eTV 24 ore su 7, XNUMX giorni su XNUMX UltimeNotizieMostra : Fare clic sul pulsante del volume (in basso a sinistra dello schermo del video)
Ultime notizie internazionali · XNUMX€ Ultime notizie di viaggio · XNUMX€ Culinario · XNUMX€ Cultura · XNUMX€ Francia Ultime notizie · XNUMX€ Health News · XNUMX€ News · XNUMX€ Turismo · XNUMX€ In voga · XNUMX€ Vini e liquori

18 incredibili nuovi benefici per la salute quando si gusta il vino francese

Vini francesi

Bere un bicchiere di vino francese al giorno può aiutare con Alzheimer, cancro, perdita di memoria, densità ossea, occhi sani, colesterolo alto, malattie del fegato, ictus, depressione, carie, raffreddore. Ecco perché:

Stampa Friendly, PDF e Email
  1. Un controllo nel frigorifero e nella cantinetta del vino e GRRRR. Le bottiglie sono GRANDI!
  2. Voglio un bicchiere di vino (forse un po' di più) – ma sicuramente non una bottiglia. Cosa fare?
  3. Mescolare un gin tonic o uno scotch con ghiaccio, o accontentarsi di una Diet Coke (mai un'alternativa praticabile)?

Per quasi due anni sono stato rinchiuso in uno spazio che sembra rimpicciolirsi, minuto dopo minuto. L'orologio del mio computer sembra funzionare molto lentamente e impiega un'eternità per raggiungere l'ora ufficiale per STOP. Finalmente sono le 5:XNUMX, un momento opportuno per chiudere e stappare una bottiglia di vino francese.


Immagini di vini francesi

Ci sono molti livelli di piacere associati al pensiero del vino francese: i bellissimi vecchi castelli, i rigogliosi vigneti verdi; le viti appese a grappoli pieni di potenziale; aria fresca dolce e pungente risplendente di fertilizzazione organica; il ronzio delle api che raccolgono il nettare per sfamare le loro lavoratrici.

E poi c'è il vino stesso. Vini francesi sono raramente sottili: o ami ciò che colpisce il tuo naso, ti copre la lingua, indugia brevemente in bocca e lascia un ricordo che visita fugacemente e poi scompare dolcemente... concedendo un momento perfetto per sollevare il bicchiere in attesa del prossimo sorso... o non lo fai.

Le sfide

Per secoli, i vini di Francia sono stati una bevanda ambita, apprezzata e assaporata in tutto il mondo. La nozione francese di "terroir" include tutto, dalla temperatura dell'area all'acidità del suolo, tutto ciò che incide e influenza in modo significativo la qualità, il gusto, l'odore e il sapore delle uve utilizzate per produrre il vino.

Nel corso della storia, i fattori ambientali hanno influenzato i vini, dal riscaldamento globale all'industrializzazione e ai movimenti di popolazione, a una miriade di altri eventi che sono fortuiti e non possono essere controllati. Attualmente, le sfide che i produttori di vino francesi devono affrontare includono tariffe, ritardi nelle spedizioni, carenza di container, arrivi in ​​ritardo, fluttuazioni valutarie e "l'elefante nella stanza", COVID-19. Con tutti i problemi che affliggono l'azienda vinicola francese, un settore che impiega circa 558,000 lavoratori (2017), le persone temono che molti piccoli vigneti familiari non saranno in grado di resistere all'attuale assalto delle sfide e chiudere o vendere a produttori di vino più grandi.

La realtà di uno shock per il mercato vinicolo francese è stata una sorpresa poiché il mercato dei vini pregiati è stato dominato dalla Francia, con Bordeaux e Borgogna che rappresentano rispettivamente quasi il 50 percento e il 20 percento dell'attività commerciale nel 2019 (Live-ex. com). Fortunatamente, ci sono buone notizie: nella prima metà del 2021, la Francia ha esportato 7.3 milioni di ettolitri di vino per un valore di 5.1 miliardi di euro, con un aumento del 15% in volume e del 40% in valore rispetto ai primi sei mesi del 2020, durante il lockdown . Le esportazioni di vino francesi stanno superando quelle durante la prima ondata di COVID e stanno tornando a tassi di crescita superiori alle prestazioni pre-COVID.

Il mercato americano torna ad acquistare vino francese dopo la sospensione delle tasse Trump/Airbus sui vini fermi, per non parlare delle spedizioni record di spumanti, champagne compresi. Nell'aprile 2021 la Francia ha esportato 221,000 ettolitri di vino per un valore di 208 euro, il che equivale a un incredibile aumento del 90% in volume e del 131 per cento in valore rispetto ad aprile 2020 (vitisphere.com).

Benefici del bere vino

È meravigliosamente rassicurante sapere che sorseggiare un bicchiere di vino francese fa bene alla mia salute poiché l'uva è la fonte dei molti benefici. Il vino fornisce manganese, potassio, ferro, fosforo e vitamina B6. Contiene anche magnesio, un minerale che può aiutare ad abbassare la pressione sanguigna e i livelli di zucchero nel sangue, riducendo il rischio di malattie cardiache, diabete e ictus. Gli antiossidanti nel vino combattono i danni cellulari del nostro corpo causati dall'invecchiamento e da fattori ambientali come l'inquinamento e lo stile di vita. Prevenendo e invertendo questo danno cellulare, una dieta ricca di antiossidanti può ridurre i rischi di sviluppare malattie croniche, compreso il cancro.

Francese i vini sono una delizia meravigliosa per le persone a dieta poiché ci sono solo 121 calorie in 150 millilitri di vino bianco e sorsi moderati possono favorire la salute dei reni e proteggere dal morbo di Alzheimer. Il vino rosso (con 127 calorie) ha un contenuto di vitamine e minerali più elevato e contiene quasi 10 volte il numero di polifenoli (composti vegetali che hanno proprietà antiossidanti) del vino bianco.

Size Matters

Quindi, ci sono le notizie e le buone notizie. I vini francesi sono disponibili negli Stati Uniti e non solo hanno un buon sapore, ma fanno anche bene alla mia salute.

Tuttavia, ho ancora il dilemma della dimensione della bottiglia. Una bottiglia contenente 25 once fluide è ora ampiamente accettata come standard per il vino. Recentemente, bottiglie più piccole sono diventate ampiamente disponibili. L'impatto delle bottiglie più piccole sul consumo non è noto, sebbene la bottiglia più piccola abbia il potenziale per ridurre il consumo aumentando lo sforzo richiesto per aprire e consumare più di una bottiglia. Bottiglie più piccole possono anche aumentare il consumo riducendo le barriere e quindi aumentare la frequenza degli episodi di bevute. La quantità di vino contenuta in bottiglie più piccole può essere percepita come troppo piccola. Gli studi suggeriscono che l'esposizione visiva a porzioni più grandi può regolare la percezione di ciò che costituisce una porzione di dimensioni "normali". Se le bottiglie più piccole vengono percepite come troppo piccole, ciò potrebbe inavvertitamente portare a un consumo eccessivo di vino, poiché ulteriori bottiglie vengono aperte e consumate durante un evento di consumo.

Ho trovato la risposta

La buona notizia è che i vini LGV sono disponibili in sottili cilindri di plastica da 6.3 once (8 pollici di altezza, un diametro di poco più di 1 pollice con tappo a vite), offrendo solo un po' più di una quantità media versata in un bicchiere da vino per il sorso perfetto mentre mi siedo da solo davanti allo schermo del mio computer, cercando di rimanere sveglio durante una riunione Zoom.

Anche se questo formato monodose è per me un incentivo a tenere una scorta di vini rossi e vini LGV nella mia cantinetta e refrigerati in frigorifero, voglio bere vini che siano altrettanto buoni o migliori di qualsiasi altro disponibile in una dimensione più grande.    

Altre buone notizie. LGV ha collaborato con molte aziende vinicole guidate o co-dirette da donne, tra cui Elisabeth Prataviera (Domaine de Menard & Haut-Marin), Ines Andrieu (Domaine de Caylus) e Martine Nadal (Domaine Nadal Hainaut) - tutte associate a vigneti biologici che praticano la sostenibilità agricoltura.

Con bottiglie di plastica di dimensioni più piccole, i vini sono di dimensioni perfette, incoraggiando la sperimentazione e l'esplorazione di vini rossi, bianchi e rosati da produttori di vino boutique.

1.            Ines Andrieu. Domaine Caylus Rose Blend 2020. Una miscela di uve coltivate biologicamente con Syrah (60 percento) e Grenache (40 percento).

Dalla parte meridionale della Francia (Pays d'Heralult - una sezione della più ampia regione Languedoc-Roussillon), questo è amore al primo vino rosa corallo chiaro (posso immaginare un abito estivo di questo pallido e fragile rosa corallo). L'aroma rende felice il mio naso in quanto offre sentori di fragola e agrumi. Il palato è soddisfatto con sentori di mele, ananas e una traccia di spezie. Perfetto per sorseggiare in piscina mentre il sole tramonta e i bagnanti si ritirano per prepararsi per la cena.

2.            Gerard Damidot. Chateau Val d'Arenc Bandol 2020. Una miscela di Mourvèdre (80 percento), Grenache (10 percento) con Consault (10 percento).

Situata in Provenza (passo di montagna, Quartier Val d'Arenc), la tenuta è gestita dall'enologo Gerald Damidot (di Borgogna) che ha trasformato il vigneto in pratiche di agricoltura biologica (2015) e questo processo ha un impatto positivo sulla qualità delle uve. Il terreno del vigneto è composto da rocce calcaree, fossili, marne sabbiose, argille marnose e arenarie, prive di pesticidi o sostanze chimiche; le operazioni di potatura e raccolta sono eseguite a mano. Bandol è considerata la rosa più bella della Francia, con un punteggio costantemente superiore a 90 punti.

Il Bandol presenta un colore rosa beige alla vista, trasmette al naso vibrazioni di pesca bianca, pompelmo rosa, fragola, limone e lime, mentre frutti di bosco e agrumi intrattengono il palato. Un'acidità brillante e ventilata lo rende il BFF perfetto per insalate, quiche, bouillabaisse e picnic con pollo arrosto freddo.

3.            Elisabetta Prataviera. Domaine de Menard. Sauvignon Blanc (100 per cento) 2020.

I 150 ettari di vigneto si trovano nel piccolo villaggio di Gondrin, nella zona IGP della Cote de Gascony su un antico terroir dove le viti sono piantate in terreni bassi, sassosi e ricchi di fossili utilizzando solo fertilizzanti organici. I raccolti si completano di notte o al mattino presto.

Il fascino dell'occhio è quasi limpido come l'acqua dolce con riflessi dorati. Pensa a fiori e frutta (soprattutto pompelmo, mele e limoni) che danno al naso un aroma primaverile. Più fiori che frutta ricoprono il palato con un finale sorprendentemente tonificante e di leggera acidità. Perfetto per cene primaverili ed estive con salmone e code di aragosta d'acqua fredda o da gustare come "stand alone".

4.            Martine e Jean-Marie Nadal. Martina Nadal. Nadal-Hainaut. Cabernet Sauvignon (100 per cento) 2019.

Jean Marie Nadal è la quinta generazione della tenuta che dispone di 43 ettari vitati nel cuore della Linguadoca-Rossiglione (a partire dal 1826). In qualità di proprietario ed enologo, Nadal sostiene l'agricoltura sostenibile e nel 2010 ha convertito l'attività all'agricoltura biologica. Le uve vengono raccolte la mattina presto e selezionate manualmente prima di essere poste in vasca. Invecchiato in barriques nuove di rovere francese.

Se un profondo viola scuro attrae la tua vista e l'aroma di amarene mature e legno bagnato (nel profondo della foresta), more essiccate, prugne e frutta rosso scuro intrattengono il tuo palato, offrendo tannini audaci... è la tua idea di un vino delizioso, sarai un campeggiatore felice con questa esperienza di gusto. Abbinalo a roast beef al sangue, vitello o pasta.

5.            Laurence e Stephane Dupuch. Peyredon Crus Bourgeois Haut-Medoc 2019. Un blend di Cabernet Sauvignon (63 percento), Merlot (37 percento).

Crus Bourgeois è una classificazione dei vini di Bordeaux, Francia, iniziata nel 1932 e riavviata il 20 febbraio 2020. Copre esclusivamente i vini rossi prodotti in otto denominazioni nella regione del Medoc della Rive Gauche che non erano associati alla classificazione del vino del 1855, ma sono attualmente considerato "eccellente". Questa classificazione viene rinnovata ogni cinque anni.

I 24 ettari di vigneto si trovano a Poujeaux. Sfumature granate premiano la vista mentre il naso si diverte con frutta a nocciolo, pane tostato fresco e spezie delicate. L'azienda produce vini che sono invecchiati in rovere francese con i classici toni di ribes nero e sentori di vaniglia, tabacco, more, prugne e cuoio. Accompagna carne di manzo, maiale e grigliate.

© Dr. Elinor Garely. Questo articolo protetto da copyright, comprese le foto, non può essere riprodotto senza il permesso scritto dell'autore.

Stampa Friendly, PDF e Email

Circa l'autore

Dr. Elinor Garely - speciale per eTN e caporedattore, wine.travel

Lascia un tuo commento