Clicca qui se questo è il tuo comunicato stampa!

La Cina all'avanguardia con la Green Economy globale

Scritto da editore

All'inizio di ottobre, il Fondo monetario internazionale, nel suo World Economic Outlook, ha ridotto le sue previsioni di crescita globale per il 2021 al 5.9% e ha avvertito di un'elevata incertezza nella ripresa economica.

Stampa Friendly, PDF e Email

In tale contesto, i leader delle 20 maggiori economie del mondo si sono riuniti sabato a Roma, in Italia, cercando di far funzionare di nuovo la piattaforma multilaterale, proprio come hanno fatto quando hanno tenuto due vertici all'anno all'indomani del crollo finanziario globale del 2008.

La Cina, importante motore di crescita dell'economia globale, ha evidenziato la cooperazione, l'inclusione e lo sviluppo verde al 16° vertice dei leader del Gruppo dei 20 (G20).

Cooperazione contro la pandemia

Mentre il COVID-19 sta ancora devastando il mondo, il presidente cinese Xi Jinping ha dato la priorità alla cooperazione globale sui vaccini quando ha pronunciato il suo discorso in video durante la prima sessione del vertice.

Ha proposto un'iniziativa di azione per la cooperazione globale sui vaccini in sei punti con particolare attenzione alla cooperazione in materia di ricerca e sviluppo sui vaccini, distribuzione equa dei vaccini, rinuncia ai diritti di proprietà intellettuale sui vaccini COVID-19, commercio regolare di vaccini, riconoscimento reciproco dei vaccini e sostegno finanziario per la cooperazione globale sui vaccini .

La disuguaglianza nella distribuzione dei vaccini è prominente, con i paesi a basso reddito che ricevono meno dello 0.5 percento del totale globale e meno del 5 percento della popolazione africana è completamente vaccinata, secondo l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS).

L'OMS ha fissato due obiettivi per affrontare la pandemia: vaccinare almeno il 40% della popolazione mondiale entro la fine di quest'anno e portarla al 70% entro la metà del 2022.

"La Cina è pronta a lavorare con tutte le parti per aumentare l'accessibilità e l'accessibilità dei vaccini nei paesi in via di sviluppo e dare un contributo positivo alla costruzione di una linea di difesa globale dei vaccini", ha affermato Xi.

Finora la Cina ha fornito oltre 1.6 miliardi di dosi di vaccini a oltre 100 paesi e organizzazioni internazionali. In totale, la Cina fornirà oltre 2 miliardi di dosi per il mondo in tutto l'anno, ha aggiunto, osservando che la Cina sta conducendo una produzione congiunta di vaccini con 16 paesi.

Costruire un'economia mondiale aperta

Nel promuovere la ripresa economica, il presidente ha sottolineato che il G20 dovrebbe dare la priorità allo sviluppo nel coordinamento delle politiche macro, chiedendo di rendere lo sviluppo globale più equo, efficace e inclusivo per garantire che nessun paese venga lasciato indietro.

"Le economie avanzate dovrebbero mantenere i loro impegni sull'assistenza ufficiale allo sviluppo e fornire maggiori risorse ai paesi in via di sviluppo", ha affermato Xi.

Ha inoltre accolto con favore la partecipazione attiva di più paesi all'Iniziativa per lo sviluppo globale.

Non molto tempo fa, ha proposto l'Iniziativa per lo sviluppo globale alle Nazioni Unite e ha invitato la comunità internazionale a rafforzare la cooperazione nei settori della riduzione della povertà, della sicurezza alimentare, della risposta e dei vaccini COVID-19, del finanziamento dello sviluppo, del cambiamento climatico e dello sviluppo verde, dell'industrializzazione, economia digitale e connettività.

L'iniziativa è altamente compatibile con l'obiettivo e la priorità del G20 di promuovere lo sviluppo globale, ha affermato Xi.

Aderenza allo sviluppo verde

Nel frattempo, affrontare il cambiamento climatico è in cima all'agenda globale poiché la 26a sessione della Conferenza delle parti (COP26) della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici si aprirà domenica a Glasgow, in Scozia.

In questo contesto, Xi ha esortato i paesi sviluppati a dare l'esempio nella riduzione delle emissioni, affermando che i paesi dovrebbero accogliere pienamente le particolari difficoltà e preoccupazioni dei paesi in via di sviluppo, rispettare i loro impegni di finanziamento del clima e fornire tecnologia, sviluppo di capacità e altro supporto per paesi in via di sviluppo.

"Questo è di fondamentale importanza per il successo della prossima COP26", ha affermato.

Xi ha, in molte occasioni, evidenziato il punto di vista della Cina sulla governance globale del clima e ha espresso il fermo sostegno della Cina all'Accordo di Parigi, facilitando importanti progressi a livello globale.

Nel 2015, Xi ha tenuto un discorso alla Conferenza di Parigi sui cambiamenti climatici, dando un contributo storico alla conclusione dell'accordo di Parigi sull'azione globale per il clima dopo il 2020.

All'inizio di questo mese, ha sottolineato gli sforzi per raggiungere il picco di carbonio della Cina e gli obiettivi di neutralità durante il vertice dei leader della 15a riunione della Conferenza delle parti della Convenzione sulla diversità biologica.

Il vertice del G20 di quest'anno si è tenuto sia online che offline sotto la Presidenza italiana, concentrandosi sulle sfide globali più urgenti, con questioni legate alla pandemia di COVID-19, ai cambiamenti climatici e alla ripresa economica in cima all'agenda.

Creato nel 1999, il G20 comprendente 19 paesi più l'Unione Europea, è il principale forum per la cooperazione internazionale su questioni finanziarie ed economiche.

Il gruppo rappresenta quasi i due terzi della popolazione mondiale, oltre l'80 percento del prodotto interno lordo globale e il 75 percento del commercio globale.

Stampa Friendly, PDF e Email

Circa l'autore

editore

Redattore capo è Linda Hohnholz.

Lascia un tuo commento