L'auto volante BMW ha ricevuto il certificato ufficiale di aeronavigabilità
L'auto volante BMW ha ricevuto il certificato ufficiale di aeronavigabilità

Dopo aver completato 70 ore di "rigorosi test di volo", che includevano oltre 200 tra decolli e atterraggi, l'autorità slovacca dei trasporti ha assegnato un "certificato ufficiale di aeronavigabilità" al Klein Vision AirCar alimentato da un motore BMW da 1.6 litri, che può trasformarsi da un veicolo stradale in un piccolo aereo.

Secondo Klein Vision, tutti i test di volo sono stati pienamente conformi al Agenzia europea per la sicurezza aerea (EASA) standard.

"Gli impegnativi test di volo includevano l'intera gamma di manovre di volo e prestazioni e hanno dimostrato una sorprendente stabilità statica e dinamica nella modalità aereo", ha affermato Klein Vision in un comunicato stampa.

Il termoprotettore Klein Vision AirCar funziona con "carburante venduto in qualsiasi stazione di servizio", ha affermato Anton Zajac, co-fondatore di Klein Vision. Il veicolo può volare a un'altitudine operativa massima di 18,000 piedi, ha aggiunto. Ci vogliono due minuti e 15 secondi per trasformarsi da auto in aereo. Le ali e la coda si ripiegano automaticamente per la guida su strada.

Un portavoce di Klein Vision ha anche affermato che per pilotare il veicolo ibrido è necessaria la licenza di pilota. Ha espresso la speranza di avere l'AirCar disponibile in commercio entro 12 mesi.

A giugno, l'auto volante ha completato un volo di prova di 35 minuti tra gli aeroporti di Nitra e la capitale Bratislava in Slovacchia. Dopo l'atterraggio, l'aereo si è trasformato in un'auto ed è stato portato in centro città.

“La certificazione AirCar apre le porte alla produzione in serie di auto volanti molto efficienti. È la conferma ufficiale e definitiva della nostra capacità di cambiare per sempre i viaggi a media distanza”, ha affermato Stefan Klein, inventore dell'AirCar.

La BMW iniziò come produttore di motori aeronautici, ma dopo la prima guerra mondiale alla Germania fu proibito di fabbricare aeroplani o motori per loro (per cinque anni). Così la passò alla produzione di motociclette e automobili. Nel 1924 ripresero la produzione di motori aeronautici, per poi interrompersi nel 1945. L'iconico logo con i quattro quadranti colorati rappresenta l'elica di un aeroplano in rotazione.

Stampa Friendly, PDF e Email

Related News