eTV 24 ore su 7, XNUMX giorni su XNUMX UltimeNotizieMostra : Fare clic sul pulsante del volume (in basso a sinistra dello schermo del video)
Ultime notizie internazionali · XNUMX€ Ultime notizie di viaggio · XNUMX€ Notizie governative · XNUMX€ Health News · XNUMX€ News · XNUMX€ Persone · XNUMX€ Ricostruzione · XNUMX€ Responsabile · XNUMX€ Sicurezza · XNUMX€ Turismo · XNUMX€ Turismo Talk · XNUMX€ Notizie di Travel Wire · XNUMX€ Notizie varie

L'OMS vuole una donazione di 1 miliardo di dosi di vaccino COVID-19

L'OMS vuole una donazione di 1 miliardo di dosi di vaccino COVID-19
L'OMS vuole una donazione di 1 miliardo di dosi di vaccino COVID-19
Scritto da Harry Johnson

Garantire che tutti i soggetti nel mondo più vulnerabili all'impatto del virus, compresi gli operatori sanitari, le persone anziane e le persone con comorbilità significative, possano essere vaccinati rapidamente è un passo fondamentale per arginare la pandemia.

Stampa Friendly, PDF e Email
  • Il ritmo della ridistribuzione del vaccino COVID-19 dai paesi ad alto reddito a quelli a basso reddito è molto lento.
  • I paesi ricchi hanno esortato a donare almeno 1 miliardo di dosi di vaccino COVID-19.
  • Finora, 92 paesi hanno ricevuto circa 89 milioni di vaccini.

Ellen Johnson Sirleaf, ex presidente della Liberia, e Helen Clark, ex primo ministro della Nuova Zelanda, hanno espresso profonda preoccupazione per la lentezza della ridistribuzione dei vaccini dai paesi ad alto reddito a quelli a basso reddito.

I due ex leader sono stati co-presidenti del gruppo indipendente sulla preparazione e la risposta alle pandemie (IPPPR), lanciato dal Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) nel luglio 2020. La sua relazione finale è stata pubblicata a maggio.

"Il rapporto del gruppo di esperti indipendenti raccomandava che i paesi ad alto reddito garantissero che almeno un miliardo di dosi di vaccini a loro disposizione fossero ridistribuiti a 92 paesi a basso e medio reddito entro il 1 settembre e un ulteriore miliardo di dosi entro la metà del 2022", hanno affermato. dichiarato.

"Garantire che tutti i soggetti nel mondo più vulnerabili all'impatto del virus, compresi gli operatori sanitari, le persone anziane e le persone con significative comorbilità, possano essere vaccinati rapidamente è un passo fondamentale per arginare la pandemia".

Ad oggi, l'iniziativa di solidarietà globale COVAX ha spedito 99 milioni di dosi donate, hanno affermato. Mentre 92 paesi hanno ricevuto circa 89 milioni di vaccini, questo è molto al di sotto del miliardo richiesto nel rapporto.

“I paesi ad alto reddito hanno ordinato più del doppio delle dosi necessarie per le loro popolazioni. Ora è il momento di mostrare solidarietà a coloro che non sono ancora stati in grado di vaccinare i loro operatori sanitari in prima linea e le popolazioni più vulnerabili", hanno affermato gli ex leader.

Stampa Friendly, PDF e Email

Circa l'autore

Harry Johnson

Harry Johnson è stato il redattore degli incarichi per eTurboNews per quasi 20 anni. Vive a Honolulu, nelle Hawaii, ed è originario dell'Europa. Gli piace scrivere e coprire le notizie.

Lascia un tuo commento