Viaggio avventuroso · XNUMX€ Ultime notizie internazionali · XNUMX€ Ultime notizie di viaggio · XNUMX€ Cultura · XNUMX€ Ultime notizie dall'India · XNUMX€ Cosa ce di nuovo · XNUMX€ Persone · XNUMX€ Turismo · XNUMX€ In voga · XNUMX€ Ultime notizie nel Regno Unito

Artista versatile unisce passione per i cavalli e viaggi mozzafiato

L'arte sbalorditiva unisce cavalli e viaggi

Un amico comune mi ha fatto conoscere il lavoro del talentuoso artista britannico, Marcus Hodge. Mi ha inviato le immagini del suo lavoro, e sono rimasto sbalordito dai suoi splendidi e vividi dipinti di cavalli, tori e mucche che mi hanno fatto sentire che sarebbero saltati fuori dalla tela.

Stampa Friendly, PDF e Email
  1. L'artista ha in programma una mostra personale alla Osborne Studio Gallery nel mese di ottobre.
  2. Il focus di questa particolare mostra è il mondo del cavallo dai viaggi dell'artista negli ultimi due anni.
  3. Sono stati i nonni dell'artista ad accendere il suo amore di uscire per esplorare prima il paese e poi il mondo e registrarlo attraverso l'arte.

Ero incuriosito e ho cercato di saperne di più sul suo background. Ho scoperto che Hodge, nato nel 1966, ha prodotto una gamma mozzafiato di lavori ispirati ai suoi viaggi dall'Andalusia all'India.

Gli amanti dell'arte potranno vedere i dipinti di Hodge alla sua prossima mostra personale al Osborne Studio Gallery dal 5-28 ottobre 2021. Questa collezione raccoglie immagini dei viaggi dell'artista negli ultimi due anni ed esplora il mondo del cavallo, dai cavalli Marwari del Rajasthan, i cavalli del circo internazionale di Monaco, ai purosangue e cavalli arabi del Medio Oriente.  

Hodge è stato allevato dai suoi nonni che hanno trascorso molti anni in India, e hanno acceso il suo interesse per uscire e iniziare a esplorare il paese. La più importante fonte di ispirazione per questa mostra è stata la Fiera del cammello di novembre a Pushkar, Rajasthan, una delle più grandi esperienze di viaggio dell'India, spettacolo su scala epica. Ha descritto come è nata la mostra: “Si è presentata l'opportunità di esporre un ulteriore corpo di lavoro con la galleria dello studio Osborne dove ho avuto una precedente mostra personale. Avevo fatto numerosi viaggi in India nel corso degli anni e ho visitato la città di Pushkar durante la fiera dei cammelli, quattro o cinque volte.

“Pushkar è una bellissima cittadina, molto sacra per gli indù, che si anima per l'annuale fiera dei cammelli. Puoi goderti l'eccitazione nelle strade, ma ritirarti in piccole terrazze tranquille quando necessario. Una splendida posizione per godere di un'enorme diversità e ritmo.”

"Ma prima dell'inizio della pandemia avevo visitato El Rocio in Andalusia dove hanno un altro grande festival, ancora una volta con molte centinaia di cavalli e persone provenienti da varie regioni".

Dopo cinque anni di studio delle tecniche degli antichi maestri a Palma, Maiorca, Hodge si è fatto un nome come ritrattista. Ha viaggiato per la prima volta in India nel 2000. Questo viaggio è stato l'inizio di un intenso fascino per l'India, per la sua cultura, il suo paesaggio e la sua qualità spirituale. Sebbene la sua prossima mostra abbia un tema equestre, il suo stile è in continua evoluzione per diventare più audace e semplice, a volte la pittura figurativa lascia il posto all'astrazione.

I dipinti tendono a guardare gli animali e le persone, l'architettura e il paesaggio. Secondo Hodge, “l'argomento è stimolante, ma in realtà è un equilibrio tra questo e l'utilizzo come piattaforma per creare un risultato davvero animato e pittorico. Far funzionare davvero la superficie e la tensione del dipinto è importante quanto rappresentare l'immagine e quando ha successo c'è una bella armonia tra i due.

Hodge dice che continua a tornare sul tema dei cavalli perché trova costantemente in loro qualcosa di intrigante e visivamente seducente: una meravigliosa collisione di bellezza e ingegnosità meccanica. Nonostante i cambiamenti stilistici, l'unico tema duraturo, principalmente, è l'India. Dice: “Le tecniche pittoriche passano dalla rappresentazione all'astratto e viceversa perché molte delle esperienze che hai lì richiedono una risposta diversa. Un bellissimo animale o paesaggio mi impone di dipingerlo fedelmente e di cercare di ricreare sulla tela un dipinto che sia sia soddisfacente fisicamente che una rappresentazione vera e onesta del soggetto”. Altri temi, come l'aspetto storico del Gateway of India o la serie di dipinti Breaking the Cycle di Varanasi, richiedono un approccio molto diverso. Questo è ciò che mantiene viva e interessante l'esperienza per lui.

Sebbene il focus del suo lavoro sia principalmente sull'India e su El Rocio in Spagna, ci sono anche alcuni dipinti dalla Francia dove vive suo padre (anche lui artista). Hodge respinge ogni suggerimento secondo cui la mostra potrebbe interessare solo le persone che hanno visitato l'India. "Spero di no. I dipinti possono essere goduti sia a livello rappresentativo che come dipinti indipendentemente dal motivo. Un bel tramonto è un bel tramonto ovunque si presenti.”

Hodge ha iniziato a dipingere quando ha frequentato una scuola d'arte tradizionale a Maiorca quando aveva 25 anni. “Ho trascorso cinque anni imparando dal meraviglioso pittore Joaquim Torrents Llado. Ora insegno anche un paio di lezioni a settimana in una scuola d'arte, quindi spero di trasmetterne un po'. Tanti artisti diversi mi interessano. Ma penso che tutti condividano la qualità di usare la pittura in modo molto espressivo e libero. Inoltre, al momento mi piace particolarmente l'arte Mughal in miniatura indiana, resa ancora più viva quando inizi a leggere dei personaggi in esse.

Chi non ha la possibilità di visitare di persona la mostra può vedere le immagini sul sito della galleria Osborne e Sito personale di Hodge .

Alla domanda sui suoi piani futuri, Hodge dice: “Penso, quando sembra sensato, di tornare in India e continuare a lavorare lì e vedere cosa succede. Non mi piace molto fare progetti, ma trovare la location che ti sta chiamando ed essere aperto a qualunque cosa accada”.

Stampa Friendly, PDF e Email

Circa l'autore

Rita Payne - speciale per eTN

Lascia un tuo commento