eTV 24 ore su 7, XNUMX giorni su XNUMX UltimeNotizieMostra : Fare clic sul pulsante del volume (in basso a sinistra dello schermo del video)
Ultime notizie internazionali · XNUMX€ Ultime notizie di viaggio · XNUMX€ Viaggio di lavoro · XNUMX€ crimine · XNUMX€ Notizie governative · XNUMX€ Health News · XNUMX€ News · XNUMX€ Persone · XNUMX€ Ricostruzione · XNUMX€ Responsabile · XNUMX€ Sicurezza · XNUMX€ Turismo · XNUMX€ Aggiornamento sulla destinazione del viaggio · XNUMX€ Notizie di Travel Wire · XNUMX€ In voga · XNUMX€ Notizie varie · XNUMX€ Vietnam Ultime notizie

Condannato a 5 anni di carcere per la diffusione del Covid in Vietnam

Condannato a 5 anni di carcere per la diffusione del Covid in Vietnam
Condannato a 5 anni di carcere per la diffusione del Covid in Vietnam
Scritto da Harry Johnson

Un uomo vietnamita di 28 anni sconta una pena detentiva di 5 anni per aver viaggiato e diffuso il virus COVID-19.

Stampa Friendly, PDF e Email
  • La violazione delle restrizioni per il COVID-19 porta a lunghe pene detentive.
  • L'uomo vietnamita che ha infettato 8 persone con COVID-19 va in prigione.
  • Oggi in Vietnam ci sono più di 13,000 morti e 520,000 casi di COVID-19.

Le Van Tri, 28 anni, è stato condannato per "diffusione di malattie infettive pericolose" e condannato a cinque anni di carcere per aver infranto le severe restrizioni di quarantena del coronavirus e aver diffuso l'infezione ad altri.

Una condanna e una condanna rapida sono avvenute durante un processo di un giorno presso il tribunale del popolo della provincia meridionale vietnamita di Ca Mau.

“Tri è tornata a Ca Mau da Ho Chi Minh City … e ha violato i regolamenti di quarantena di 21 giorni”, ha affermato la trascrizione del tribunale.

"Tri ha infettato otto persone, una delle quali è morta a causa del virus dopo un mese di trattamento", ha aggiunto.

Altre due persone sono state condannate in Vietnam a 18 mesi e due anni di carcere con le stesse accuse.

Vietnam è stata una delle storie di successo del coronavirus nel mondo grazie a test di massa mirati, tracciamento aggressivo dei contatti, rigide restrizioni alle frontiere e rigorosa quarantena. Ma nuovi gruppi di infezioni dalla fine di aprile hanno offuscato quel record.

Ca Mau, la provincia più meridionale del Vietnam, ha riportato solo 191 casi e due decessi dall'inizio della pandemia, molto meno dei quasi 260,000 casi e dei 10,685 morti nell'epicentro del coronavirus del paese, Ho Chi Minh City.

Spinta dalla variante Delta altamente trasmissibile, la quarta ondata del Vietnam è iniziata il 27 aprile. All'epoca, solo 35 persone erano morte di COVID-19, mentre il numero totale di infezioni era appena inferiore a 4,000. Oggi ci sono più di 13,000 morti, mentre il numero dei casi supera i 520,000.

Circa l'80% dei decessi e la metà dei contagi si sono verificati nella città più grande del Paese Ho Chi Minh Città.

Sede di nove milioni di persone, Ho Chi Minh City è in isolamento totale dal 23 agosto, con il divieto ai residenti di uscire di casa anche per fare la spesa.

Con le restrizioni che dureranno fino al 15 settembre, il neoeletto primo ministro Pham Minh Chinh ha ordinato test di massa per i residenti della città e ha schierato soldati per far rispettare gli ordini di permanenza a casa e aiutare con la consegna del cibo.

Stampa Friendly, PDF e Email

Circa l'autore

Harry Johnson

Harry Johnson è stato il redattore degli incarichi per eTurboNews per quasi 20 anni. Vive a Honolulu, nelle Hawaii, ed è originario dell'Europa. Gli piace scrivere e coprire le notizie.

Lascia un tuo commento