Ultime notizie europee · XNUMX€ Ultime notizie internazionali · XNUMX€ Ultime notizie di viaggio · XNUMX€ Viaggio di lavoro · XNUMX€ Notizie governative · XNUMX€ Health News · XNUMX€ Industria dell'ospitalità · XNUMX€ Diritti umani · XNUMX€ Giappone Ultime notizie · XNUMX€ News · XNUMX€ Persone · XNUMX€ Responsabile · XNUMX€ Sicurezza · XNUMX€ Singapore Ultime notizie · XNUMX€ Ultime notizie dalla Corea del Sud · XNUMX€ Turismo · XNUMX€ Notizie di Travel Wire · XNUMX€ In voga · XNUMX€ Ultime notizie dagli USA

L'indice dei passaporti più potenti del 2022 espone l'"apartheid di viaggio"

L'indice dei "passaporti più potenti" del 2022 rivela "l'apartheid di viaggio"
L'indice dei "passaporti più potenti" del 2022 rivela "l'apartheid di viaggio"
Scritto da Harry Johnson

Secondo il rapporto, i guadagni di viaggio visti dai cittadini dei paesi a reddito medio-alto e alto sono "avvenuti a spese" delle nazioni a basso reddito e di quelle ritenute "ad alto rischio" in termini di sicurezza e altre considerazioni.

Stampa Friendly, PDF e Email

L'azienda britannica Henley & Partners ha pubblicato oggi il suo ultimo indice globale della classifica dei passaporti, uno studio sulla mobilità globale che ha rilevato che i cittadini di JP e Singapore detengono i passaporti più adatti ai viaggi al mondo nel 2022.

Senza tener conto delle restrizioni COVID-19, le classifiche per l'inizio del 2022 significano questo Giapponese e a quanto pare i singaporiani possono accedere a 192 paesi senza visto. 

Un altro paese asiatico, Corea del Sud, è alla pari con la Germania per il secondo posto nell'elenco di 199 paesi. Il resto della top 10 è dominato dalle nazioni dell'UE, con il Regno Unito e gli Stati Uniti al sesto posto e Australia, Canada e paesi dell'Europa orientale che completano i risultati più alti.

I cittadini afgani, invece, possono viaggiare senza visto verso sole 26 destinazioni.

La classifica ha avvertito delle restrizioni del COVID-19 che peggiorano l'"apartheid di viaggio" tra paesi ricchi e poveri e di un crescente divario nelle libertà di viaggio di cui godono le nazioni ricche rispetto a quelle concesse a quelle povere.

Secondo il rapporto, i guadagni di viaggio visti dai cittadini dei paesi a reddito medio-alto e alto sono "avvenuti a spese" delle nazioni a basso reddito e di quelle ritenute "ad alto rischio" in termini di sicurezza e altre considerazioni.

Il rapporto afferma anche che questa "disuguaglianza" nella mobilità globale è stata esacerbata dalle barriere di viaggio nel corso della pandemia, con Antonio Guterres, segretario generale delle Nazioni Unite recentemente paragonando le restrizioni imposte principalmente alle nazioni africane al "viaggiare con l'apartheid".

"I costosi requisiti associati ai viaggi internazionali istituzionalizzano la disuguaglianza e la discriminazione", ha affermato Mehari Taddele Maru, professore part-time presso il Migration Policy Center presso l'Istituto universitario europeo, aggiungendo che le nazioni sviluppate "non hanno sempre [condiviso]" la volontà del mondo in via di sviluppo per rispondere a "circostanze mutevoli".

"COVID-19 e la sua interazione con l'instabilità e la disuguaglianza hanno evidenziato ed esacerbato la scioccante disparità nella mobilità internazionale tra le nazioni ricche e sviluppate e le loro controparti più povere", ha aggiunto Mehari.

Nel frattempo, il rapporto prevede un'ulteriore incertezza su viaggi e mobilità per il resto dell'anno, tenendo conto dell'ascesa della variante Omicron del coronavirus. L'emergere di "un nuovo ceppo così robusto" è stato un "grande fallimento geopolitico" da parte di Stati Uniti, Regno Unito e UE per non aver fornito finanziamenti e forniture di vaccini migliori all'Africa meridionale, secondo i commenti della professoressa della Columbia University Misha Glenny che accompagna la relazione.

Stampa Friendly, PDF e Email

Circa l'autore

Harry Johnson

Harry Johnson è stato il redattore degli incarichi per eTurboNews per quasi 20 anni. Vive a Honolulu, nelle Hawaii, ed è originario dell'Europa. Gli piace scrivere e coprire le notizie.

Lascia un tuo commento