Compagnie Aeree · XNUMX€ Aeroporto · XNUMX€ Aviation · XNUMX€ Ultime notizie europee · XNUMX€ Ultime notizie internazionali · XNUMX€ Ultime notizie di viaggio · XNUMX€ Viaggio di lavoro · XNUMX€ crimine · XNUMX€ News · XNUMX€ Persone · XNUMX€ Responsabile · XNUMX€ Sicurezza · XNUMX€ Svizzera · XNUMX€ Turismo · XNUMX€ Trasporti in Damanhur · XNUMX€ Notizie di Travel Wire · XNUMX€ Ultime notizie nel Regno Unito

Heathrow si allea con Microsoft per combattere il traffico illegale di specie selvatiche

Heathrow si allea con Microsoft per combattere il traffico illegale di specie selvatiche.
Heathrow si allea con Microsoft per combattere il traffico illegale di specie selvatiche.
Scritto da Harry Johnson

Il commercio illegale di specie selvatiche è tra i cinque crimini globali più redditizi ed è spesso gestito da reti criminali altamente organizzate che sfruttano i nostri sistemi di trasporto e finanziari per spostare prodotti animali illegali e i loro profitti criminali in tutto il mondo.

Stampa Friendly, PDF e Email
  • Heathrow collabora con Microsoft, UK Border Force CITES e Smiths Detection per implementare il primo sistema di intelligenza artificiale al mondo che individua e mira a fermare il traffico di animali selvatici attraverso gli aeroporti.
  • Il progetto SEEKER è stato presentato oggi a Sua Altezza Reale il Duca di Cambridge in occasione di un evento presso la sede centrale di Microsoft nel Regno Unito.
  • A seguito delle sperimentazioni pionieristiche a Heathrow, Microsoft chiede agli hub di trasporto globali di utilizzare il sistema per combattere l'industria del traffico illegale di specie selvatiche da 23 miliardi di dollari.

Heathrow ha collaborato con Microsoft per sperimentare il primo sistema di intelligenza artificiale al mondo per combattere il traffico illegale di specie selvatiche. Il "Progetto SEEKER" rileva il traffico di animali nelle merci e nei bagagli che passano attraverso l'aeroporto scansionando fino a 250,000 bagagli al giorno. Ha registrato un tasso di rilevamento di successo superiore al 70% ed è stato particolarmente efficace nell'identificare oggetti in avorio come zanne e corna. Identificando più oggetti trafficati e prima, le autorità hanno più tempo, possibilità e informazioni per perseguire i trafficanti criminali e combattere l'industria del traffico illegale di specie selvatiche da 23 miliardi di dollari.

Oltre Microsoft, Project SEEKER è stato sviluppato in collaborazione con UK Border Force e Smiths Detection ed è supportato dalla Royal Foundation. Gli sviluppatori Microsoft hanno insegnato a Project SEEKER a identificare animali o prodotti come prodotti illegali utilizzati nei medicinali e le prove a Heathrow hanno dimostrato che l'algoritmo può essere addestrato su qualsiasi specie in soli due mesi. La tecnologia avvisa automaticamente gli agenti di sicurezza e delle forze di frontiera quando rileva un oggetto illegale di fauna selvatica in uno scanner per merci o bagagli, e gli oggetti sequestrati possono quindi essere utilizzati come prova nei procedimenti penali contro i contrabbandieri.  

Il Duca di Cambridge ha visitato Microsoft's per conoscere il potenziale di questa tecnologia come parte del suo lavoro con il programma United for Wildlife della Royal Foundation. Per supportare lo sviluppo di questa nuova tecnologia, il team di Project SEEKER ha potuto beneficiare della rete globale di competenze di United for Wildlife sul commercio illegale di specie selvatiche. Inoltre, United for Wildlife lavorerà con le sue organizzazioni partner nel settore dei trasporti per supportare il lancio globale della capacità SEEKER.

Jonathan Coen, Direttore della sicurezza presso Aeroporto di Heathrow, ha dichiarato: “Il progetto SEEKER e la nostra partnership con Microsoft e Smiths Detection ci manterranno un passo avanti rispetto ai trafficanti, esplorando nuove tecnologie che ci aiuteranno a proteggere la fauna selvatica più preziosa del mondo. Ora abbiamo bisogno di vedere più hub di trasporto implementare questo sistema innovativo, se vogliamo intraprendere azioni significative su scala globale contro questa industria illegale”.

United for Wildlife mira a rendere impossibile ai trafficanti di trasportare, finanziare o trarre profitto dai prodotti illegali della fauna selvatica costruendo relazioni cruciali tra i settori dei trasporti e della finanza, le organizzazioni non governative e le forze dell'ordine e incoraggiando la condivisione di informazioni e migliori pratiche tra questi parti interessate. United for Wildlife ha lavorato con organizzazioni come Microsoft per aumentare la consapevolezza della tecnologia in grado di supportare gli sforzi per interrompere il commercio criminale di prodotti della fauna selvatica a livello globale.

Stampa Friendly, PDF e Email

Circa l'autore

Harry Johnson

Harry Johnson è stato il redattore degli incarichi per eTurboNews per quasi 20 anni. Vive a Honolulu, nelle Hawaii, ed è originario dell'Europa. Gli piace scrivere e coprire le notizie.

Lascia un tuo commento