Ultime notizie europee · XNUMX€ Ultime notizie internazionali · XNUMX€ Ultime notizie di viaggio · XNUMX€ Ultime notizie dalla Cina · XNUMX€ Cultura · XNUMX€ Attività Educativa · XNUMX€ Intrattenimento · XNUMX€ Notizie governative · XNUMX€ Diritti umani · XNUMX€ Ultime notizie dall'Italia · XNUMX€ Cosa ce di nuovo · XNUMX€ Persone · XNUMX€ Turismo · XNUMX€ Notizie di Travel Wire · XNUMX€ In voga

Inaugurata in Italia la nuova mostra che prende in giro il leader cinese Xi Jinping

Inaugurata in Italia una nuova mostra d'arte che ridicolizza il leader della Cina
Inaugurata in Italia una nuova mostra d'arte che ridicolizza il leader della Cina
Scritto da Harry Johnson

I funzionari cinesi hanno cercato di fare pressione sulla città per annullare l'evento, ma gli organizzatori sono andati avanti comunque nel tentativo di "sostenere la libertà di espressione".

Stampa Friendly, PDF e Email
  • L'artista dissidente cinese Badiucao si fa beffe della propaganda della Pechino comunista in un nuovo spettacolo.
  • Un nuovo spettacolo denuncia la repressione politica in Cina e la censura cinese sulle origini del virus COVID-19.
  • In vista della prima della mostra, la Cina ha esortato i funzionari italiani a non far proseguire la mostra.

In un museo a Brescia, nel nord Italia, sabato scorso, la mostra d'arte “La Cina è (non) vicina” dell'artista dissidente di Shanghai, Badiucao, ha aperto in un museo a Brescia nel nord Italia.

Si dice già che questa mostra potrebbe portare a un grande scandalo diplomatico.

L'artista dissidente è famoso per le sue opere che criticano la situazione dei diritti umani in Cina, e questa mostra non fa eccezione.

Una delle opere dell'artista, che ritrae il presidente cinese Xi Jinping su Winnie the Pooh, ha già fatto arrabbiare i funzionari cinesi. Quattro anni fa, il personaggio Disney è caduto in disgrazia con le autorità cinesi e i social network cinesi hanno iniziato a cancellare con urgenza le immagini della Disney Winnie the Pooh, perché assomiglia a Xi Jinping.

L'artista ha anche reso omaggio al medico cinese di Wuhan Li Wenliang, che è stato il primo a denunciare l'epidemia di coronavirus raffigurando poliziotti che inseguono i manifestanti. E su uno dei finti poster per le imminenti Olimpiadi invernali, l'artista mostra un biatleta che punta un fucile contro un prigioniero uiguro bendato.

I funzionari cinesi hanno cercato di fare pressione sulla città per annullare l'evento, ma gli organizzatori sono andati avanti comunque nel tentativo di "sostenere la libertà di espressione".

In una lettera ufficiale al sindaco di Brescia, l'Ambasciata della Repubblica Popolare Cinese a Roma ha dichiarato che l'opera “è piena di menzogne ​​anticinesi” e che “distorcono i fatti, diffondono informazioni false, ingannano gli italiani e offendono gravemente i sentimenti del popolo cinese”.

I funzionari della città e i curatori dei musei, tuttavia, hanno portato avanti i piani per la mostra.

“Ho dovuto leggere questa lettera due volte perché mi ha sorpreso”, ricorda il vicesindaco di Brescia Laura Castelletti, definendola una “violenza” della libertà creativa. La richiesta di cancellare la mostra, aggiunge, "ha ottenuto solo più attenzione".

"Poiché la mia arte si concentra sempre sulle questioni relative ai diritti umani in Cina... mi rende quasi il tipo di nemico numero 1", ha detto Badiucao ai giornalisti.

"Chiunque cercasse di dire la verità o qualche storia diversa dalla narrativa del governo cinese sarebbe punito", ha detto Badiucao.

"Ecco perché, per me, è davvero difficile avere una mostra in una galleria affermata, un museo come questo", ha aggiunto.

Una delle opere più provocatorie è un ritratto ibrido del presidente cinese Xi Jinping e Hong Kong amministratore delegato Carrie Lam — evidenziando il declino dei diritti nell'ex colonia britannica.

C'è anche una serie di 64 dipinti di orologi che l'artista ha creato con il proprio sangue. L'opera fa riferimento agli orologi dati ai soldati cinesi che presero parte al brutale massacro di Piazza Tiananmen nel 1989.

La mostra include anche un dispositivo di tortura che è stato riprogettato come una sedia a dondolo. Per i primi giorni della mostra, Badiucao siederà sulla sedia della tortura e leggerà un diario che gli è stato inviato da un residente a Wuhan. Il lavoro descrive 100 giorni di record dalle prime fasi della pandemia di coronavirus.

Badiucao è salito alla ribalta nel 2011 dopo aver pubblicato vignette su Sina Weibo sulla gestione da parte della Cina di un incidente ferroviario ad alta velocità a Wenzhou. Le immagini sono state più volte censurate, nonostante l'artista sia ormai cittadino australiano, le autorità del Paese continuano ad attaccarlo. Nel 2018, una mostra programmata del suo lavoro a Hong Kong è stata cancellata per "motivi di sicurezza". Gli organizzatori hanno spiegato questa decisione con "minacce da parte delle autorità cinesi", e in seguito l'artista ha affermato che i suoi familiari in Cina sono stati minacciati.

Stampa Friendly, PDF e Email

Circa l'autore

Harry Johnson

Harry Johnson è stato il redattore degli incarichi per eTurboNews per quasi 20 anni. Vive a Honolulu, nelle Hawaii, ed è originario dell'Europa. Gli piace scrivere e coprire le notizie.

Lascia un tuo commento