Ultime notizie internazionali · XNUMX€ Ultime notizie di viaggio · XNUMX€ caraibico · XNUMX€ Repubblica Dominicana Ultime notizie · XNUMX€ Industria dell'ospitalità · XNUMX€ Cosa ce di nuovo · XNUMX€ Ricostruzione · XNUMX€ Turismo · XNUMX€ Aggiornamento sulla destinazione del viaggio · XNUMX€ In voga

Recupero del turismo dominicano Falso? Il paradosso di Simpson guarda alla verità

Repubblica Dominicana
Scritto da Galileo Violini

L'impatto della pandemia sul turismo mondiale e di conseguenza sull'economia mondiale è stato tremendo. Il contributo del turismo al Prodotto mondiale lordo globale nel 2020 – 4.7 trilioni di dollari – è stato circa la metà di quello del 2019. In un recente documento, il direttore generale responsabile della Conferenza delle Nazioni Unite sul commercio e lo sviluppo (UNCTAD) stima che nella maggior parte dei casi scenario ottimistico, a fine anno saremo del 60% sotto il 2019.

Stampa Friendly, PDF e Email
  1. Poiché il turismo è una componente importante dell'economia globale, la ripresa in tutti i paesi è cruciale.
  2. Recentemente il Ministero del Turismo dominicano ha presentato dati che indicano che il settore sta avendo una notevole ripresa.
  3. Sebbene i dati siano corretti, l'interpretazione può lasciare in dubbio l'indicazione di tale recupero.

La ripresa è un obiettivo di tutti i paesi, poiché il turismo è una componente cruciale dell'economia globale, ma in particolare di quelli che hanno il turismo come una componente importante dell'economia.

Nelle ultime settimane, Ministero del Turismo dominicano ha presentato dati che dimostrerebbero una schietta e notevole ripresa del turismo incoming dominicano. I dati sono corretti, ma la loro interpretazione richiede un'analisi che metta in evidenza luci e ombre di questa ripresa, basata su dati globali che aggregano dati parziali di caratteristiche diverse.

Da cinquant'anni si studia un effetto che in effetti era stato notato più di un secolo fa, il paradosso dei Simpson. Si possono raggiungere conclusioni fallaci quando le statistiche amalgamano dati non omogenei. Senza entrare nei dettagli di questa teoria matematica, osserviamo che essa permette di comprendere alcuni limiti dell'interpretazione dei dati da parte del Ministero del Turismo dominicano, dati la cui veridicità, ribadiamo a scanso di equivoci, non è messa in discussione.

L'importanza di comprendere questi limiti non ha bisogno di giustificazione in un Paese dove, nel 2019, a titolo di entrate in valuta estera, il turismo ha contribuito al PIL per l'8.4%, rappresentando il 36.4% delle esportazioni di beni e servizi. Inoltre, il turismo, nonostante una flessione del 13% rispetto al 2018, ha contribuito nel 2019 a quasi il 30% degli Investimenti Diretti Esteri.

Per questi motivi, un'attenta verifica dell'affermazione che nella Repubblica Dominicana, il settore turistico si sta lasciando alle spalle la crisi causata dalla pandemia di COVID-19 è fondamentale per le politiche pubbliche del Paese, oltre che per guidare le scelte microeconomiche degli operatori del settore.

Ricordiamo i principali dati citati dal Ministero:

– Gli arrivi via aerea di non residenti, ad agosto di quest'anno, rappresentano il 96% di quelli del 2019, trend più che confermato da quanto avvenuto nella prima metà di settembre.

– Questa tendenza è confermata dall'analisi mensile del recupero di questo indicatore dopo la ripresa. rispetto al 2019, è in crescita, dal 34% di gennaio-febbraio, a circa il 50% di marzo-aprile, a quasi l'80% di maggio-giugno e al 95% di luglio-agosto.

– Gli arrivi di residenti non dominicani sono in costante crescita da dieci mesi.

– La percentuale di turisti che soggiornano negli hotel è del 73%.

Sono tutti dati veri e documentati. Tuttavia, Simpson ci ricorda che si riferiscono a campioni che aggregano gruppi e periodi diversi.

L'analisi complessiva del periodo sarebbe corretta se ci fosse stata stabilità negli arrivi a livello mensile nel periodo scelto per il confronto. Non è stato così, e i mesi del 2019 non sono equivalenti per un simile confronto con il 2021. Quell'anno, i tour operator hanno toccato con mano gli effetti della morte di alcuni turisti tra maggio e giugno, che ha invertito la crescita del turismo nordamericano registrata nella prima metà dell'anno (quasi il 10%) in un calo del 3% nei primi dieci mesi (4% se si considerano gli arrivi stranieri totali).

Ciò richiede di distinguere quanto di quel 96% ad agosto o oltre il 110% nella prima quindicina di questo mese è dovuto al recupero del numeratore (arrivi del 2021) e quanto al calo del denominatore (arrivi del 2019).

Questo effetto pesa soprattutto se gli arrivi sono scomposti in base a un altro elemento di disomogeneità, distinguendo quelli dei dominicani non residenti da quelli degli stranieri.

Lo facciamo nella tabella seguente dove presentiamo questo dati, per i mesi gennaio-agosto, a partire dal 2013.

Anno201320142015201620172018201920202021
 D414598433922498684546051538350616429707570345888811156
 F289187031750333394208361914738617744027620395646612936502081389

Questi dati, senza rimettere in discussione il confronto del Ministero per il mese di agosto, lo ridimensionano, visto che negli otto mesi gli arrivi totali sono il 60% di quelli del 2019 e bisogna risalire al 2013 per trovare un dato più basso . Quest'ultimo confronto si riferisce al dato complessivo, ma se dovessimo fissare l'attenzione solo su quello degli stranieri, questo darebbe il 53%, rispetto al 2019, e il 72%, rispetto al 2013.

La considerazione dei non residenti stranieri è importante perché i cittadini dominicani non residenti probabilmente fanno un uso minore di servizi aggiuntivi come hotel, ristoranti, trasporti. Questa osservazione poco lusinghiera è avvalorata dall'occupazione alberghiera che, pur essendo stranieri l'86% degli ammessi, è inferiore a tale importo, mentre storicamente le due percentuali erano dello stesso ordine.

C'è un altro dato non omogeneo relativo al turismo in entrata che dovrebbe destare preoccupazione. Tali dati, presentati nella tabella seguente, si riferiscono alla ripartizione degli arrivi per regione di provenienza dei non residenti.

AnnoAmerica del NordEuropaSud AmericaAmerica Centrale
201860.8%22.4%12.6%3.9%
201961.9%21.6%12%4.1%
202061.2%24.7%10.7%3%
202170.6%14.6%9.5%5%

I dati più rilevanti per le nostre riflessioni sono la crescita del turismo nordamericano accompagnata dal calo di quello europeo. Se si considera questo dato insieme a quello relativo alla nazionalità, di cui abbiamo commentato l'effetto indiretto, sembra che l'impatto negativo della diminuzione del turismo europeo difficilmente possa essere compensato dall'aumento del turismo nordamericano.

Questa previsione è supportata anche dai dati europei sulla ripresa del traffico aereo europeo. Il confronto tra questa estate e gli anni precedenti mostra che solo il 40% del traffico del 2019 è stato recuperato, con un miglioramento rispetto al 2020, quando il recupero era stato del 27%. E va aggiunto che anche il traffico aereo non è un indicatore omogeneo, poiché in Europa si è registrato un minimo recupero del traffico che dovrebbe interessare maggiormente la Repubblica Dominicana, quello dei voli intercontinentali. Infatti, quelli che si sono maggiormente ripresi sono stati i voli low cost intraeuropei. Oggi rappresentano il 71.4% del totale, mentre due anni fa rappresentavano solo il 57.1%, e non va trascurato che le destinazioni che maggiormente contribuiscono a questo risultato, in qualche modo, rappresentano alternative all'offerta turistica caraibica.

A questo va aggiunto che le misure del Green Pass europeo non favoriscono il turismo in Europa neanche perché il vaccino più utilizzato nella Repubblica Dominicana, Sinovac, non permette di ricevere il Green Pass. Questo può essere discutibile, ma sicuramente colpisce il settore delle agenzie di viaggio, quindi il quadro che ne risulta è che c'è ancora molta strada da fare prima che il turismo dominicano torni davvero ai suoi livelli pre-pandemia.

Contare su una ripresa della situazione pre-pandemia per effetto del controllo della pandemia è forse ottimista, e comunque non sembra probabile nel breve termine.

Ciò significa che, senza dare troppa importanza al miglioramento di pochi decimali in queste percentuali, è necessario pensare a politiche di riattivazione guardando al medio termine del 2023.

Un recente rapporto del World Travel and Tourism Council sostiene azioni proattive da parte dei governi, come investire e attrarre investimenti del settore privato in infrastrutture fisiche e digitali e promuovere particolari segmenti di viaggio, come il turismo medico o il turismo MICE. Ciò implica una politica globale, non settoriale, che coinvolga anche altri settori della società.

Analoghe considerazioni sono state fatte due mesi fa dal direttore generale incaricato dell'UNCTAD, insistendo sulla necessità di ripensare il modello di sviluppo turistico, promuovere il turismo nazionale e rurale, e digitalizzare.

Le infrastrutture esistenti nel Paese consentono queste azioni, e ciò richiede una forte politica di promozione, coordinata con il settore privato, senza accontentarsi del fatto che sia in atto una certa ripresa. Il fatto che alla fine di quest'anno ci siano stati 4.5 milioni o 5 milioni di arrivi, ancora poco rispetto agli anni precedenti, non farà una grande differenza, a meno che non si creino le condizioni per una forte riattivazione del settore, che permetta al Paese di mantenere la sua posizione di leader nel turismo caraibico.

#rebuildingtravel

Stampa Friendly, PDF e Email

Circa l'autore

Galileo Violini

Lascia un tuo commento