Attività Educativa · XNUMX€ Persone · XNUMX€ Singapore Ultime notizie · XNUMX€ In voga

L'approccio boomerang alla grande rassegnazione

Scritto da Avi Liran

Dale Carnegie ha detto: “La vita è un boomerang. Quello che dai, ottieni.” In che modo i datori di lavoro possono utilizzare questa teoria per trasformare le grandi dimissioni in un'opportunità? Un uomo ha fatto proprio questo, e il risultato è stato sorprendente.

Più di 19 milioni di lavoratori statunitensi e oltre hanno lasciato il lavoro quest'anno. Questo è il numero più alto registrato dalle statistiche dell'American Bureau of Labor nella storia. Secondo Microsoft, il 49% della forza lavoro di Singapore prevede di lasciare il lavoro entro la fine di quest'anno.

Stampa Friendly, PDF e Email

Tutta la negatività su The Great Resignation che sta inondando le notizie e i nostri feed sui social media ci ha accecato dalle grandi opportunità che si trovano all'interno? Per rispondere, dobbiamo prima capire perché così tanti lasciano il lavoro.

Se è vero che un'ampia percentuale di dipendenti lascia il lavoro a causa della mancanza di protezione dei lavoratori, dello stress, della mancanza di rispetto e dell'insoddisfazione nei confronti della cultura della propria organizzazione, ci sono ragioni più profonde per le dimissioni.

La "pentola a pressione" della pandemia dei blocchi e dell'isolamento dal lavoro da casa ha permesso a molti di riflettere e valutare le proprie scelte di carriera. Questo non solo ha spinto le persone a rendersi conto che hanno bisogno di cercare opportunità in linea con i loro valori, ma ha anche incoraggiato le persone a perseguire le carriere e i sogni desiderati.

In effetti, Aviva, il più grande fornitore di assicurazioni del Regno Unito, ha rilevato che circa il 60% dei lavoratori nel Regno Unito intende cambiare lavoro. Oltre a ciò, l'effetto silo della cultura aziendale, esacerbato dal covid, ha fatto sentire molti dipendenti disconnessi, non riconosciuti e non visti. Questo ha creato un desiderio per un senso di appartenenza.

Con così tante persone a livello globale che rimodellano le proprie priorità, The Great Resignation potrebbe essere visto come un incubatore di opportunità. Quindi, cosa possiamo fare noi, come datori di lavoro, quando il nostro talento se ne va? Come possiamo usare questo a nostro vantaggio? Cosa farebbe un leader delizioso?

Il delizioso approccio del Leader

Greg Allan, l'ex direttore generale di Marriott a Singapore, Presidente e COO Aryaduta Hotel Group in Indonesia, è un affermato leader dell'ospitalità di livello C. Mi ha insegnato una lezione preziosa nel 2007 su come un leader delizioso dovrebbe affrontare la questione che è pertinente alle dimissioni dei nostri attuali massicci dipendenti.

Durante quell'anno, molti nuovi hotel stavano reclutando nuovi talenti, tra cui i due resort integrati: Marina Bay Sands e Resort World Sentosa che avevano bisogno di più di 15,000 persone. Dove avrebbero cacciato i migliori manager? Marriott era in cima alla loro lista perché è noto per avere una grande cultura che sviluppa costantemente i membri del suo team.

Greg doveva fare qualcosa per fermare l'esodo dei talenti, così si è imbarcato nell'“Operazione Boomerang”: Greg ha fatto una scelta. Con ogni dipendente che si dimette, investe tempo, energia, gentilezza e supporto invece di esprimere la naturale delusione provata quando le persone in cui investi e a cui tieni se ne vanno. Quello che gli è tornato in mente è stato sorprendente.

Stampa Friendly, PDF e Email

Circa l'autore

Avi Liran

Conosciuto come il "Chief Delighting Officer", autore, economista e oratore esperto globale, Avi Liran ha ricercato e implementato deliziose trasformazioni di culture che coltivano deliziose esperienze di dipendenti e clienti.

Lascia un tuo commento

1 Commenti