Ultime notizie di viaggio · XNUMX€ Cultura · XNUMX€ News · XNUMX€ Responsabile · XNUMX€ Turismo · XNUMX€ Notizie di Travel Wire · XNUMX€ In voga

Pace attraverso il turismo ora, ma non solo

Pace attraverso il turismo
Scritto da Max Haberstroh

La pace è più dell'assenza di guerra: niente pace, niente turismo. È vero, il tempo di guerra ha i suoi celebri eroi, mentre la pace ha i suoi "eroi silenziosi". In tempi di COVID sono gli infermieri, i medici, le persone in prima linea e i servizi. È il proprietario dell'hotel, del ristorante e del pub della PMI, e il personale che fornisce servizi di cura e benessere nel miglior modo possibile con maschere e distanza, e sapendo che un altro blocco metterebbe a dura prova gli affari.

Stampa Friendly, PDF e Email
  1. Quando sono arrivate le inondazioni, che hanno distrutto campi, case, infrastrutture pubbliche e mezzi di sussistenza umani, volontari da vicino e da lontano si sono precipitati per aiutare per carità.
  2. Le persone hanno donato con tutto il cuore.
  3. Nelle aree devastate dagli incendi, coraggiosi vigili del fuoco, spesso irrimediabilmente inferiori alla potenza delle tempeste di fuoco, hanno combattuto disperatamente giorno e notte, fino al loro completo esaurimento.

All'improvviso, l'egoismo, l'edonismo e il comfort zoning, altrimenti deplorati come segni di comportamento scorretto, si sono sentiti sfrattati, lasciando il posto a niente di meno che il desiderio di amare il prossimo. I cataclismi creano le proprie leggi. Il tempo di pace ha i suoi eroi e nei momenti di pericolo e disastro le persone possono mostrare il loro altro lato - potrebbe essere il loro lato migliore.

Il compito è duro, le battute d'arresto sono reali, ma l'ottimismo è vitale. L'emergenza immediata è incline a innescare il primo - e veloce - soccorso, mentre gli sviluppi che solo gradualmente diventano fatali mancano della piena consapevolezza delle persone per innescare un'azione tempestiva. Gli asset, acquisiti passo dopo passo, impiegheranno il loro tempo a dare i loro frutti, mentre le opportunità individuali per i campioni di 'brillare' sono in attesa.

In generale, l'eroismo in tempo di pace e di minore emergenza può essere meno spettacolare, ma non per questo meno prezioso ("il pacifismo eroico è indubbiamente immaginabile", afferma Albert Einstein). La pace non è un auto-attore; la pace è il risultato delle nostre azioni. Inutile dire che questo rappresenta una vera sfida per i dirigenti di Travel & Tourism come esperti di comunicazione ad agire!

Come viaggiatori, paghiamo soldi per le nostre vacanze. Ciò significa che apprezziamo goderci le nostre vacanze più dei soldi che abbiamo pagato per questo. Dovremmo conoscere il privilegio di essere ospiti dei nostri ospiti. Il comportamento sociale è la chiave per la convivenza. D'altra parte, se noi, come ospiti, sentiamo che l'ospitalità che offriamo ai nostri visitatori minaccia di finire come una sorta di acquisizione ostile da parte di estranei, allora la nostra autostima sociale viene gravemente violata. Creare violazione e disarmonia è un altro modo per causare inquinamento ambientale.

Il nostro "occhio" per la coscienza ambientale e l'empatia umana deve essere affinato, al fine di sapere cosa è buono per il nostro "ambiente" fisico (esterno) e psichico (interno). C'è pace solo se profondamente radicata in noi stessi come individui, che condividono il senso della dignità gli uni con gli altri. Travel & Tourism fornisce il palcoscenico globale per la buona o cattiva pratica. Qualcuno ha detto una volta, è come l'occhio che non può vedere se stesso. Può imparare a sensibilizzare la sua vista al suo ambiente, in modo simile ai talenti in evoluzione di un fotografo.

Osservando la pretesa ambiziosa del turismo di promuovere la comprensione internazionale, potremmo scoprire: nel peggiore dei casi è un falso (ad es. viaggi all-inclusive!), nel migliore dei casi è un pio desiderio. Alimenta il mito condiviso dalle parti interessate che il pregiudizio scomparirebbe e suscita la silenziosa speranza condivisa da noi stessi, i viaggiatori, che esattamente questo non accadrebbe e che potremmo permetterci di sostenere le nostre opinioni standardizzate. Piuttosto che gente del posto, incontriamo connazionali. L'effetto ascendente previsto verso la comprensione internazionale è minimo: nonostante la partecipazione a visite guidate, godendo l'arte culinaria del padrone di casa o curiosando tra i colorati centri commerciali, la maggior parte dei contatti durante le vacanze sono solo sporadici e casuali. Svaniscono con il tempo, proprio come a volte fanno gli stereotipi di viaggio.

L'aspetto esteriore di "Tourism Unlimited" è emerso a causa del fatto che i segni sociali precedentemente abbastanza distintivi sono diventati sfocati o completamente cancellati. Le destinazioni di vacanza una volta considerate esclusive vengono ora offerte in qualsiasi catalogo o sito web.

Alcuni luoghi hanno subito una trasformazione particolarmente sorprendente, ad esempio Baden-Baden: precedentemente nota come "capitale estiva d'Europa", dove i ricchi e i belli stavano allestendo la loro "Vanity Fair", la città termale oggi è un luogo di convalescenza e benessere anche per clienti in welfare. – Oppure scegli Madeira, dove in distinti sanatori in un clima mite una volta si riprendevano le classi alte del mondo: oggi lo stato insulare è una destinazione per crociere e viaggi organizzati.

Ancora più cruciale è il caso di Venezia: dichiarata Patrimonio dell'Umanità delle Nazioni Unite, Venezia è stata invasa fino a poco tempo fa da turisti di breve durata provenienti da potenti navi da crociera che minacciavano l'essenza strutturale della città lagunare e la serenità scanzonata della popolazione locale. La gente del posto ha considerato questo tipo di invasione come un attacco alla loro città e alla loro vita sociale.

La situazione altrove sembra simile: Angkor, una volta la gloriosa città tempio indù-buddista dei re Khmer, iniziò a decadere dal XV secolo in poi e cadde nell'oblio. Si ritiene che il cambiamento climatico (!) e l'arroganza umana abbiano determinato la caduta di Angkor.

Solo nel XIX secolo gli esploratori francesi scoprirono le rovine e portarono Angkor alla luce del giorno. Sulla scia della guerra del Vietnam, i comunisti Khmer Rossi li conquistarono. Oggi i Khmer Rossi sono scomparsi e “orde di scimmie e turisti” (Christopher Clark, storico australiano) hanno riconquistato le imponenti rovine dei templi di Angkor Vat e Angkor Thom.

In 'Expansion du tourisme', la signora Anita Pleumaon del Tourism Investigation & Monitoring Team (tim-team) riassume: “I valori moderni, imposti alle società asiatiche in rapido sviluppo, sembrano aver causato effetti particolarmente devastanti e una sensazione di disordine, alienazione, sconvolgimento e incertezza. Il processo di commercializzazione e omogeneizzazione e la massiccia circolazione di nuove idee, immagini e informazioni hanno lasciato poco spazio alle tradizioni, all'espressione culturale, ai valori della famiglia e della comunità”. Il nostro approccio alla destinazione sta costruendo un'arma a doppio taglio poiché la sua logica e metodologia seguono schemi in stile occidentale? Ci sono punti in comune tra i nostri sforzi irresistibili di "costruzione della destinazione" e il concetto di "costruzione della nazione" del dopoguerra?

La prova più brutale dell'incongruenza della democrazia in stile occidentale e della costruzione della nazione potrebbe essere testimoniata in Afghanistan. L'Afghanistan, negli anni '1960 e '70 un'entusiasmante destinazione di viaggio e un paradiso per i drop out dall'Europa, aveva preparato con successo il terreno per le sconfitte di due potenze mondiali: l'esercito sovietico nel 1989 e le truppe NATO guidate dagli Stati Uniti nell'agosto 2021. Sovietici, l'Afghanistan era solo un gioco di potere, per gli Stati Uniti e la NATO era il centro identificato del terrorismo internazionale e il nascondiglio di Osama Bin Laden, il principale terrorista dell'9 settembre.

L'obiettivo dell'intervento militare USA-NATO era quello di rovesciare l'allora governo talebano e catturare Bin Laden. Entrambe le missioni sono state compiute, ma una sfida più gloriosa ha indotto l'alleanza occidentale a "rimanere un po'", al fine di consolidare l'Afghanistan come democrazia in stile occidentale. Questo obiettivo fallì vergognosamente, la milizia dei contadini talebani tornò e costrinse gli Stati Uniti e la NATO a lasciare l'Afghanistan harum scarum – con molti morti, feriti o traumatizzati, miliardi di dollari spesi e seri dubbi lasciati. Culminano nella domanda eterna ma ancora senza risposta: per cosa?

Ricordi cupi della guerra del Vietnam sono risorti. Le immagini della spettacolare fuga in elicottero dai tetti di Saigon nel 1975 sono state giustapposte nel 2021, alle foto degli ascensori dall'aeroporto di Kabul, sovraffollati di persone disperate, alcune delle quali aggrappate al carrello dell'aereo e cadendo...

Chi è colpevole? Chi si assume la responsabilità? Che ne dici delle lezioni apprese?

Responsabili sono tutti coloro che non sono riusciti a capire o si sono rifiutati di accettare lezioni che avrebbero dovuto già apprendere prima: in primo luogo, i modelli sociali e gli stili di vita sociali non possono essere trasferiti ad altri con la forza – da nessuna parte e per niente in Afghanistan; secondo, il compito dei militari è fare la guerra e non costruire scuole, ospedali e scavare pozzi; terzo, sia i progetti militari che quelli civili necessitano di una visione fissa rigorosa e tempestiva, o un obiettivo che dovrebbe essere reso la causa di tutti - e non solo procedure ben concepite con un finale aperto e molte alte illusioni; in secondo luogo, le relazioni intrecciate tra le élite locali ei partner stranieri hanno una forte tendenza a promuovere il nepotismo e la corruzione. Questo tipo di "relazioni pericolose" porterà inevitabilmente al conflitto o addirittura alla guerra e alla fine provocherà il puro caos.

Troppo spesso, dopo un impegno militare svogliato ma a lungo termine, la scelta migliore dei partner stranieri sembra lasciare lo scenario - con l'esperienza ripetuta di un vergognoso volo, piuttosto che una partenza ordinata, ma ora si spera con la principale lezione appresa: mantenere fuori dai problemi interni di altri paesi, specialmente quando le differenze socio-culturali sono troppo difficili da evitare. L'autore anglo-olandese Ian Buruma si riferisce alla "trappola coloniale" in cui le grandi potenze sono inclini a cadere, allora e ora.

È troppo inverosimile applicare la tesi della 'trappola coloniale' anche per le ONG di aiuto allo sviluppo? Le obiezioni che gli aiuti allo sviluppo affrontano riguardano in gran parte il carattere perenne di molti progetti tecnici, con intenzioni ambiziose ma solo risultati poco tangibili. È vero che gli esperti stranieri possono agire in modo vantaggioso non solo come supporto pratico e formatori, ma anche come mediatori affidabili tra gruppi di interesse locali rivali. Lo sviluppo turistico nei suoi vari contenuti e parametri è tutt'altro che esente. Purtroppo, è reale la tentazione di essere troppo coinvolti negli affari interni di un paese ospitante e la partenza di un esperto può solo visualizzare il fatto che è diventato parte del problema, piuttosto che la sua soluzione.

Di solito è molto apprezzato pronunciare le parole in modo chiaro, ma data la percezione ironica della comunanza etimologica di "turismo" e "terrorismo", il insulto può essere fatale: il turismo ama la libertà, il terrorismo ha bisogno di odio. Il turismo, nella sua espressione più negativa, può uccidere dolcemente la cultura locale, mentre il terrorismo uccide immediatamente, sia mirato che casuale, senza pietà, ma con il turismo tra le sue prime vittime.

Il turismo non può fiorire, dove infuria il terrorismo, il turismo ha bisogno di pace. Come possiamo dire che Travel & Tourism contribuisce efficacemente a creare e mantenere la pace? Qualcuno ha mai sentito parlare di un ruolo sostanziale che un'organizzazione turistica, insieme ad altre, ha svolto, nel tentativo di mantenere, ad esempio, l'Afghanistan un paese e una destinazione turistica pacifico e persino tollerante, come era negli anni Sessanta?

Circa due decenni dopo la guerra, il Vietnam è diventato un'attraente destinazione di viaggio, anche con un regime comunista in un ambiente capitalista (!) e relazioni amichevoli con gli Stati Uniti e il mondo. I negoziati politici, il networking delle aziende e la storica visita del presidente Clinton nel 2000 hanno fatto della normalizzazione delle relazioni tra governo e settore imprenditoriale il loro mantra. Travel & Tourism stava seguendo l'esempio, ma i passaggi precedenti che potrebbero aver mostrato l'impegno di UNWTO o WTTC sono difficili da ricordare.

Possiamo prendere il Vietnam come un audace progetto per la "normalizzazione" delle relazioni con l'Emirato dell'Afghanistan? Possiamo aspettarci di nuovo un avventuroso turismo di montagna nell'Hindu Kush intorno al 2040, con i talebani islamisti come guide turistiche amichevoli?

Abbastanza pazzo, si potrebbe pensare, scuotendo la testa: per vent'anni dopo la guerra del Vietnam, Samuel P. Huntington ha pubblicato il suo blockbuster politico "The Clash of Civilizations". La teoria di Huntington che le guerre future non sarebbero state combattute tra paesi ma culture, ha portato a discussioni controverse e alla rinascita del "Dialogo tra civiltà", una controtesi che il filosofo austriaco Hans Köchler ha difeso nel 1972, in una lettera indirizzata all'UNESCO e lasciato nel dimenticatoio.

La situazione attuale non giustificherebbe l'interferenza impegnata di Travel & Tourism, con le sue organizzazioni di punta UNWTO e WTTC, per aiutare a rinnovare il dialogo tra le 'civiltà', attraverso i media analoghi e digitali, visibilmente e con forza, a favore dell'idea di rendere " Pace attraverso il turismo – ma non solo”?

Il messaggio richiede l'inclusione di partner che la pensano allo stesso modo all'interno e all'esterno di Travel & Tourism, per convergere su pensiero e azione. Potrebbe essere ispirato dalle idee idealisticamente ed entusiasticamente promulgate e difese da Louis D'Amore come fondatore e presidente di lunga data del 'Istituto Internazionale per la Pace attraverso il Turismo.

Bene, che il sogno sia un privilegio degli ottimisti e l'ironia l'arma dei deboli: i potenti avranno i loro problemi: mentre l'orso russo si è ripreso dalla propria esperienza "Afghanistan" e si è riadattato di nuovo, l'aquila americana e il suo transatlantico i colibrì sono ancora impegnati a leccarsi le ferite della loro missione fallita. Il Drago Cinese non può fare a meno di concedersi un sorriso malvagio sulla disgrazia dei suoi rivali globali. Sembra che il mondo stia scivolando subito dalla Guerra Fredda alla Pace Fredda. Ciò significa poco più che un semplice armistizio, ma abbastanza per rischiare un cambiamento climatico "caldo" politico, forse non lungo le "linee di faglia" culturali di Huntington, ma grosso modo lungo il vecchio e familiare divario Ovest-Est. È difficile ignorare l'idea che la cecità politica possa innescare “modelli, originati dal ritorno degli eventi – ma solo per la maggior parte”, come ha detto il filosofo Leibniz. Che fallimento della creatività politica dopo la scomparsa della cortina di ferro!

C'è un'altra tesi ironica in questi modelli: “Quando l'uomo penetra nel mondo come un bandito, il mondo lo costringerà a continuare a vivere come un bandito. Questa è la risposta del mondo, potremmo dire, la sua vendetta”, dice Ludwig Fusshoeller in 'Die Dämonen kehren wieder' ('Il ritorno dei demoni'). I visitatori che sono considerati intrusi, saranno trattati come tali, siano essi semplici turisti, uomini d'affari di vasta portata o eserciti stranieri! – Cosa possiamo dire? 'Addio ad accogliere la cultura' non basterà.

Nel famigerato dramma di Goethe, il vero obiettivo di Faust è determinato dalla sua personale vittoria sulla natura. Tuttavia, proprio mentre si sente estremamente felice di aver realizzato il suo progetto egocentrico, perde la sua scommessa con Mephisto e supplica: “Allora, al momento oserei dire: 'Resta un po'! Sei così bella!'"

Se guardiamo al nostro pianeta oggi, ci rendiamo conto che il "mondo faustiano" è tornato sfacciatamente, mentre lo splendore ha nuovamente vestito di nuovo l'affascinante miraggio del passato e il desiderio senza tempo di ospiti e visitatori, integrato dalla maledizione ossessionante della pandemia - “stare un po'…”

L'autore, Max Haberstroh, è un membro fondatore del Rete mondiale del turismo (WTN).

Stampa Friendly, PDF e Email

Circa l'autore

Max Haberstroh

Lascia un tuo commento