Ente per il turismo africano · XNUMX€ Compagnie Aeree · XNUMX€ Associazioni News · XNUMX€ Ultime notizie internazionali · XNUMX€ Ultime notizie di viaggio · XNUMX€ Notizie governative · XNUMX€ Investimenti · XNUMX€ News · XNUMX€ Persone · XNUMX€ Ricostruzione · XNUMX€ Responsabile · XNUMX€ Turismo · XNUMX€ Turismo Talk · XNUMX€ In voga · XNUMX€ Ultime notizie nel Regno Unito · XNUMX€ WTN

La prima coalizione turistica multi-paese e multi-stakeholder è la nuova star alla COP26 di Glasgow

L'Organizzazione Mondiale del Turismo (UNWTO) non è ancora stata invitata.
L'azione, non la dichiarazione, deve essere la strada da seguire per rilanciare il turismo in modo efficace, e questa coalizione è pronta a brillare, e una nuova potente coalizione.

Stampa Friendly, PDF e Email
  • La COP 26 di Glasgow non sta solo mandando un messaggio al mondo, che il turismo deve essere parte della soluzione al cambiamento climatico, ma è la prima azione del I primi multi-stakeholder multi-paese coalizione nel turismo.
  • È tempo di azioni, non di dichiarazioni.
  • Un futuro redditizio e rispettoso del clima per il turismo mondiale è appena diventato molto più luminoso.

La Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici del 2021 in corso in questo momento a Glasgow, nel Regno Unito, potrebbe benissimo essere l'inizio di una nuova forma di cooperazione globale con il coinvolgimento sia del settore pubblico che di quello privato.

L'Organizzazione Mondiale del Turismo (UNWTO) è vista da molti come inefficace, sottofinanziata e mal gestita potrebbe essere solo per un risveglio.

È iniziato con una visione del ministro saudita del turismo, HE Ahmed Aqeel Al Khateeb, e il suo omologo in Spagna SE Reyes Maroto per condividere questa visione.

Infine, i paesi e le parti interessate si stanno intensificando mentre l'UNWTO a causa della mancanza di leadership sta dormendo. Questa è un'indicazione di una trasformazione tanto necessaria dell'industria globale dei viaggi e del turismo, e forse un'opportunità per una nuova UNWTO in divenire.

L'Arabia Saudita è nota per aver investito miliardi nello sviluppo del turismo globale. Questo non è solo attraente per un settore, che è stato battuto da COVID-19 per quasi due anni, ma motiva e incoraggia.

Mentre l'Organizzazione Mondiale del Turismo (UNWTO) firma le dichiarazioni, la prima coalizione multi-paese e multi-stakeholder è tutta una questione di azione.

Inutile dire che il finanziamento è reale.

Ex presidente del Messico e presidente della nuova economia climatica

L'Arabia Saudita ha dimostrato di essere un ponte tra il mondo sviluppato e quello in via di sviluppo. Oggi i tre ministri del turismo di Kenya, Giamaica e Arabia Saudita che partecipano a un panel a Glasgow sui cambiamenti climatici hanno dichiarato: L'industria del turismo vuole essere parte della soluzione ai pericolosi cambiamenti climatici

La creazione di questa nuova coalizione è un progetto in 3 fasi.

All'evento di oggi hanno partecipato i governi degli Stati Uniti, del Regno Unito, del Kenya, della Giamaica e dell'Arabia Saudita.

Nella fase 1, 10 paesi in totale sono stati invitati alla coalizione:

  1. UK
  2. USA
  3. GIAMAICA
  4. Francia
  5. JP
  6. Germania
  7. Kenia
  8. Spagna
  9. Saudita
  10. Marocco

Organizzazioni internazionali che hanno partecipato oggi:

  1. UNFCC
  2. UNEP
  3. WRI
  4. WTTC
  5. ICC
  6. sistematico

Inoltre, la Banca Mondiale e Harvard sono state invitate a unirsi alla coalizione.

ICC rappresenta 45 milioni di PMI. Il 65% si trova nel mondo in via di sviluppo.

Alla domanda su quando le organizzazioni più piccole come l'African Tourism Board e il World Tourism Network sarebbero state invitate a partecipare, Gloria Guevara ha indicato che questo potrebbe essere discusso per la fase 2 o 3.

L'UNWTO notevole non è ancora stato invitato.

Il ministro del turismo dell'Arabia Saudita Ahmed Alkhateeb
Stampa Friendly, PDF e Email

Circa l'autore

Juergen T Steinmetz

Juergen Thomas Steinmetz ha lavorato ininterrottamente nel settore dei viaggi e del turismo sin da quando era un adolescente in Germania (1977).
Lui ha fondato eTurboNews nel 1999 come prima newsletter online per l'industria mondiale del turismo di viaggio.

Lascia un tuo commento

1 Commenti

  • Queste sono le stesse vecchie facce, ora sostenute dai soldi sauditi, che dicono le stesse vecchie cose. Hanno avuto la possibilità di agire e non l'hanno fatto! Gloria era a capo del WTTC e ha dato priorità alla crescita, alla crescita, alla crescita, mentre emarginava l'ambiente, durante il suo mandato. Vediamo questo per quello che è: un disperato tentativo dei potenti di mantenere la loro presa sempre più allentata sull'agenda, mentre guardano il pianeta bruciare a causa dei loro anni di inazione.