eTV 24 ore su 7, XNUMX giorni su XNUMX UltimeNotizieMostra : Fare clic sul pulsante del volume (in basso a sinistra dello schermo del video)
Associazioni News · XNUMX€ Ultime notizie europee · XNUMX€ Ultime notizie internazionali · XNUMX€ Germania Ultime notizie · XNUMX€ Notizie governative · XNUMX€ Industria dell'ospitalità · XNUMX€ interviste · XNUMX€ Cosa ce di nuovo · XNUMX€ Persone · XNUMX€ Ricostruzione · XNUMX€ Turismo · XNUMX€ In voga · XNUMX€ WTN

Come ricostruire il turismo coinvolgendo la politica? Missione impossibile?

Ricostruire il viaggio dopo il Covid-19 è la domanda posta dal consulente turistico tedesco Max Haberstroh.
Sente che le considerazioni per ottenere un forte punto d'appoggio dopo la pandemia sono la chiave per ricostruire.

Stampa Friendly, PDF e Email
  • Impatto socio-culturale, ambientale ed economico sui mercati di origine e di destinazione e sia sulle loro società che sui (potenziali) ospiti e visitatori;
  • Valutazione di viaggi e turismo, il grado della sua importanza per il nostro luogo e quanto sia forte il turismo intrecciato con i settori e le industrie correlati;
  • Riaggiustamento del quadro politico per promuovere Travel & Tourism come un'industria di servizi eccezionale e per beneficiare del turismo come un insieme di "strumenti" di comunicazione, al fine di migliorare il marchio ombrello e l'immagine del luogo/destinazione nella sua totalità - come luogo vivere, lavorare, investire e viaggiare.

Travel & Tourism è l'industria dedicata a realizzare i sogni, che guida i desideri delle persone sulla strada per viaggiare liberi, godersi il tempo libero e il piacere, lo sport e l'avventura, l'arte e la cultura, nuove intuizioni e punti di vista. Non sono queste proprietà chiave che rendono la vita umana ancora più degna? Travel & Tourism, quindi, non guadagna una voce di primo piano sui palcoscenici locali, regionali, nazionali e globali che difendono i diritti umani ed esortano i doveri umani? 

In un'epoca di manipolazione, plagio, notizie false, populismo e incitamento all'odio virtuale, il turismo fornisce il palcoscenico per la creatività, evoca il naturale e l'incontaminato, l'artistico e i punti salienti unici sia del patrimonio mondiale che della loro ispirazione "Disney". mondi "di seconda mano". Non c'è proprio bisogno di demonizzare l'artificiale: tuttavia, senza tralasciare l'artificiale, il Turismo punta all'“autentico” – e ne siamo consapevoli: l'autenticità, cioè la sensazione di non essere ingannati, si può realizzare anche nel “vero” ' mondo dell'artificio che si ispira al cuore — e 'arte', e quindi dedicato all'ideale classico del 'Vero, Bello e Buono'.

Pur frammentandosi in poche migliaia di 'pesci grossi' e milioni di piccole e medie imprese (PMI) private e istituzioni pubbliche, Travel & Tourism si vanta di essere la più grande industria del mondo – animata da ideali e impegnata a servire e a offrire esperienze di viaggio entusiasmanti. Inoltre, il turismo si considera addirittura la prima industria della pace. È noto a qualcuno al di fuori del settore? Travel & Tourism è all'altezza di questa nobile pretesa?

La visione di viaggiare per il mondo una volta incitò Thomas Cook a organizzare il primo pacchetto turistico. Secoli dopo, la visione di viaggiare liberamente attraverso i confini si è rivelata il vettore che ha scatenato le manifestazioni del lunedì della Germania dell'Est. Insieme ai leader mondiali amanti della libertà, la "missione impossibile" delle persone alla fine porta nientemeno che al rovesciamento dei regimi comunisti oppressivi e alla spettacolare caduta del muro! Che svolta! Unico nel suo genere è difficile da ripetere.

In cambio, però, sembrano emergere di nuovo vecchi schemi: infatti, siamo passati dalla Guerra Fredda alla Pace Fredda, sapendo bene che questo è poco più di un armistizio. È quello che volevamo?

Dopo la caduta del muro, layout di occasioni e occasioni come le promozioni di stagione, pronte per essere colte. L'Unione Sovietica si era dissolta, la Russia era in subbuglio, eppure il presidente Eltsin, un usurpatore, si mostrò abbastanza forte da impedire un colpo di stato. Dieci anni dopo il suo successore Putin, generalmente non considerato un "democratico impeccabile" (nonostante la valutazione un po' frettolosa dell'ex cancelliere tedesco Schröder), parlò al Bundestag tedesco e fu acclamato da tutti i partiti. Il Patto di Varsavia era stato sciolto, ma la NATO, ansiosa di liberare gli europei dell'Est dal loro incubo della "minaccia russa", prese tempo per il ciuffo e si espanse verso est. La Russia si è sentita messa fuori combattimento e la sua crescente consapevolezza di essere davvero parte dell'Europa è stata colpevolmente ignorata. L'alleanza occidentale si è mostrata militarmente decisa ma politicamente miope. Oggi, invece di dare corpo allo spirito originario di un partenariato europeo-russo, è meglio stare attenti all'espansionismo russo.

Che occasione persa all'inizio degli anni '1990 di "osare il nuovo mondo": aprire la Russia all'Europa e all'Occidente e buttare fuori tutti quei marci strumenti della Guerra Fredda dalla loro struttura politica tossica d'epoca. "La NATO è obsoleta" - importa, dal momento che è stato solo Trump a dirlo? —

Quale occasione persa dai leader visionari a livello statale, governativo e di alto livello per mostrare lungimiranza ed entusiasmo e parlare? Che opportunità fallita per Travel & Tourism, la principale industria di pace al mondo, di lasciare la torre d'avorio professionale dei propri stakeholder e farne un faro di radiazione universale: lanciare rigorosi appelli alla cooperazione, mediare vertici transnazionali intersettoriali di decisori chiave, organizzare eventi socio-culturali, contribuire a rafforzare la fiducia e la fiducia reciproche e inviare forti messaggi di Pace attraverso il Turismo ai popoli in subbuglio?

Ahimè, un'occasione politica di questo tipo è trascorsa e le idee per dare una svolta al meglio sono state negate o lasciate inascoltate.

“In principio era la parola”: ci sono sforzi oggigiorno – a volte dubbiosi come sono, è vero – per rinominare parole familiari: Quindi, il semplice 'ospite' è stato almeno linguisticamente aggiornato a un 'gestore di risonanza'. Se l'attenzione si concentra sulla "risonanza", le organizzazioni di viaggi e turismo dovrebbero interiorizzare questa nozione, aumentando davvero la loro risonanza e visibilità al livello di più "catalizzatori sociali", piuttosto che mantenere la loro altezza come loquaci preoccupazioni, essendosi disposti a convivere con burocrazia quotidiana e i vincoli della loro industria frammentata.

Questa è più di un'altra prova che il mantra di alcuni dirigenti dell'ospitalità è contraddittorio con se stesso: "tenere la politica fuori dal turismo". Ebbene, può essere comprensibile in considerazione del coinvolgimento del turismo nelle politiche quotidiane: il turismo, per agire più liberamente, dovrebbe essere esentato dai corsetti della pubblica amministrazione e dotato invece di una forma separata di diritto privato. Tuttavia, c'è una forte contraddizione se si raccomanda al Turismo di essere un attore 'al di fuori della politica'.

In realtà, UNWTO, WTTC e altre organizzazioni leader nel settore dei viaggi e del turismo sono difficilmente percepite dal pubblico in generale come "fiaccole" del Vero, del Bello e del Buono, che si dedicano a mostrarsi e ad agire oltre i limiti del Turismo stesso e la sua periferia congeniale.

Dovrebbero iniziare a farlo meglio, in considerazione degli attuali sviluppi durante e dopo la pandemia di Covid-19 e in vista dei disastri ambientali e degli sconvolgimenti sociali. È obbligatorio che il settore Travel & Tourism attivamente e in azioni concertate con i team-player nazionali e internazionali sostenga l'Agenda 2030 delle Nazioni Unite per lo sviluppo sostenibile. Tuttavia, considerando tutte le buone volontà e le capacità tecniche messe insieme, difficilmente possiamo già raggiungere l'obiettivo di temperatura massima di 1,5 gradi fissato entro il 2040, come prevedono, ad esempio, i partiti politici in Germania, al fine di combattere l'effetto serra globale. Pertanto, oltre a rafforzare i nostri sforzi per contenere il cambiamento climatico, dovremmo fornire la nostra parte per investire molto lavoro di cervello e denaro nell'elaborazione di un modo su come convivere con il cambiamento climatico. Trovare soluzioni sarà fondamentale per preservare la libertà, il benessere sociale e la pace. La missione è impossibile? - Mai dire mai!

Travel & Tourism, in quanto presunta industria numero uno della pace, non può sottrarsi all'impegno e alla responsabilità politica: si trova proprio al centro di tutto e dovrebbe cercare di guidare l'aspetto generale della rispettiva destinazione, le sue azioni e le soluzioni creative , in collaborazione con istituzioni, organizzazioni e aziende che la pensano allo stesso modo, come scuole e università, organizzazioni civili e di beneficenza, i settori dei trasporti/mobilità e delle energie rinnovabili, rimozione dei rifiuti, gestione delle acque e delle acque reflue, sicurezza e protezione, edilizia civile ... Il turismo dovrebbe aumentare il suo peso politico per fornire alle campagne intersettoriali sociali e ambientali il più alto impatto e valutazione simbolica possibile.

La recente Giornata mondiale della pulizia, molto apprezzata in Occidente e, come "subbotnik" (in realtà "pulizia del sabato"), familiare in Russia e nell'Europa orientale, sarebbe stata un perfetto esempio per cominciare, come un deciso "preludio" alla annuale Giornata Mondiale del Turismo 27 settembre.

Solo un pio desiderio?

Autore Max Haberstroh, Consulente Turistico in Germania, Membro del World Tourism Network

A Truth conveniente è un articolo pubblicato da Max Haberstroh.

Stampa Friendly, PDF e Email

Circa l'autore

Juergen T Steinmetz

Juergen Thomas Steinmetz ha lavorato ininterrottamente nel settore dei viaggi e del turismo sin da quando era un adolescente in Germania (1977).
Lui ha fondato eTurboNews nel 1999 come prima newsletter online per l'industria mondiale del turismo di viaggio.

Lascia un tuo commento