eTV 24 ore su 7, XNUMX giorni su XNUMX UltimeNotizieMostra : Fare clic sul pulsante del volume (in basso a sinistra dello schermo del video)
Compagnie Aeree · XNUMX€ Aeroporto · XNUMX€ Aviation · XNUMX€ Ultime notizie europee · XNUMX€ Ultime notizie internazionali · XNUMX€ Ultime notizie di viaggio · XNUMX€ Viaggio di lavoro · XNUMX€ Industria dell'ospitalità · XNUMX€ Investimenti · XNUMX€ Ultime notizie dall'Italia · XNUMX€ Cosa ce di nuovo · XNUMX€ Turismo · XNUMX€ Trasporti in Damanhur · XNUMX€ Aggiornamento sulla destinazione del viaggio · XNUMX€ In voga

I lavoratori Alitalia lavorano gratis

Alitalia non paga i lavoratori

Alitalia non paga gli stipendi. Dicono i commissari: “Pagheremo con i soldi del marchio”. Finora, l'azienda ha pagato solo la metà dei suoi stipendi di settembre. Il saldo verrà corrisposto solo dopo che i commissari avranno avuto “prova dell'esito del bando del marchio”.

Stampa Friendly, PDF e Email
  1. La gara potrebbe durare diverse settimane, perché le prime offerte vincolanti dovranno essere presentate entro il 4 ottobre alle 2, al prezzo minimo di 290 milioni di euro (più IVA).
  2. Ma nessun vettore sembra interessato ad acquistare il marchio in questa fase.
  3. "La valutazione è irrealistica", ha affermato Alfredo Altavilla, presidente di ITA, la nuova compagnia aerea, che è probabilmente la compagnia più interessata al marchio della vecchia compagnia.

Prezzo base 290 milioni

Per fare un'offerta in questa fase è necessario un acconto di 40 milioni di euro. Possono aderire al vincolo solo le persone con una licenza di trasporto aereo o AOC (Certificato di operatore aereo) e un patrimonio netto di almeno 200 milioni.

Qualora non vi siano offerte pari almeno al prezzo base, i commissari apriranno una seconda tornata di offerte vincolanti.

Il bando di gara, denominato “invito”, prevede una seconda fase qualora non vi siano offerte idonee nella prima fase. In tal caso, i commissari «effettueranno la seconda fase dell'aggiudicazione con la richiesta a tutti i soggetti ammessi di presentare offerte vincolanti anche in riduzione rispetto al prezzo offerto».

Non è stato detto quale sarebbe stato il prezzo base per il secondo turno. Il marchio ha un valore di libro di 150 milioni nel bilancio di Alitalia. Pertanto è improbabile che scenda al di sotto di questa cifra.

Terzo round: scelta discrezionale dei commissari

Se nella prima come nella seconda fase ci fossero più offerte, si andrebbe poi ai rilanci, partendo dalla migliore offerta, per un importo “non inferiore a 10 milioni di euro”. Se anche il secondo turno non è soddisfacente, la procedura verrà modificata. "I commissari straordinari procederanno poi alla vendita del marchio senza vincoli procedurali nei confronti dell'operatore economico che hanno individuato", si legge nel comunicato.

Per il terzo turno ci sarebbe dunque la discrezionalità dei commissari. In questa fase, ITA potrebbe entrare, che punta ad acquistare il marchio ma senza svenire.

"Il marchio sarà messo a disposizione dell'aggiudicatario entro il 31 dicembre 2021", si legge nell'invito pubblicato dai commissari.

Comunicazione dei Commissari

Per i 10,500 lavoratori di Alitalia, c'è dunque una lunga attesa per ottenere il saldo del proprio stipendio per settembre. E non è detto che alla fine ci siano i soldi. In una comunicazione interna, gli assessori Gabriele Fava, Giuseppe Leogrande e Daniele Santosuosso hanno scritto ai dipendenti:

“Come sapete, le nostre attività incluse nel ramo aeronautico dovrebbero concludersi il 14 ottobre e, pertanto, siamo costretti a gestire la finanza aziendale coerentemente con questo obiettivo, tenuto conto che la chiusura delle vendite il 24 agosto ha generato un sostanziale blocco dei ricavi.

“Siamo molto dispiaciuti di dovervi informare che gli stipendi del mese in corso verranno adeguati al 50% con valore a lunedì 27 settembre, mentre il restante 50% vi sarà accreditato non appena avremo evidenza dell'esito dell'annuncio del marchio, come richiesto dalla Commissione Europea”.

La legge, infatti, prevede che le somme derivanti dalla vendita dei beni siano utilizzate in via prioritaria per sostenere i costi correnti, in primis gli stipendi.

Stampa Friendly, PDF e Email

Circa l'autore

Mario Masciullo - eTN Italia

Mario è un veterano nel settore dei viaggi.
La sua esperienza si estende in tutto il mondo dal 1960, quando all'età di 21 anni ha iniziato ad esplorare il Giappone, Hong Kong e la Thailandia.
Mario ha visto il World Tourism svilupparsi fino ad oggi e ha assistito al
distruzione della radice / testimonianza del passato di un buon numero di paesi a favore della modernità / progresso.
Negli ultimi 20 anni l'esperienza di viaggio di Mario si è concentrata nel sud-est asiatico e negli ultimi tempi ha incluso il subcontinente indiano.

Parte dell'esperienza lavorativa di Mario comprende molteplici attività nell'Aviazione Civile
field si è concluso dopo aver organizzato il kik off di Malaysia Singapore Airlines in Italia come Institutor e proseguito per 16 anni nel ruolo di Sales / Marketing Manager Italy per Singapore Airlines dopo la scissione dei due governi nell'ottobre 1972.

La licenza ufficiale di giornalista di Mario è dell '"Ordine Nazionale dei Giornalisti Roma, Italia nel 1977.

Lascia un tuo commento