Ultime notizie europee · XNUMX€ Ultime notizie internazionali · XNUMX€ Ultime notizie di viaggio · XNUMX€ Culinario · XNUMX€ Cultura · XNUMX€ Francia Ultime notizie · XNUMX€ Industria dell'ospitalità · XNUMX€ Cosa ce di nuovo · XNUMX€ Turismo · XNUMX€ Notizie di Travel Wire · XNUMX€ Vini e liquori

Vini francesi: la peggiore produzione dal 1970

Vini francesi

La Francia è nota per il lusso e inclusi in questa gamma sono i suoi vini. Il paese produce circa il 16% dei vini mondiali e impiega oltre 142,000 persone nel solo settore vitivinicolo.

Stampa Friendly, PDF e Email

La ricerca di Reuters ha stabilito che Vino francese la produzione industriale dovrebbe diminuire di circa il 30% quest'anno, rispetto all'anno precedente, rendendo il 2021 l'anno peggiore dal 1970 e probabilmente il peggior anno mai registrato.

Le cause di questa brutta notizia includevano il gelo di aprile, il caos del Covid 19, la guerra commerciale del presidente Trump contro i vini francesi, le inondazioni estive combinate con le alte temperature che hanno portato alla formazione di funghi sulle viti che hanno distrutto gran parte del raccolto.

Gli amanti del vino dovrebbero acquistare i loro vini francesi ORA in preparazione per le festività natalizie e cercare di evitare l'aumento dei prezzi alla cassa.

2020 Domaine Girard, Sancerre, Les Garennes. Sauvignon Blanc

Sancerre si trova all'estremità orientale della principale area vinicola della Valle della Loira e più vicino alla Cote d'Or in Borgogna che agli altri importanti distretti vinicoli della Loira, Angiò e Touraine. L'area viticola copre 15 millesimi di dolci colline sulla riva occidentale della Loira con 7000 acri di vigneti dedicati alla produzione dei vini della denominazione.

I tipi di terreno sono divisi in tre sezioni: gesso, calcare-ghiaia e selce (selce). La pietra focaia è spesso accreditata per il caratteristico aroma fumoso pierre a fusil (piro focaia) e la ragione dello pseudonimo di Sauvignon Blanc Fume.

Sancerre è noto per i suoi vini bianchi freschi e aromatici a base di Sauvignon Blanc. Un Sancerre classico è bianco, vivacemente acido con note di uva spina, erba, ortica e mineralità pietrosa. La fillossera ha spazzato via vasti vigneti a metà del 19° secolo, distruggendo le tracce di varietà di vini principalmente rossi come Gamay e Pinot Noir. I vigneti sono stati reimpiantati a Sauvignon Blanc e l'area ha ricevuto lo status di AOC nel 1936.

Il Domaine Girard Sancerre 2020. Appunti. 100% Sauvignon Blanc. Domaine Fernand Girard è diretto da Alain Girard, seguendo le orme di generazioni di viticoltori nel villaggio di Chaudoux, situato a pochi chilometri a nord-ovest di Sancerre ea nord di Cavignol. Il vigneto si estende per 14 ettari e Girard vende alcune cuvée ai negozianti e imbottiglia personalmente una parte della produzione totale sotto il suo nome di famiglia. La cuvée La Garenne ha origine in un vigneto di 2.5 ettari su un ripido pendio esposto a est con terreno calcareo molto roccioso. Il terreno calcareo esalta le caratteristiche note silicee, minerali e verdi del Sauvignon Blanc.

L'azienda utilizza una moderna tecnologia che comprende una pressa pneumatica, tini in acciaio inox, un sistema di controllo della temperatura durante la fermentazione e uno spazio climatizzato per l'invecchiamento in tini e lo stoccaggio delle bottiglie. Sebbene la tecnologia sia del 21° secolo, nel vigneto vengono utilizzati metodi tradizionali in cui erbicidi e trattamenti vengono utilizzati con parsimonia e non vengono introdotti lieviti commerciali per indurre la fermentazione o aggiungere aromi. Il risultato è un Sancerre che presenta aromi piacevoli, insieme a fresca acidità con bassa astringenza.

Alain Girard - Foto di Noah Oldham

L'occhio è ricompensato con oro giallo paglierino e il naso rileva spezie, scorza di limone, erba verde fresca, mele verdi, pezzetti di limone e pietra focaia. Si abbina bene con pesce bianco piatto in salsa di capperi ma resiste da solo con forza e dignità.

Leggi la prima parte qui: Conoscere i vini della Valle della Loira in una domenica di New York

© Dr. Elinor Garely. Questo articolo protetto da copyright, comprese le foto, non può essere riprodotto senza il permesso scritto dell'autore.

Stampa Friendly, PDF e Email

Circa l'autore

Dr. Elinor Garely - speciale per eTN e caporedattore, wine.travel

Lascia un tuo commento

1 Commenti

  • Un altro "è colpa di Trump".
    Le tariffe statunitensi sono state una risposta al sussidio ingiusto dell'UE ad Airbus, come notato dall'OMC. Le tariffe avevano lo scopo di portare un po' di equità al commercio USA-UE. Sarebbe utile raccontare tutta la storia e smettere di incolpare Trump.