Nuovo brevetto giapponese sul vaccino contro il cancro ovarico

Scritto da editore

Anixa Biosciences, Inc., una società di biotecnologie focalizzata sul trattamento e la prevenzione del cancro e delle malattie infettive, ha annunciato oggi che l'Ufficio brevetti giapponese ha emesso una decisione sulla concessione di un brevetto alla Cleveland Clinic dal titolo "Vaccini contro il cancro ovarico". La tecnologia è stata inventata dai Drs. Vincent K. Tuohy, Suparna Mazumder e Justin M. Johnson alla Cleveland Clinic. Anixa è il licenziatario mondiale della tecnologia del vaccino. I brevetti per la tecnologia sono stati rilasciati negli Stati Uniti e in Europa nel 2021.  

Stampa Friendly, PDF e Email

“Siamo lieti di annunciare questa ulteriore protezione della proprietà intellettuale del nuovo vaccino contro il cancro ovarico di Anixa, che è stato sviluppato presso la Cleveland Clinic ed è in fase di studio presso l'NCI. Questa tecnologia unica ha il potenziale per essere il primo vaccino a prevenire il cancro ovarico, che rimane uno dei tumori più devastanti e difficili da curare", ha affermato il dottor Amit Kumar, CEO, Presidente e Presidente di Anixa Biosciences. “Se avrà successo, questo vaccino potrebbe prevenire la comparsa del cancro ovarico e evitare che i pazienti si sottopongano a chemioterapia e trattamenti chirurgici estesi e potenzialmente salvare vite umane. Non vediamo l'ora di continuare il nostro lavoro preclinico nella speranza che questo vaccino si aggiunga all'arsenale necessario per colpire questo cancro difficile e alla fine fare la differenza per molti pazienti".

Il vaccino contro il cancro ovarico prende di mira il dominio extracellulare del recettore 2 dell'ormone anti-mulleriano (AMHR2-ED), che è espresso nelle ovaie ma scompare quando una donna raggiunge e avanza durante la menopausa. Da notare che la maggior parte delle diagnosi di cancro ovarico si verifica dopo la menopausa e l'AMHR2-ED è nuovamente espresso nella maggior parte dei tumori ovarici. Ricevendo un vaccino come quello di Anixa che mira all'AMHR2-ED dopo aver raggiunto la menopausa, è possibile impedire lo sviluppo del cancro ovarico, storicamente uno dei tumori ginecologici più aggressivi.

Il lavoro preclinico per far avanzare il vaccino è in corso attraverso il programma PREVENT presso il National Cancer Institute (NCI), che supporta interventi preclinici innovativi e biomarcatori per la prevenzione e l'intercettazione del cancro. I dati preclinici pubblicati su Cancer Prevention Research nel 2017 supportano il continuo progresso verso gli studi clinici.

Stampa Friendly, PDF e Email

Related News

Circa l'autore

editore

Il caporedattore di eTurboNew è Linda Hohnholz. Ha sede nel quartier generale di eTN a Honolulu, Hawaii.

Lascia un tuo commento