Clicca qui se questo è il tuo comunicato stampa!

La fame globale è un problema serio, dicono la maggior parte degli americani

Scritto da editore

“La stragrande maggioranza degli americani riconosce che la fame nel mondo è un problema serio e che la crisi climatica è una crisi della fame. Ora, i nostri leader devono farsi avanti per agire in base alle nostre preoccupazioni", ha affermato il dott. Charles Owubah, CEO, Action Against Hunger.

Stampa Friendly, PDF e Email

In occasione della Giornata mondiale dell'alimentazione il 16 ottobre, Action Against Hunger, un'organizzazione no profit leader nel movimento globale per porre fine alla fame, ha pubblicato oggi i risultati di un sondaggio su oltre 2,000 adulti statunitensi condotto per loro conto da The Harris Poll che mostra che l'86% degli americani credono che la fame nel mondo rimanga un problema serio. Un ulteriore 73% degli americani afferma che il cambiamento climatico aumenterà la fame tra le comunità più povere del mondo e più della metà (56%) degli intervistati afferma che i paesi più ricchi, come gli Stati Uniti, dovrebbero aiutare i paesi a basso reddito a pagare i costi di adattamento al clima modificare. 

“In tutto il mondo, 811 milioni di persone vanno a letto affamate ogni notte e in troppe parti del mondo la fame può essere mortale. Dobbiamo fare ogni giorno la Giornata mondiale dell'alimentazione fino a quando non raggiungiamo la nostra missione di porre fine alla fame per tutti, per sempre", ha aggiunto il dott. Owubah.

Ulteriori risultati del sondaggio includono:

• Quasi la metà di tutti gli americani si preoccupa dell'aumento dei prezzi dei generi alimentari a causa del cambiamento climatico. Inoltre, il 46% degli americani ha affermato che tra le loro maggiori preoccupazioni climatiche per la prossima generazione c'è "vivere in un mondo con meno cibo (cioè, più scarsità di cibo a causa degli shock climatici)".

• È molto probabile che i boomer affermino che la fame nel mondo rimane un problema serio. La consapevolezza della fame globale come un problema serio è statisticamente significativa tra i Boomer (età 57-75) che sono più propensi della Generazione Z (18-24 anni) e della Generazione X (età 41-56) a credere che la fame globale sia ancora un problema serio nel mondo di oggi (89% contro 81% e 83%).

• Il 75% degli americani pensa che il cambiamento climatico rappresenti una minaccia per il futuro della razza umana e il 74% crede che tutti noi, inclusi gruppi come il governo, le organizzazioni non profit e le imprese, dovremmo fare di più per affrontare il cambiamento climatico. Uno studio simile di Action Against Hunger UK ha riscontrato preoccupazioni simili tra il pubblico locale.

• Il 60% degli uomini, il 68% della Generazione Z e il 76% dei neri americani credono che i paesi più ricchi, come gli Stati Uniti, dovrebbero aiutare i paesi a basso reddito a sostenere i costi di adattamento ai cambiamenti climatici. Tra gli uomini, il 60% è d'accordo con questo approccio, rispetto al 53% delle donne. Il 76% dei neri americani non ispanici è d'accordo con questo sentimento, rispetto a solo il 50% dei bianchi americani non ispanici e il 61% degli ispanici americani. Il 68% della Gen Z e il 65% dei Millennial sono d'accordo, come solo il 52% della Gen X e il 47% dei Boomer.

I risultati di Azione contro la fame seguono il Global Hunger Index 2021, che ha rilevato che la fame rimane "grave, allarmante o estremamente allarmante in quasi 50 paesi" e un rapporto delle Nazioni Unite secondo cui 1 persona su 33 nel mondo ha bisogno di assistenza umanitaria.

“La consapevolezza è un primo passo importante. Ora, il mondo ha bisogno di modi più efficaci e responsabili per affrontare la fame e il cambiamento climatico come crescenti minacce per la salute pubblica", ha affermato il dott. Owubah. “Un fallimento nell'affrontare la fame può essere profondamente destabilizzante per gli stati già fragili, poiché la fame è sia una causa che un effetto del conflitto. Quando investiamo nella lotta alla fame e nel salvare vite umane, investiamo nel futuro: la ricerca ha dimostrato che ogni dollaro speso per combattere la malnutrizione porta fino a 1 dollari di ritorno alla società”.

Metodo di indagine

Questo sondaggio è stato condotto online negli Stati Uniti da The Harris Poll per conto di Action Against Hunger tra il 12 e il 14 ottobre 2021 tra 2,019 adulti statunitensi di età superiore ai 18 anni. Questo sondaggio online non si basa su un campione probabilistico e pertanto non è possibile calcolare una stima dell'errore di campionamento teorico. Per una metodologia di indagine completa, comprese le variabili di ponderazione e le dimensioni del campione dei sottogruppi, contattare Shayna Samuels, 718-541-4785 o [email protected]

Azione contro la fame è un'organizzazione no-profit che guida un movimento globale per porre fine alla fame nelle nostre vite. Innova soluzioni, sostiene il cambiamento e raggiunge 25 milioni di persone ogni anno con comprovati programmi di prevenzione e trattamento della fame. In qualità di organizzazione no-profit che opera in 50 paesi, i suoi 8,300 membri del personale dedicato collaborano con le comunità per affrontare le cause profonde della fame, inclusi i cambiamenti climatici, i conflitti, le disuguaglianze e le emergenze. Si sforza di creare un mondo libero dalla fame, per tutti, per sempre.

Stampa Friendly, PDF e Email

Circa l'autore

editore

Redattore capo è Linda Hohnholz.

Lascia un tuo commento