eTV 24 ore su 7, XNUMX giorni su XNUMX UltimeNotizieMostra : Fare clic sul pulsante del volume (in basso a sinistra dello schermo del video)
Ultime notizie internazionali · XNUMX€ Ultime notizie di viaggio · XNUMX€ Viaggio di lavoro · XNUMX€ Industria dell'ospitalità · XNUMX€ Hotel e resort · XNUMX€ Cosa ce di nuovo · XNUMX€ Resort · XNUMX€ Sicurezza · XNUMX€ Turismo · XNUMX€ Turismo Talk · XNUMX€ In voga · XNUMX€ Ultime notizie dagli USA

Prepararsi alle catastrofi naturali: il prima e il dopo

Il dottor Peter Tarlow

L'anno scorso, il 2020, non è stato solo il primo anno della pandemia di COVID-19, ma ha anche visto un aumento di grandi tempeste e altri disastri naturali come gli incendi boschivi in ​​tutto il mondo.

Stampa Friendly, PDF e Email
  1. L'anno 2021 ci ha insegnato ancora una volta che le cose possono sempre peggiorare. Negli Stati Uniti, New Orleans e molte città turistiche lungo la costa del Golfo sono state devastate da uno dei peggiori uragani del mondo.
  2. A ovest, gli incendi boschivi hanno distrutto parti del famoso lago Tahoe.
  3. Anche altre parti del mondo hanno sofferto In Europa la Grecia ha visto la sua peggiore stagione di incendi boschivi e molte nazioni europee hanno subito gravi inondazioni.

Questi eventi climatici dovrebbero essere un campanello d'allarme per tutti nel settore del turismo. Madre natura ha chiarito abbondantemente che i viaggi e il turismo sono un'industria molto fragile. È un settore che spesso dipende dalle condizioni meteorologiche. 

Spesso le economie e i profitti del turismo sono in balia degli eventi naturali. Ad esempio, l'America centrale e i Caraibi sono spesso in balia della stagione degli uragani. Nella regione del Pacifico, queste vaste tempeste indotte dall'oceano, spesso chiamate tifoni, sono altrettanto mortali. In altre parti del mondo ci sono correnti d'aria e inondazioni, terremoti e tsunami e questi cosiddetti disastri naturali possono causare danni incalcolabili all'industria del turismo. Dopo un disastro naturale per molti nell'industria del turismo, la ripresa è dolorosamente lenta e con le imprese che affrontano fallimenti e persone che perdono il lavoro. A causa della pandemia di COVID-19, molte aziende sono meno in grado di prima di riprendersi facilmente da un disastro naturale. Sfortunatamente, non possiamo controllare il tempo o le condizioni climatiche, ma è una buona idea prepararsi a terremoti, tornado e uragani/tifoni o incendi boschivi prima che si verifichino. 

Per aiutarti a prepararti offro i seguenti suggerimenti.

-Sviluppare piani prima che si verifichino i disastri. Aspettare che arrivi un uragano è troppo tardi per cominciare ad agire. Sviluppa un piano pre-emergenza. Questo piano dovrebbe essere multiforme e dovrebbe includere la cura di coloro che potrebbero essere feriti o ammalati durante la calamità, trovare rifugi per i visitatori, determinare chi alloggia e chi no negli hotel, creare centri di comunicazione.

-Pensa a un piano aziendale di ripristino e a un piano di marketing prima che si verifichi un disastro. Una volta che sei nel bel mezzo di un disastro naturale, sarai troppo impegnato per sviluppare un piano di recupero completo. Prenditi il ​​tempo per pianificare quando le cose sono meno caotiche e hai la pazienza e il tempo per interagire con altri come vigili del fuoco, dipartimenti di polizia, funzionari sanitari ed esperti nella gestione delle emergenze. Conosci queste persone per nome e assicurati che sappiano chi sei. 

-Creare buoni rapporti di lavoro tra aziende private e agenzie governative. Prima che si verifichi un disastro, assicurati di conoscere i nomi dei funzionari governativi a cui potresti doverti rivolgere. Esamina i tuoi piani con queste persone e ottieni il loro contributo prima della crisi.

-Non dimenticare che i disastri sono spesso opportunità per il crimine. Assicurati che il dipartimento di polizia faccia parte del piano di emergenza, non solo dal punto di vista delle forze dell'ordine, ma anche dal punto di vista delle pubbliche relazioni e della ripresa economica. Ciò che dice il tuo dipartimento di polizia e come agisce nei confronti dei visitatori può avere un impatto sulla tua ripresa e sull'industria del turismo locale negli anni a venire.

-Sviluppare una buona comunicazione tra le agenzie di primo intervento. Molti professionisti del turismo presumono semplicemente che ci siano buoni rapporti di lavoro tra le varie agenzie di gestione dei disastri federali, statali, provinciali o locali. Spesso questo non è il caso. La non cooperazione tra agenzie si riflette negativamente sulla tua attività turistica o sulla tua comunità. Ad esempio, inoltre, la maggior parte delle agenzie di polizia non è formata in materia di polizia orientata al turismo e non ha idea di come gestire le esigenze speciali dell'industria del turismo durante i periodi di crisi.

-Sviluppare un protocollo per affrontare le informazioni classificate. Ad esempio, in caso di emergenza, gli hotel collaboreranno per consentire il rilascio dei nomi degli ospiti? Se sì, in quali circostanze? Quando dovrebbero essere rilasciate le cartelle cliniche e qual è la responsabilità dell'industria del turismo locale per quanto riguarda la privacy rispetto ai problemi di salute pubblica?

-Sviluppare protocolli di nulla osta di sicurezza. Durante i periodi dei disastri, potrebbero essere necessari tutti i tipi di autorizzazioni legali. Una volta che il disastro si è verificato, è troppo tardi per iniziare a risolvere le questioni legali. Sviluppa subito una lista e ottieni le autorizzazioni necessarie durante i periodi di calma. Allo stesso modo, esaminate con il personale della sanità pubblica quali politiche saranno in atto se dovesse essere implementata una politica di triage.

-In questo mondo di pandemia in corso, è essenziale che le agenzie turistiche locali sviluppino politiche di salute pubblica per i visitatori e le pubblicizzino. In caso di inondazioni, terremoti o altri disastri naturali possono sorgere tutti i tipi di nuovi problemi. I visitatori potrebbero aver perso i farmaci e non essere in grado di ottenere sostituti, alcune persone potrebbero non volere che particolari problemi medici diventino parte del registro pubblico. I visitatori avranno livelli di ansia più alti che se fossero stati a casa e possiamo aspettarci di vedere maggiori livelli di problemi medici indotti dallo stress.

-Conosci o disponi di un piano se la tua industria del turismo copre un'area regionale o multi-giurisdizionale. Quando possibile, sviluppa un codice di condotta e un rapporto di lavoro tra agenzie, hotel, ristoranti, rifugi di emergenza e altre agenzie di soccorso che attraversano i confini di città, contee, provinciali o statali.

-Assicurati di avere un buon servizio telefonico o Internet gratuito e pubblicizza dove i visitatori possono andare per utilizzare questi servizi in caso di blackout. I visitatori vorranno chiamare e i loro cari vorranno chiamarli. Stabilire quanto prima una forma di comunicazione libera. I visitatori non dimenticheranno mai questo atto di ospitalità.

-Inizia immediatamente i programmi di recupero turistico a lungo termine. Questi programmi a lungo termine dovrebbero andare ben oltre la semplice commercializzazione dell'area o la fornitura di prezzi più bassi. Il programma dovrebbe anche includere cose come lavorare con professionisti della salute mentale e stabilire strutture di supporto per i visitatori che sono sopravvissuti. Quando il visitatore lascia l'area colpita, continuerà a soffrire del disastro naturale. Ottieni nomi, indirizzi e-mail e numeri di telefono e assicurati che i tuoi visitatori ricevano chiamate di follow-up. Queste chiamate non dovrebbero mai vendere nulla, ma semplicemente far sapere ai visitatori che la tua agenzia si prende cura di loro.

L'autore, il dottor Peter E. Tarlow, è co-presidente del Rete mondiale del turismo e conduce il Turismo più sicuro .

Stampa Friendly, PDF e Email

Circa l'autore

Dott. Peter E. Tarlow

Il Dr. Peter E. Tarlow è un oratore di fama mondiale ed esperto specializzato nell'impatto della criminalità e del terrorismo sull'industria del turismo, sulla gestione degli eventi e del rischio turistico, sul turismo e sullo sviluppo economico. Dal 1990, Tarlow aiuta la comunità del turismo con questioni come la sicurezza e la protezione dei viaggi, lo sviluppo economico, il marketing creativo e il pensiero creativo.

Come noto autore nel campo della sicurezza del turismo, Tarlow è autore di numerosi libri sulla sicurezza del turismo e pubblica numerosi articoli di ricerca accademica e applicata su questioni di sicurezza, inclusi articoli pubblicati su The Futurist, Journal of Travel Research e Gestione della sicurezza. L'ampia gamma di articoli professionali e accademici di Tarlow comprende articoli su argomenti quali: "turismo oscuro", teorie del terrorismo e sviluppo economico attraverso il turismo, religione e terrorismo e turismo da crociera. Tarlow scrive e pubblica anche la popolare newsletter turistica on-line Tourism Tidbits letta da migliaia di professionisti del turismo e dei viaggi in tutto il mondo nelle sue edizioni in lingua inglese, spagnola e portoghese.

https://safertourism.com/

Lascia un tuo commento