

I dati sullo stato attuale del mercato asiatico sono sicuramente incoraggianti, con interessi e prenotazioni in aumento e fiducia dei consumatori in aumento. Con l'avvicinarsi dell'estate, un rapporto di Skyscanner, anche un sottomarchio di Trip.com Group, suggerisce che molti viaggiatori internazionali vogliono spendere di più e viaggiare di più per compensare la mancanza di viaggi durante la pandemia, con molti che pensano all'alta stagione e visitare la regione APAC per le vacanze.

Stampa Friendly, PDF e Email

Related News