eTV 24 ore su 7, XNUMX giorni su XNUMX UltimeNotizieMostra : Fare clic sul pulsante del volume (in basso a sinistra dello schermo del video)
Ultime notizie internazionali · XNUMX€ Ultime notizie di viaggio · XNUMX€ Viaggio di lavoro · XNUMX€ caraibico · XNUMX€ Notizie governative · XNUMX€ Industria dell'ospitalità · XNUMX€ Giamaica Ultime notizie · XNUMX€ Notizie dal settore delle riunioni · XNUMX€ Incontri · XNUMX€ News · XNUMX€ Ultime notizie dal Portogallo · XNUMX€ Responsabile · XNUMX€ Notizie di sostenibilità · XNUMX€ Turismo · XNUMX€ Turismo Talk

Ministro del turismo della Giamaica: è necessaria una risposta proattiva al turismo globale ora

Il ministro del turismo della Giamaica, l'on. Edmund Bartlett, forum dell'Università di Evora in Portogallo
Scritto da Linda S. Hohnholz

Il ministro del turismo della Giamaica, l'on. Edmund Bartlett, afferma che la pandemia di COVID-19 ha sottolineato l'importanza per i responsabili delle politiche turistiche globali e i leader del settore di attivare un approccio più proattivo e deciso, per migliorare la resilienza del settore.

Stampa Friendly, PDF e Email
  1. L'attesissimo "A World for Travel - Évora Forum", un evento globale del settore dei viaggi sostenibili, è iniziato oggi a Évora, in Portogallo.
  2. Una tavola rotonda si è incentrata sul tema "COVID-19: un settore resiliente guida verso un New Deal con nuove esigenze di leadership".
  3. Il ministro Bartlett ha evidenziato che la pandemia ha sottolineato l'importanza di istituire una task force o un comitato d'azione da attivare immediatamente all'inizio di una crisi.

“Nel complesso, la pandemia ha ricordato ai responsabili delle politiche del turismo e ai leader del settore che sono ugualmente gestori delle crisi. Ciò richiede un atteggiamento che comprenda e accetti l'imminenza di varie minacce per il settore e la conseguente necessità di attivare un approccio proattivo per migliorare la sua disponibilità ad affrontare le sfide del presente e del futuro", ha affermato Bartlett.

Ha suggerito che questa leadership decisiva dovrebbe essere sottolineata da partnership e sinergie significative; politiche basate sui dati; pensiero innovativo e adattamento e sviluppo delle capacità umane. Altre considerazioni possono includere approcci aggressivi alla diversificazione del prodotto; la creazione di sistemi informativi efficaci e in tempo reale; e un impegno per lo sviluppo del turismo sostenibile che bilancia i molteplici interessi e le considerazioni future, siano esse economiche, sociali, umane, culturali e, di fatto, ambientali.

Il Ministro ha fatto queste osservazioni durante una tavola rotonda all'attesissimo "Un mondo per i viaggi - Évora Forum" un evento globale del settore dei viaggi sostenibili, iniziato oggi a Évora, in Portogallo. 

La tavola rotonda si è concentrata sul tema "COVID-19: un settore resiliente guida verso un nuovo accordo con nuove esigenze di leadership" ed è stata moderata da Peter Greenberg, redattore di viaggi di CBS News. La sessione ha esplorato il modo in cui i governi e l'industria rafforzano la leadership in modo congruo, consentendo al settore di influenzare la politica. 

Al Ministro si sono uniti Sua Eccellenza Jean-Baptiste Lemoyne, Segretario di Stato per il Turismo, Francia; Sua Eccellenza Fernando Valdès Verelst, Segretario di Stato per il Turismo, Spagna; e Sua Eccellenza Ghada Shalaby, Vice Ministro del Turismo e delle Antichità, Repubblica Araba d'Egitto.

Durante la sua presentazione il ministro Bartlett ha anche sottolineato che la pandemia ha sottolineato l'importanza per il settore del turismo di istituire una task force o un comitato d'azione che possa essere immediatamente attivato all'inizio di una crisi.

“Questo asset critico offre importanti vantaggi nelle esperienze di gestione delle crisi per quanto riguarda la garanzia di risposte rapide, comunicazione mirata, equilibrio delle informazioni tra avvertimento e garanzia e cooperazione e collaborazioni intersettoriali generali, che consente di sfruttare diversi punti di forza, competenze e risorse per raggiungere obiettivi comuni. Come risultato di relazioni rafforzate tra le parti interessate, è probabile che anche la capacità di identificare tempestivamente i rischi e implementare strategie di mitigazione e ripristino efficaci”, ha affermato Bartlett. 

Gli organizzatori hanno notato che la prima edizione di "A World for Travel - Évora Forum" si concentrerà su componenti chiave del settore in cui il cambiamento è obbligatorio, identificando i passi da compiere e consolidando le soluzioni da implementare. 

La conferenza affronterà temi intrinseci alla sostenibilità come le variazioni del modello economico, l'impatto climatico, l'impatto ambientale del turismo, i cambiamenti costieri e marini, nonché le politiche agricole e carbon neutral.

I futuri viaggiatori fanno parte della Generazione-C?
Il ministro del turismo della Giamaica Bartlett

On. I commenti integrali di Edmund Bartlett:

"L'enorme impatto macroeconomico dell'industria del turismo nei Caraibi giustifica la sua designazione come una delle industrie della regione che ora è considerata "troppo grande per fallire". Il WTTC ha stimato che l'"economia del turismo" è circa 2.5 volte più grande del settore turistico nei Caraibi. Nel complesso, i contributi indiretti e indotti del turismo alla produzione economica nei Caraibi sono stimati tre volte la media mondiale e notevolmente superiori a quelli delle altre regioni. Questi dati riconoscono che il turismo produce un effetto moltiplicatore attraverso i suoi numerosi collegamenti a ritroso con settori tra cui agricoltura, cibo, bevande, edilizia, trasporti, industria creativa e altri servizi. Il turismo contribuisce al 14.1% del PIL totale (equivalente a 58.4 miliardi di dollari) e al 15.4% dell'occupazione totale. In Giamaica il contributo totale del settore pre-COVID 19 è stato misurato in 653 miliardi di JMD o 28.2% del PIL totale e 365,000 posti di lavoro o 29% dell'occupazione totale.

“Per le economie non diversificate e dipendenti dal turismo dei Caraibi, la rapida ripresa dall'attuale crisi del turismo indotta dalla pandemia è davvero pertinente alla stabilità macroeconomica regionale. Pertanto, in questo periodo di prolungata recessione e incertezza, è emersa una chiara necessità di una maggiore condivisione dei rischi e delle responsabilità associati alla gestione della pandemia, nonché il compito di identificare e monitorare strategie di mitigazione, resilienza e recupero, tra tutte portatori di interessi inclusi responsabili delle politiche, leader del settore, albergatori, crocieristi, comunità, piccole imprese, operatori del turismo, autorità sanitarie, forze dell'ordine, ecc. Infatti, di tutti i fattori di successo che sono stati cruciali per garantire la sopravvivenza e la resilienza del settore turistico durante questo periodo buio, la leadership e il capitale sociale si sono classificati molto in alto.

Il ministro del turismo della Giamaica, l'on. Edmund Bartlett, (a destra) ascolta attentamente i punti sollevati da Sua Eccellenza Ghada Shalaby, Vice Ministro del Turismo e delle Antichità, Repubblica Araba d'Egitto (sullo schermo) durante una tavola rotonda all'attesissimo "A World for Travel - Évora Forum", un evento globale del settore dei viaggi sostenibili, iniziato oggi a Évora, in Portogallo. Condividono il momento (da sinistra) Sua Eccellenza Fernando Valdès Verest, Segretario di Stato per il Turismo, Spagna e Sua Eccellenza Jean-Baptiste Lemoyne, Segretario di Stato per il Turismo, Francia.

“Nel contesto della Giamaica, grazie a una combinazione di azione rapida, leadership proattiva, comunicazione efficace e pensiero innovativo, siamo stati in grado di adattare e implementare rapidamente nuovi protocolli di salute e sicurezza che hanno guidato la gestione del settore della pandemia in conformità con le norme accettate a livello globale. standard. Coinvolgiamo inoltre attivamente tutte le nostre parti interessate: agenzie di viaggio, compagnie di crociera, albergatori, agenzie di prenotazione, agenzie di marketing, compagnie aeree ecc. OMC, CTO CHTA ecc. Questo è stato fondamentale per garantire che continuassimo a guadagnare la fiducia della comunità internazionale che il paese stava prendendo tutte le misure necessarie per rimanere una destinazione sicura per tutti i visitatori.

“Abbiamo anche adottato un approccio dell'intera società all'attuazione e al monitoraggio dei protocolli necessari per una gestione efficace della pandemia. Ad esempio, è stato progettato e implementato il nostro piano in cinque punti per la ripresa del settore turistico che include lo sviluppo di solidi protocolli di salute e sicurezza, una maggiore formazione per tutti i segmenti del settore turistico, la costruzione di infrastrutture di sicurezza e protezione e l'acquisizione di DPI e strumenti igienici basato su un partenariato del settore pubblico-privato composto da soggetti chiave del settore turistico, dal Ministero del turismo e dalle agenzie del Ministero.

“Nel complesso, la pandemia ha ricordato ai responsabili delle politiche del turismo e ai leader del settore che sono ugualmente gestori delle crisi. Ciò richiede un atteggiamento che comprenda e accetti l'imminenza di varie minacce per il settore e la conseguente necessità di attivare un approccio proattivo per migliorare la sua disponibilità ad affrontare le sfide del presente e del futuro. Pertanto, l'intera nozione di gestione delle crisi ha e continuerà a richiedere una leadership proattiva e decisa, sottolineata da partnership e sinergie significative, politiche basate sui dati, pensiero innovativo e adattamento, sviluppo delle capacità umane, approccio aggressivo".

Stampa Friendly, PDF e Email

Circa l'autore

Linda S. Hohnholz

Linda Hohnholz è stata caporedattrice di eTurboNews per molti anni.
Ama scrivere e presta attenzione ai dettagli.
È anche responsabile di tutti i contenuti premium e dei comunicati stampa.

Lascia un tuo commento