Ente per il turismo africano · XNUMX€ Compagnie Aeree · XNUMX€ Aeroporto · XNUMX€ Associazioni News · XNUMX€ Aviation · XNUMX€ Ultime notizie internazionali · XNUMX€ Ultime notizie di viaggio · XNUMX€ Viaggio di lavoro · XNUMX€ Cultura · XNUMX€ Notizie governative · XNUMX€ Industria dell'ospitalità · XNUMX€ Hotel e resort · XNUMX€ News · XNUMX€ Persone · XNUMX€ Ricostruzione · XNUMX€ Resort · XNUMX€ Responsabile · XNUMX€ Sicurezza · XNUMX€ Shopping · XNUMX€ Notizie di sostenibilità · XNUMX€ Tanzania Ultime notizie · XNUMX€ Turismo · XNUMX€ Trasporti in Damanhur · XNUMX€ Notizie di Travel Wire · XNUMX€ In voga

La Comunità dell'Africa orientale lancia una nuova campagna turistica intraregionale

La Comunità dell'Africa orientale lancia una campagna turistica intraregionale
La Comunità dell'Africa orientale lancia una campagna turistica intraregionale

La campagna durerà tre settimane, a partire dal 1 dicembre 2021. Fa parte dell'implementazione della strategia di marketing turistico dell'EAC e del piano di recupero dell'EAC, supportati dall'Agenzia tedesca per lo sviluppo, GIZ.

Stampa Friendly, PDF e Email

Il Comunità dell'Africa orientale (EAC) ha lanciato la campagna mediatica per il turismo regionale e nazionale dell'EAC per pubblicizzare siti e servizi di attrazione turistica nazionale e regionale, con l'obiettivo di stimolare e sviluppare i viaggi intraregionali.

Lanciata questa settimana, la campagna "Tembea Nyumbani" o "Visit Home" cerca di attirare i cittadini dell'Africa orientale a viaggiare nei propri paesi, quindi nella regione, nel tentativo di rilanciare il turismo nazionale e regionale in tutta la regione dell'Africa orientale, tra la pandemia di COVID-19.

La campagna durerà tre settimane, a partire dal 1 dicembre 2021. Fa parte dell'attuazione della strategia di marketing turistico dell'EAC e del piano di recupero dell'EAC, supportata da Agenzia tedesca per lo sviluppo, GIZ.

EAC Il Segretariato ha lanciato la campagna presso la sua sede nella città turistica di Arusha, nel nord della Tanzania.

Il turismo contribuisce in modo significativo alle economie degli Stati partner dell'EAC e prima della pandemia, ha contribuito al 10% del prodotto interno lordo (PIL), al 17% dei proventi delle esportazioni e al 7% alla creazione di posti di lavoro.

La pandemia di COVID-19 ha visto il settore colpito negativamente dagli arrivi del turismo internazionale in Africa orientale in calo di circa il 67.7%, a circa 2.25 milioni di arrivi nel 2020 rispetto ai 6.98 milioni del 2019.

EAC Il segretario generale, il dott. Peter Mathuki, aveva incoraggiato gli operatori del settore turistico privato a estendere pacchetti convenienti agli africani orientali in modo da invogliarli a sfruttare le offerte di vacanze disponibili durante le prossime festività.

"Con le tariffe d'ingresso preferenziali e le tariffe ora estese ai cittadini dell'EAC, è giunto il momento per gli africani orientali di esplorare le diverse culture, intraprendere safari avventurosi e visitare spiagge esotiche tra le altre opportunità che la regione ha da offrire", ha affermato il dott. Mathuki durante i media lancio tenutosi presso la sede dell'EAC ad Arusha a metà di questa settimana.

Il Dr. Mathuki ha inoltre osservato che EAC ha sviluppato un EAC Pass che integra e convalida i test COVID-19 e i certificati di vaccinazione per gli Stati partner dell'EAC per facilitare gli spostamenti nella regione.

La campagna Tembea Nyumbani è intrapresa dall'EAC in collaborazione con la piattaforma del turismo dell'Africa orientale che rappresenta le imprese turistiche della regione. 

Attraverso la campagna, gli albergatori e altri fornitori di servizi turistici vengono incoraggiati a promuovere pacchetti convenienti per i cittadini dell'EAC.

Da parte sua, il direttore dell'EAC responsabile dei settori produttivi, Jean Baptiste Havugimana, ha osservato che l'EAC sta facendo progressi per garantire che il visto turistico unico sia adottato da tutti gli Stati partner dell'EAC.

“Il Consiglio settoriale per il turismo e la gestione della fauna selvatica durante la sua riunione straordinaria tenutasi nel luglio di quest'anno aveva raccomandato al Segretariato di convocare una riunione multisettoriale comprendente settori chiave come il turismo e la fauna selvatica, l'immigrazione e la sicurezza per sviluppare un quadro per l'introduzione del Visto turistico unico da parte di tutti gli Stati partner", ha affermato.

Havugimana ha osservato che l'incontro sarà convocato all'inizio del 2022, aggiungendo che, una volta adottato completamente, il visto faciliterà i viaggi dei turisti stranieri in tutta la regione.

Inoltre, l'EAC Principal Tourism Officer, Mr. Simon Kiarie, ha notato che EAC lo proietta con sforzi turistici aggressivi sia a livello regionale che nazionale; la regione potrà accogliere circa 4 milioni di turisti nel prossimo anno. 

"La ripresa del settore turistico è stata su una traiettoria al rialzo e prevediamo che entro il 2024 riceveremo circa 7 milioni di turisti rispetto ai 2.25 milioni di turisti registrati nel 2020", ha osservato.

Stampa Friendly, PDF e Email

Circa l'autore

Apolinari Tairo - eTN Tanzania

Lascia un tuo commento