Ultime notizie europee · XNUMX€ Ultime notizie internazionali · XNUMX€ Ultime notizie di viaggio · XNUMX€ Viaggio di lavoro · XNUMX€ Notizie governative · XNUMX€ Health News · XNUMX€ News · XNUMX€ Persone · XNUMX€ Responsabile · XNUMX€ Sicurezza · XNUMX€ Turismo · XNUMX€ Notizie di Travel Wire

I paesi poveri rifiutano i vaccini gratuiti contro il COVID-19 offerti dalle Nazioni Unite

I paesi poveri rifiutano i vaccini gratuiti contro il COVID-19 offerti dalle Nazioni Unite
I paesi poveri rifiutano i vaccini gratuiti contro il COVID-19 offerti dalle Nazioni Unite
Scritto da Harry Johnson

I paesi più poveri hanno una serie di problemi con l'accettazione dei vaccini loro donati. Molti non hanno capacità di stoccaggio per ricevere le spedizioni e hanno problemi con l'implementazione delle campagne di vaccinazione a causa di fattori come l'instabilità domestica e le infrastrutture sanitarie tese.

Stampa Friendly, PDF e Email

Etleva Kadilli, capo della Divisione Rifornimenti dell'UNICEF, l'agenzia delle Nazioni Unite per il miglioramento della vita dei bambini nel mondo, ha detto al Parlamento europeo che il programma COVAX, progettato per aiutare i paesi più poveri a vaccinare le loro popolazioni contro il coronavirus, è in difficoltà, poiché molte donazioni di vaccini hanno una durata di conservazione residua troppo breve per essere distribuite correttamente.

Solo il mese scorso, oltre 100 milioni di dosi offerte al UNIl programma COVAX ha dovuto essere rifiutato dai beneficiari degli aiuti, la maggior parte dei quali a causa delle incombenti date di scadenza dei vaccini.

L'agenzia nel corso della giornata ha affermato che circa 15.5 milioni delle dosi rifiutate il mese scorso sarebbero state distrutte. Alcune delle spedizioni sono state rifiutate da più paesi.

I paesi più poveri hanno una serie di problemi con l'accettazione dei vaccini loro donati. Molti non hanno capacità di stoccaggio per ricevere le spedizioni e hanno problemi con l'implementazione delle campagne di vaccinazione a causa di fattori come l'instabilità domestica e le infrastrutture sanitarie tese.

Ma anche le brevi date di scadenza dei vaccini donati al programma di condivisione sono un grosso problema, ha detto Kadilli EU i legislatori.

"Fino a quando non avremo una durata di conservazione migliore, questo sarà un punto di pressione per i paesi, in particolare quando i paesi vogliono raggiungere le popolazioni in aree difficili da raggiungere", ha affermato.

COVAX si sta attualmente avvicinando alla somministrazione della sua miliardesima dose, ha riferito la sua direzione. Il EU rappresenta circa un terzo delle dosi somministrate finora, ha detto Kadilli.

Il Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), che co-gestisce COVAX, ha ripetutamente descritto la scarsa assistenza ricevuta dai donatori in mezzo all'accaparramento di vaccini da parte delle nazioni ricche come un fallimento morale.

Circa 92 Stati membri hanno mancato l'obiettivo di vaccinazione del 40% dell'OMS nel 2021 "a causa di una combinazione di offerta limitata destinata ai paesi a basso reddito per la maggior parte dell'anno e dei successivi vaccini che arrivano vicino alla scadenza e senza parti chiave, come le siringhe", CHI Lo ha detto il direttore generale Tedros Ghebreyesus durante una conferenza di fine anno a dicembre.

Alcuni critici affermano che il programma è stato viziato fin dall'inizio perché si basa sulla generosità dei ricchi invece di spingere per una più ampia disponibilità di vaccini alle nazioni in via di sviluppo attraverso l'eliminazione delle barriere legali come la protezione dei brevetti. Il miliardario Bill Gates, che è una figura influente nell'assistenza sanitaria globale, è stato un accanito oppositore dell'abolizione della protezione dei brevetti per i farmaci, sebbene la sua fondazione sembrasse piegarsi ai vaccini COVID-19 dopo aver affrontato le critiche sulla posizione.

Stampa Friendly, PDF e Email

Circa l'autore

Harry Johnson

Harry Johnson è stato il redattore degli incarichi per eTurboNews per quasi 20 anni. Vive a Honolulu, nelle Hawaii, ed è originario dell'Europa. Gli piace scrivere e coprire le notizie.

Lascia un tuo commento

1 Commenti