Compagnie Aeree · XNUMX€ Aeroporto · XNUMX€ Aviation · XNUMX€ Ultime notizie europee · XNUMX€ Ultime notizie internazionali · XNUMX€ Ultime notizie di viaggio · XNUMX€ Viaggio di lavoro · XNUMX€ Notizie governative · XNUMX€ Health News · XNUMX€ News · XNUMX€ Persone · XNUMX€ Ricostruzione · XNUMX€ Responsabile · XNUMX€ Sicurezza · XNUMX€ Turismo · XNUMX€ Trasporti in Damanhur · XNUMX€ Notizie di Travel Wire · XNUMX€ In voga

IATA: le nuove restrizioni di Omicron impediscono la ripresa dei viaggi aerei

IATA: le nuove restrizioni di Omicron impediscono la ripresa dei viaggi aerei
Willie Walsh, Direttore generale della IATA
Scritto da Harry Johnson

I governi del mondo hanno reagito in modo eccessivo all'emergere della variante Omicron e hanno fatto ricorso ai metodi collaudati di chiusura delle frontiere, test eccessivi sui viaggiatori e quarantena per rallentare la diffusione.

Stampa Friendly, PDF e Email

L'associazione internazionale per il trasporto aereo (IATA) ha annunciato che la ripresa dei viaggi aerei è continuata nel novembre 2021, prima dell'emergere di Omicron. La domanda internazionale ha sostenuto la sua costante tendenza al rialzo con la riapertura di più mercati. Il traffico interno, tuttavia, si è indebolito, in gran parte a causa del rafforzamento delle restrizioni di viaggio in Cina. 

Poiché i confronti tra i risultati mensili del 2021 e del 2020 sono distorti dall'impatto straordinario del COVID-19, se non diversamente specificato, tutti i confronti si riferiscono a novembre 2019, che ha seguito un normale andamento della domanda.

  • La domanda totale di viaggi aerei a novembre 2021 (misurata in entrate passeggeri-chilometri o RPK) è scesa del 47.0% rispetto a novembre 2019. Ciò ha segnato un aumento rispetto alla contrazione del 48.9% di ottobre da ottobre 2019.  
  • Il trasporto aereo interno è leggermente peggiorato a novembre dopo due miglioramenti mensili consecutivi. Gli RPK domestici sono diminuiti del 24.9% rispetto al 2019 rispetto a un calo del 21.3% di ottobre. Principalmente questo è stato trainato dalla Cina, dove il traffico è diminuito del 50.9% rispetto al 2019, dopo che diverse città hanno introdotto restrizioni di viaggio più severe per contenere i focolai di COVID (pre-Omicron). 
  • La domanda di passeggeri internazionali a novembre è stata del 60.5% inferiore a novembre 2019, migliorando il calo del 64.8% registrato a ottobre. 

“La ripresa del traffico aereo è proseguita a novembre. Sfortunatamente, i governi hanno reagito in modo eccessivo all'emergere della variante Omicron alla fine del mese e hanno fatto ricorso a metodi collaudati di chiusura delle frontiere, test eccessivi sui viaggiatori e quarantena per rallentare la diffusione. Non sorprende che le vendite internazionali di biglietti effettuate a dicembre e all'inizio di gennaio siano diminuite drasticamente rispetto al 2019, suggerendo un primo trimestre più difficile del previsto. Se l'esperienza degli ultimi 22 mesi ha dimostrato qualcosa, è che c'è poca o nessuna correlazione tra l'introduzione di restrizioni di viaggio e la prevenzione della trasmissione del virus oltre confine. E queste misure pongono un pesante fardello sulle vite e sui mezzi di sussistenza. Se l'esperienza è il miglior insegnante, speriamo che i governi prestino maggiore attenzione all'inizio del nuovo anno", ha affermato Willie Walsh, IATADirettore generale. 

Stampa Friendly, PDF e Email

Circa l'autore

Harry Johnson

Harry Johnson è stato il redattore degli incarichi per eTurboNews per quasi 20 anni. Vive a Honolulu, nelle Hawaii, ed è originario dell'Europa. Gli piace scrivere e coprire le notizie.

Lascia un tuo commento