Nuova minaccia gemella di COVID-19 e influenza nell'UE

Nuova minaccia gemella di COVID-19 e influenza nell'UE
Nuova minaccia gemella di COVID-19 e influenza nell'UE

Il termoprotettore Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC) ha emesso un avvertimento, affermando che le restrizioni allentate sono destinate a provocare una recrudescenza dei casi di influenza.

Una combinazione di blocchi COVID-19, applicazione dell'uso della maschera e requisiti di distanziamento sociale in tutto Europe ha aiutato a debellare quasi l'influenza lo scorso inverno, hanno detto gli esperti.

Ma ora l'organizzazione europea ha riferito che il virus dell'influenza si sta diffondendo in tutto il continente a un tasso superiore al previsto, con un aumento dei casi nelle unità di terapia intensiva alla fine di dicembre.

La diffusione dell'influenza attraverso Continente europeo suscita preoccupazioni per il rischio di un "duendemico" prolungato, poiché l'alto tasso di trasmissione di COVID-19 solleva timori sulla pressione sui sistemi sanitari europei già sovraccarichi.

Le preoccupazioni sono state esacerbate dalla variante influenzale che è diventata dominante in questa stagione, poiché il virus H3 del virus A di solito causa gravi casi di malattia tra i pazienti anziani, con un potenziale impatto sui tassi di ospedalizzazione.

La rimozione delle restrizioni COVID-19 prima della fine della primavera potrebbe vedere un prolungamento della twindemic con COVID-19 e influenza oltre maggio, secondo il ECDC, esercitando ulteriore pressione sui servizi sanitari che sono già sovraccarichi.

ECDC L'esperto di influenza, Pais Penttinen, ha espresso "grande preoccupazione" per l'influenza poiché i paesi "iniziano ad revocare tutte le misure", i casi di avvertimento potrebbero "allontanarsi dai normali modelli stagionali".

Sei paesi regionali – Armenia, Bielorussia, Serbia, Francia, Georgia ed Estonia – hanno registrato un'attività influenzale stagionale al di sopra della soglia normale nelle cure primarie. Altre sette nazioni hanno registrato un'attività influenzale diffusa e/o un'intensità influenzale media.

Tra il numero di casi di influenza, la Francia ha già visto tre regioni dichiarare un'epidemia di influenza, secondo i dati del ministero della Salute francese, con il dipartimento che avverte che "c'è ancora ampio margine di miglioramento" nell'assunzione di vaccini antinfluenzali per limitare l'impatto del virus.

I timori di una twindemic arrivano tra le segnalazioni di "flurona", con una donna israeliana che diventa l'ultimo individuo ad essere contagiato contemporaneamente da Covid e influenza.

L'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha recentemente chiesto una continua vigilanza contro Covid a causa della diffusione del ceppo Omicron che fornisce "un'enorme quantità di incertezza". 

Affrontando la situazione, il direttore regionale dell'OMS per Europe, il dottor Hans Kluge, ha avvertito che esiste una "finestra di opportunità che si chiude" per evitare che i sistemi sanitari siano sopraffatti.

Stampa Friendly, PDF e Email

Related News