eTV 24 ore su 7, XNUMX giorni su XNUMX UltimeNotizieMostra : Fare clic sul pulsante del volume (in basso a sinistra dello schermo del video)
Compagnie Aeree · XNUMX€ Aeroporto · XNUMX€ Aviation · XNUMX€ Ultime notizie europee · XNUMX€ Ultime notizie internazionali · XNUMX€ Ultime notizie di viaggio · XNUMX€ Viaggio di lavoro · XNUMX€ Francia Ultime notizie · XNUMX€ Grecia Ultime notizie · XNUMX€ Health News · XNUMX€ Industria dell'ospitalità · XNUMX€ News · XNUMX€ Ricostruzione · XNUMX€ Responsabile · XNUMX€ Sicurezza · XNUMX€ Turismo · XNUMX€ Trasporti in Damanhur · XNUMX€ Notizie di Travel Wire · XNUMX€ In voga · XNUMX€ Notizie varie

La ripresa del viaggio aereo estivo in Europa fallisce

La ripresa del viaggio aereo estivo in Europa fallisce
La ripresa del viaggio aereo estivo in Europa fallisce
Scritto da Harry Johnson

I Paesi peggiori sono stati quelli che fanno più affidamento sul turismo di lungo raggio, come Francia e Italia e quelli che hanno imposto le restrizioni di viaggio più onerose e volatili come il Regno Unito, che languiva in fondo alla classifica, raggiungendo appena il 14.3% del Livelli 2019.

Stampa Friendly, PDF e Email
  • I viaggi aerei estivi europei hanno raggiunto il 39.9% del livello pre-pandemia.
  • Il quadro era misto, con alcune destinazioni che andavano meglio di altre.
  • Le prenotazioni hanno rallentato verso la fine del periodo estivo.

Una nuova ricerca rivela che i voli internazionali verso destinazioni europee a luglio e agosto hanno raggiunto il 39.9% dei livelli pre-pandemia. Questo è significativamente migliore rispetto allo scorso anno (che era il 26.6%), quando la pandemia di COVID-19 ha causato blocchi diffusi; e i vaccini non erano ancora stati approvati.

Tuttavia, il quadro era molto eterogeneo, con alcune destinazioni che andavano decisamente meglio di altre. Inoltre, le prospettive non migliorano, poiché le prenotazioni sono rallentate verso la fine del periodo estivo.

Guardando le prestazioni per paese, Grecia era il fuoriclasse. Ha raggiunto l'86% degli arrivi di luglio e agosto nel 2019. È stato seguito da Cipro, che ha raggiunto il 64.5%, la Turchia, il 62.0% e l'Islanda, il 61.8%. La Grecia e l'Islanda sono stati tra i primi paesi a fare affermazioni ampiamente pubblicizzate che avrebbero accettato visitatori che erano stati completamente vaccinati e/o potevano mostrare un test PCR negativo e/o potevano mostrare prove di guarigione da COVID-19.

I paesi che se la sono cavata peggio sono stati quelli che fanno più affidamento sul turismo di lungo raggio, come Francia e Italia e quelli che hanno imposto le restrizioni di viaggio più onerose e volatili come il UK, che languiva in fondo alla classifica, raggiungendo appena il 14.3% dei livelli del 2019.

Escludendo i vettori low cost, i voli intraeuropei hanno rappresentato il 71.4% degli arrivi, rispetto al 57.1% del 2019. La relativa scomparsa dei visitatori a lungo raggio, che in genere si fermano più a lungo, spendono di più e concentrano la loro attenzione su città e visite turistiche, è stata sottolineato nelle classifiche delle destinazioni locali migliori e peggiori.

Il viaggio a Londra è stato particolarmente deludente; era in fondo alla lista delle città europee più trafficate, raggiungendo solo il 14.2% degli arrivi del 2019. Quella lista era guidata da Palma di Maiorca, anche una delle principali destinazioni balneari, che raggiunge il 71.5% dei livelli del 2019 e da Atene, porta di numerose isole dell'Adriatico, al 70.2%. Le successive grandi città con il miglior rendimento sono state Istanbul, 56.5%, Lisbona, 43.5%, Madrid, 42.4%, Parigi, 31.2%, Barcellona, ​​31.1%, Amsterdam, 30.7% e Roma, 24.2%.

In confronto, le destinazioni per il tempo libero si sono dimostrate molto più resistenti. Una classifica di tutte le principali destinazioni locali (cioè quelle con una quota di mercato superiore all'1%) è stata dominata dai tradizionali hotspot di vacanza al mare o dalla porta d'accesso ad essi. I leader erano Heraklion e Antalya, che hanno superato i livelli pre-pandemia rispettivamente del 5.8% e dello 0.5%. Seguono Salonicco, 98.3%; Ibiza, 91.8%; Larnaca, 73.7% e Palma di Maiorca, 72.5%.

A parte le tendenze macro, alcune destinazioni sono andate relativamente meglio o peggio per ragioni più specifiche a livello locale. Ad esempio, il Portogallo, che è una delle mete preferite dei vacanzieri britannici, ha sofferto quando il Regno Unito ha cambiato la sua denominazione da verde ad ambra a giugno; e la Spagna ha sofferto alla fine di luglio quando la Germania ha messo in guardia contro tutti i viaggi tranne quelli essenziali.

Se si considera quanto sono state terribili le cose per il turismo in Europa l'anno scorso, questa estate è stata una storia di ripresa molto modesta. Rispetto ai tempi normali, la continua bassa intensità dei viaggi aerei internazionali, meno del 40% del normale, è stata estremamente dannosa per l'industria aeronautica. La continua assenza di viaggiatori a lungo raggio, in particolare dall'Estremo Oriente (ha raggiunto solo il 2.5% dei volumi pre-pandemia quest'estate) si rivelerà un duro colpo per l'economia dei visitatori di diversi paesi europei.

Se c'è un elemento di consolazione, è la gente che “staycationing”, cioè: fare una vacanza nel proprio paese. Sebbene l'aviazione nazionale detenga una quota minoritaria del mercato in Europa in tempi normali, ha resistito molto meglio durante la pandemia perché non è stata soggetta a restrizioni di viaggio così impegnative. Ad esempio, le Canarie e le Baleari hanno accolto più visitatori spagnoli di quanto non facciano in una stagione normale.

Stampa Friendly, PDF e Email

Circa l'autore

Harry Johnson

Harry Johnson è stato il redattore degli incarichi per eTurboNews per quasi 20 anni. Vive a Honolulu, nelle Hawaii, ed è originario dell'Europa. Gli piace scrivere e coprire le notizie.

Lascia un tuo commento