Studio di Harvard: gli "effetti collaterali" del vaccino COVID-19 sono nella tua mente

Studio di Harvard: gli "effetti collaterali" del vaccino COVID-19 sono nella tua mente
Studio di Harvard: gli "effetti collaterali" del vaccino COVID-19 sono nella tua mente
Scritto da Harry Johnson

Gli scienziati del Beth Israel Deaconess Medical Center di Boston sono giunti alla conclusione che il cosiddetto "effetto nocibo" - sensazioni spiacevoli causate da ansia o cattive aspettative - rappresentava tre quarti di tutti gli effetti collaterali del vaccino segnalati.

Stampa Friendly, PDF e Email

Dopo aver esaminato i rapporti di oltre 45,000 partecipanti alla sperimentazione clinica, Harvard Medical School i ricercatori hanno detto che la maggior parte del Vaccino contro il covid-19 "effetti collaterali" che le persone affermano di sperimentare dopo il jab, causati dalle aspettative delle persone e non dai vaccini.

Molte persone sono così preoccupate Vaccino contro il covid-19 "effetti collaterali" li avvertono effettivamente anche se ottengono il placebo, mostra una nuova ricerca.

Vari effetti collaterali "sistemici", come mal di testa, stanchezza e dolori articolari sono stati segnalati in entrambe le metà del gruppo di ricerca: da coloro che hanno ricevuto vari vaccini COVID-19 e da coloro che hanno ricevuto inconsapevolmente il placebo. 

Dopo aver analizzato i rapporti, gli scienziati con sede a Boston Beth Israel Deaconess Medical Center è giunto alla conclusione che il cosiddetto 'effetto nocibo' - sensazioni spiacevoli causate da ansia o cattive aspettative - rappresentava tre quarti di tutti gli effetti collaterali del vaccino segnalati.

Il rapporto, pubblicato sulla rivista JAMA Network Open, afferma che il 35% dei pazienti che hanno ricevuto il placebo ha riportato effetti collaterali dopo la prima dose e il 32% dopo la seconda. Significativamente più "eventi avversi" (AE) sono stati segnalati nei gruppi vaccinati, ma le cosiddette "risposte nocibo" hanno rappresentato "il 76% degli eventi avversi sistemici dopo il primo Vaccino contro il covid-19 dose e il 52% dopo la seconda dose.

Gli scienziati osservano che, sebbene le ragioni dell'esitazione alla vaccinazione siano "diverse e complesse", le preoccupazioni sui potenziali effetti collaterali del Vaccini contro il covid-19 "sembra essere un fattore importante" e "i programmi di vaccinazione pubblici dovrebbero considerare queste risposte ad alto nocebo".

Uno di Harvard Medical School i professori coinvolti nella ricerca, hanno spiegato la scienza alla base dell '"effetto nocebo", sottolineando che "sintomi non specifici", come mal di testa e affaticamento, sono elencati in molti opuscoli informativi come effetti collaterali tipici dei vaccini COVID-19.

"Le prove suggeriscono che questo tipo di informazioni può indurre le persone ad attribuire erroneamente le sensazioni di fondo quotidiane comuni come derivanti dal vaccino o causare ansia e preoccupazione che rendono le persone iper vigili ai sentimenti corporei sugli eventi avversi", ha affermato.

Stampa Friendly, PDF e Email

Circa l'autore

Harry Johnson

Harry Johnson è stato il redattore degli incarichi per eTurboNews da più di 20 anni. Vive a Honolulu, Hawaii, ed è originario dell'Europa. Gli piace scrivere e coprire le notizie.

Lascia un tuo commento

Commenti

  • Vergognatevi gente! Se qualcuno muore e viene ferito perché è abbastanza credulone da credere che il sangue del tuo studio sia nelle tue mani!

  • Questo studio deve essere pagato da Big Farma Un mio amico è morto 10 minuti dopo Pfizer

  • C'è una leggera stanchezza e c'è qualcuno che non riesce a dormire durante il giorno svenuto e dormendo per due giorni di fila. Immagino che lo studio Deaconess direbbe che la febbre e i brividi tremanti sono solo immaginari, giusto?

    Le donne reagiscono più degli uomini. Le donne sono solo isteriche? No. L'estrogeno è uno stimolatore della risposta immunitaria e il testosterone sopprime la risposta immunitaria.

  • Questo studio contraddice i dati di CDC e i rapporti VAERS. Contraddice anche altri dati in tutto il mondo, incluso il sistema di cartellini gialli del Regno Unito.