Compagnie Aeree · XNUMX€ Aeroporto · XNUMX€ Aviation · XNUMX€ Ultime notizie europee · XNUMX€ Ultime notizie internazionali · XNUMX€ Ultime notizie di viaggio · XNUMX€ Viaggio di lavoro · XNUMX€ Notizie governative · XNUMX€ Health News · XNUMX€ Industria dell'ospitalità · XNUMX€ Cosa ce di nuovo · XNUMX€ Persone · XNUMX€ Ricostruzione · XNUMX€ Responsabile · XNUMX€ Sicurezza · XNUMX€ Turismo · XNUMX€ Trasporti in Damanhur · XNUMX€ Notizie di Travel Wire · XNUMX€ In voga

IATA: Troppa complessità nel modo in cui si riaprono i confini

IATA: Troppa complessità nel modo in cui si riaprono i confini
Willie Walsh, Direttore generale della IATA
Scritto da Harry Johnson

Le restrizioni ai viaggi internazionali e nazionali sono una rete complessa e confusa di regole con pochissima coerenza tra loro.

Stampa Friendly, PDF e Email
  • Le restrizioni di viaggio hanno dato ai governi il tempo di rispondere nei primi giorni della pandemia di COVID-19.
  • Negli ultimi mesi, diversi mercati chiave che erano stati precedentemente chiusi hanno provveduto ad aprirsi ai viaggiatori vaccinati.
  • Tra i mercati precedentemente chiusi, l'Europa è stata una delle prime a muoversi, seguita da Canada, Regno Unito, Stati Uniti e Singapore. 

L'International Associazione del trasporto aereo (IATA) ha chiesto la fine delle restrizioni di viaggio estremamente incoerenti legate al COVID-19 che stanno bloccando la ripresa del trasporto aereo. Ha esortato i governi ad attuare regimi semplificati per gestire i rischi di COVID-19 con la riapertura delle frontiere ai viaggi internazionali. 

“Le restrizioni ai viaggi hanno dato ai governi il tempo di rispondere nei primi giorni della pandemia. Quasi due anni dopo, quella logica non esiste più. Il COVID-19 è presente in tutte le parti del mondo. Le restrizioni di viaggio sono una rete complessa e confusa di regole con pochissima coerenza tra loro. E ci sono poche prove a sostegno delle restrizioni alle frontiere in corso e del caos economico che creano", ha affermato Willie Walsh, Direttore generale della IATA

I risultati dei test per i passeggeri in arrivo nel Regno Unito dimostrano che i viaggiatori non aggiungono rischi alla popolazione locale. “Dei tre milioni di arrivi tra febbraio e agosto, solo 42,000mila sono risultati positivi, ovvero meno di 250 al giorno. Nel frattempo, il conteggio giornaliero dei casi nel Regno Unito è di 35,000 e l'economia, a parte i viaggi internazionali, è spalancata. Le persone dovrebbero essere altrettanto libere di viaggiare", ha affermato Walsh. 

Negli ultimi mesi, diversi mercati chiave che erano stati precedentemente chiusi hanno provveduto ad aprirsi ai viaggiatori vaccinati. Tra i mercati precedentemente chiusi, l'Europa è stata una delle prime a muoversi, seguita da Canada, Regno Unito, Stati Uniti e Singapore. Anche l'Australia, che ha alcune delle restrizioni più draconiane, sta prendendo provvedimenti per riaprire i suoi confini ai viaggiatori vaccinati entro novembre. 

IATA sostiene queste mosse e incoraggia tutti i governi a prendere in considerazione il seguente quadro per la riapertura delle frontiere:  

  • I vaccini dovrebbero essere messi a disposizione di tutti il ​​più rapidamente possibile.
  • I viaggiatori vaccinati non dovrebbero affrontare alcun ostacolo per viaggiare.
  • I test dovrebbero consentire a coloro che non hanno accesso ai vaccini di viaggiare senza quarantena.
  • I test dell'antigene sono la chiave per regimi di test convenienti e convenienti.
  • I governi dovrebbero pagare per i test, in modo che non diventi una barriera economica per viaggiare.
Stampa Friendly, PDF e Email

Circa l'autore

Harry Johnson

Harry Johnson è stato il redattore degli incarichi per eTurboNews per quasi 20 anni. Vive a Honolulu, nelle Hawaii, ed è originario dell'Europa. Gli piace scrivere e coprire le notizie.

Lascia un tuo commento