eTV 24 ore su 7, XNUMX giorni su XNUMX UltimeNotizieMostra : Fare clic sul pulsante del volume (in basso a sinistra dello schermo del video)
Viaggio avventuroso · XNUMX€ Ultime notizie internazionali · XNUMX€ Ultime notizie di viaggio · XNUMX€ Cultura · XNUMX€ Notizie governative · XNUMX€ Industria dell'ospitalità · XNUMX€ News · XNUMX€ Tanzania Ultime notizie · XNUMX€ Turismo · XNUMX€ Aggiornamento sulla destinazione del viaggio · XNUMX€ In voga

Scala il Kilimangiaro con un messaggio di speranza

Monte Kilimanjaro

Sessant'anni fa, l'ex ufficiale dell'esercito tanzaniano, il defunto Alexander Nyirenda, ha scalato il Monte Kilimangiaro e poi ha eretto la famosa “Torcia della Libertà” della Tanzania sulla vetta innevata per sensibilizzare la pace, l'amore e il rispetto per il popolo africano.

Stampa Friendly, PDF e Email
  1. Un evento simile è stato organizzato per attirare persone in Tanzania, Africa e nel resto del mondo.
  2. Questo evento sarà quello di fare trekking e poi conquistare la vetta innevata del Monte Kilimangiaro all'inizio di dicembre di quest'anno - 2021.
  3. Ciò coinciderà con la celebrazione dei 60 anni di indipendenza della Tanzania in un modo che fa la differenza.

Gli alpinisti questa volta invieranno un messaggio di speranza dal "Tetto dell'Africa" ​​che la Tanzania e le altre nazioni africane siano più sicure per viaggiare in questo momento in cui le vaccinazioni COVID-19 si stanno svolgendo in quasi tutto il continente.

Quando la Tanzania accese la famosa “Torcia della Libertà” sulla vetta del Monte Kilimanjaro 60 anni fa, significava simbolicamente brillare oltre i confini e quindi portare speranza per l'intera Africa dove c'era disperazione, amore dove c'era inimicizia e rispetto dove c'era odio.

Ma per quest'anno, gli scalatori sulla vetta del Monte Kilimangiaro invieranno un messaggio di speranza che la Tanzania sia una destinazione sicura per i visitatori e anche che l'Africa sia ora sicura per i viaggi dopo che diversi governi di questo continente hanno adottato varie misure per contenere la pandemia .

Le campagne per attirare persone da diverse parti dell'Africa e del mondo per conquistare questa vetta più alta dell'Africa fanno parte delle celebrazioni per celebrare i 60 anni dell'indipendenza della Tanzania il 9 dicembre di quest'anno, mentre il mondo sta lentamente emergendo dagli impatti del Pandemia di covid19.

Il Tanzania National Parks, il custode della conservazione del Monte Kilimangiaro, sta ora lavorando insieme ad altre aziende turistiche per attirare le persone a celebrare i 60 anni della Tanzania sul tetto dell'Africa.

Sono in atto misure di sicurezza e i viaggiatori si stanno ricongiungendo con i loro cari nei luoghi unici in cui le loro anime desiderano connettersi.

Coperto dalla nebbia per la maggior parte della giornata, il Monte Kilimangiaro, la vetta più alta dell'Africa, è una destinazione turistica unica della Tanzania, che attira circa 60,000 scalatori ogni anno.

La montagna rappresenta un'immagine mondiale dell'Africa e il suo imponente cono simmetrico innevato è sinonimo di Africa.

A livello internazionale, la sfida di conoscere, esplorare e scalare questa misteriosa montagna ha catturato l'immaginazione delle persone di tutto il mondo. Per molti, la possibilità di scalare questa montagna è l'avventura di una vita.

In 1961, la bandiera della nuova Tanzania indipendente fu portata sulla montagna per essere portata sulla sua vetta biancastra. Sulla vetta è stata accesa anche la fiaccola della libertà per suscitare campagne per l'unità, la libertà e la fraternità.

Il monte Kilimangiaro rimane un simbolo e un orgoglio dell'Africa orientale per la sua importanza turistica. Questa montagna africana più alta è stata inserita tra le 28 destinazioni turistiche del mondo degne di essere avventure di una vita.

I visitatori che non possono salire sulla sua vetta possono godere della sua bellezza naturale dai villaggi dove possono scattare fotografie di questa montagna monolitica. 

Stampa Friendly, PDF e Email

Circa l'autore

Apolinari Tairo - eTN Tanzania

Lascia un tuo commento

1 Commenti

  • Grazie per il grande articolo, riportando grandi ricordi. Anch'io ero in cima al Kilimangiaro quel memorabile giorno dell'indipendenza del Tanganyikan 60 anni fa, dopo aver fatto l'autostop a sud della scuola a Nairobi. Al ritorno il ponte di Namanga era stato allagato e siamo stati trattati alla vista di Jomo Kenyatta che veniva trasportato sui resti dello scheletro durante il trasferimento da un'auto sul lato del Tanganyikan a una sul lato del Kenya. Quando le acque caddero il giorno successivo, fummo in grado di trascinarci attraverso il letto del fiume. Sarei lieto di condividere più ricordi se c'è interesse.