eTV 24 ore su 7, XNUMX giorni su XNUMX UltimeNotizieMostra : Fare clic sul pulsante del volume (in basso a sinistra dello schermo del video)
Compagnie Aeree · XNUMX€ Aeroporto · XNUMX€ Aviation · XNUMX€ Ultime notizie europee · XNUMX€ Ultime notizie internazionali · XNUMX€ Ultime notizie di viaggio · XNUMX€ Viaggio di lavoro · XNUMX€ Notizie governative · XNUMX€ Industria dell'ospitalità · XNUMX€ Hotel e resort · XNUMX€ News · XNUMX€ Persone · XNUMX€ Ricostruzione · XNUMX€ Responsabile · XNUMX€ Sicurezza · XNUMX€ Turismo · XNUMX€ Trasporti in Damanhur · XNUMX€ Notizie di Travel Wire · XNUMX€ In voga · XNUMX€ Ultime notizie nel Regno Unito

La licenza per COVID-19 termina nel momento peggiore per il turismo nel Regno Unito

La fine del congedo per COVID-19 arriva nel momento peggiore per il turismo nel Regno Unito
La fine del congedo per COVID-19 arriva nel momento peggiore per il turismo nel Regno Unito
Scritto da Harry Johnson

Gli analisti del settore prevedono che i viaggi interni nel Regno Unito torneranno ai livelli del 2019 nel 2022, quando raggiungeranno i 123.9 milioni di viaggi. Tuttavia, i viaggi internazionali in uscita richiederanno più tempo e non torneranno ai livelli pre-COVID fino al 2024, quando raggiungeranno 84.7 milioni di viaggi.

Stampa Friendly, PDF e Email
  • La fine del congedo non sarebbe potuta arrivare in un periodo dell'anno peggiore per l'industria dei viaggi del Regno Unito.
  • Sebbene la ripresa interna del Regno Unito sia sulla buona strada per un rimbalzo del 2022, l'industria deve prima affrontare il periodo invernale normalmente difficile.
  • Trovare un equilibrio causerà grattacapi a molte agenzie di viaggio, specialmente a quelle che dipendono fortemente dai viaggi internazionali.

Con il programma di licenza del Regno Unito che scadrà questo mese, le compagnie di viaggio saranno costrette a tagliare i costi per sopravvivere all'inverno. Gli esperti del settore dei viaggi e del turismo avvertono che tali misure potrebbero includere licenziamenti.

La fine del congedo non poteva davvero arrivare a un periodo peggiore dell'anno per l'industria dei viaggi nel Regno Unito. La dura stagione invernale è alle porte e le misure di riduzione dei costi saranno essenziali per la sopravvivenza. Sfortunatamente, questo significa che sono probabili licenziamenti, poiché questo è uno dei modi più semplici per risparmiare denaro.

Previsioni degli analisti del settore viaggi nazionali nel Regno Unito per risalire ai livelli del 2019 nel corso del 2022, quando raggiungerà i 123.9 milioni di viaggi. Però, internazionale i viaggi in uscita richiederanno più tempo e non torneranno ai livelli pre-COVID fino al 2024, quando raggiungeranno 84.7 milioni di viaggi.

Sebbene la ripresa interna sia sulla buona strada per un rimbalzo del 2022, l'industria deve prima affrontare il periodo invernale normalmente difficile. Senza una domanda sufficiente, i ricavi continueranno a essere ridotti e le aziende faranno fatica. Occorre trovare un buon equilibrio tra esuberi e agilità futura.

Gli esperti del settore sottolineano anche i pericoli di ridurre il numero dei dipendenti alle compagnie di viaggio del Regno Unito. Se le aziende iniziano a licenziare i dipendenti, sono meno in grado di rispondere a improvvisi aumenti della domanda. Trovare un equilibrio causerà grattacapi a molte agenzie di viaggio, specialmente a quelle che dipendono fortemente dai viaggi internazionali. La natura in rapida evoluzione delle restrizioni di viaggio potrebbe vedere un improvviso picco della domanda per determinate destinazioni con breve preavviso. Se un'azienda è a corto di personale, potrebbe perdere le entrate tanto necessarie. Al contrario, trattenere un numero eccessivo di dipendenti potrebbe comportare una spirale dei costi fuori controllo.

L'estensione del programma di licenza per l'industria dei viaggi potrebbe far guadagnare tempo al settore fino a quando la domanda non inizierà a rafforzarsi. Tuttavia, la prospettiva è sottile.

Stampa Friendly, PDF e Email

Circa l'autore

Harry Johnson

Harry Johnson è stato il redattore degli incarichi per eTurboNews per quasi 20 anni. Vive a Honolulu, nelle Hawaii, ed è originario dell'Europa. Gli piace scrivere e coprire le notizie.

Lascia un tuo commento