La Cina non venderà i biglietti per le Olimpiadi invernali al grande pubblico

La Cina non venderà i biglietti per le Olimpiadi invernali al grande pubblico
La Cina non venderà i biglietti per le Olimpiadi invernali al grande pubblico

Con i fan internazionali già vietati di entrare in Cina per guardare il 2022 Olimpiadi invernali a Pechino, le autorità cinesi hanno annunciato oggi che i biglietti non sarebbero stati disponibili per la vendita generale, a causa delle preoccupazioni per la diffusione di Delta e Omicron varianti del virus COVID-19 nel paese.

Secondo i funzionari del governo cinese, i piani per la vendita pubblica di Olimpiadi di Pechino i biglietti sono stati scartati e solo i gruppi invitati potranno assistere all'azione dei Giochi di persona.

"Al fine di proteggere la salute e la sicurezza del personale e degli spettatori legati alle Olimpiadi, è stato deciso di adattare il piano originale per vendere i biglietti al pubblico e (invece) organizzare gli spettatori per guardare le partite in loco", l'organizzazione locale di Pechino ha detto il comitato.

Invece di andare in vendita generale, i biglietti per i Giochi saranno distribuiti dalle autorità cinesi a gruppi "mirati", con tutti i partecipanti tenuti a "rispettare rigorosamente i requisiti di prevenzione e controllo COVID-19 prima, durante e dopo la visione dei Giochi".

I timori si sono aggravati dopo che Pechino ha registrato la sua prima trasmissione locale di Omicron nel fine settimana. La Cina ha segnalato oggi 223 nuovi casi di COVID-19, il numero più alto da marzo 2020. 

Atleti olimpici, funzionari e altro personale entreranno in una bolla rigida all'arrivo, mentre chiunque non sia vaccinato sarà costretto a una quarantena di 21 giorni.

I Giochi inizieranno a Pechino venerdì 4 febbraio e dureranno fino al 20 febbraio. Saranno seguiti dalle Paralimpiadi di marzo.

Un certo numero di paesi ha annunciato un boicottaggio diplomatico del Giochi olimpici invernali di Pechino 2022 in segno di protesta contro lo spaventoso record dei diritti umani in Cina.

Stampa Friendly, PDF e Email

Related News