Ultime notizie dall'Australia · XNUMX€ Ultime notizie internazionali · XNUMX€ Ultime notizie di viaggio · XNUMX€ crimine · XNUMX€ Notizie governative · XNUMX€ News · XNUMX€ Persone · XNUMX€ Responsabile · XNUMX€ Sicurezza · XNUMX€ Isole Salomone Ultime notizie · XNUMX€ Turismo · XNUMX€ Aggiornamento sulla destinazione del viaggio · XNUMX€ Notizie di Travel Wire · XNUMX€ In voga

L'Australia invia truppe alle Isole Salomone dopo violenti disordini

L'Australia invia truppe alle Isole Salomone dopo violenti disordini
L'Australia invia truppe alle Isole Salomone dopo violenti disordini
Scritto da Harry Johnson

Le proteste sono legate a una serie di problemi locali, forse il principale tra i quali è la decisione del governo Salomone nel 2019 di tagliare i rapporti diplomatici con Taiwan a favore della Cina.

Stampa Friendly, PDF e Email

Primo Ministro australiano Scott Morrison ha annunciato che l'Australia ha inviato la polizia e i soldati al Isole Salomone nel tentativo di frenare violente rivolte.

Secondo il Il Primo Ministro, 75 agenti di polizia federale australiana, 43 militari e almeno cinque diplomatici si stanno dirigendo verso le isole “per fornire stabilità e sicurezza” e aiutare le autorità locali a presidiare importanti infrastrutture.

La loro missione dovrebbe durare diverse settimane e arriva in mezzo a crescenti disordini, con i manifestanti che recentemente hanno tentato di prendere d'assalto il parlamento nazionale.

Le proteste sono legate a una serie di problemi locali, tra cui forse il principale è la decisione del governo Salomone nel 2019 di tagliare le relazioni diplomatiche con Taiwan a favore della Cina, che considera Taiwan parte del proprio territorio.

Morrison ha insistito sul fatto che “non è intenzione del governo australiano in alcun modo intervenire negli affari interni del Isole Salomone”, aggiungendo che lo schieramento “non indica alcuna posizione sulle questioni interne” della nazione.

Il primo ministro delle isole, Manasseh Sogavare, ha annunciato mercoledì un blocco di 36 ore a seguito di una massiccia protesta nella capitale Honiara, dove i manifestanti hanno chiesto le sue dimissioni. A un certo punto, i manifestanti hanno persino provato a prendere d'assalto l'edificio del parlamento e in seguito hanno acceso un incendio in una capanna direttamente adiacente al parlamento. 

Anche negozi e altri edifici nel quartiere Chinatown della città sono stati saccheggiati e dati alle fiamme, nonostante il blocco in corso e gli ordini di coprifuoco. La distruzione è stata catturata nel filmato che ha fatto il giro online, con edifici danneggiati e fumanti visti in mezzo a un mare di detriti.

Venerdì, all'arrivo del personale australiano, il Primo Ministro ha appuntato le proteste su stati stranieri non specificati, affermando che i manifestanti erano stati "nutriti con false e deliberate bugie" sui rapporti delle isole con Pechino.

"Questi stessi paesi che ora stanno influenzando [i manifestanti] sono i paesi che non vogliono legami con la Repubblica popolare cinese e stanno scoraggiando le Isole Salomone ad entrare in relazioni diplomatiche", ha detto Sogavare, anche se ha rifiutato di nominare qualsiasi nazione particolare.

Stampa Friendly, PDF e Email

Circa l'autore

Harry Johnson

Harry Johnson è stato il redattore degli incarichi per eTurboNews per quasi 20 anni. Vive a Honolulu, nelle Hawaii, ed è originario dell'Europa. Gli piace scrivere e coprire le notizie.

Lascia un tuo commento