eTV 24 ore su 7, XNUMX giorni su XNUMX UltimeNotizieMostra : Fare clic sul pulsante del volume (in basso a sinistra dello schermo del video)
Compagnie Aeree · XNUMX€ Aeroporto · XNUMX€ Ultime notizie di viaggio · XNUMX€ Cultura · XNUMX€ News · XNUMX€ Persone · XNUMX€ Turismo · XNUMX€ Notizie di Travel Wire · XNUMX€ In voga · XNUMX€ Ultime notizie dagli USA

Lavorare come uno schiavo per 20 anni? Sei licenziato!

Envoy Air è la più grande compagnia aerea regionale per American Airlines.

Lavorare per una compagnia del genere per 20 anni significa dedizione e duro lavoro. A volte può sembrare di essere schiavo del proprio lavoro.

Quando lavori per Envoy, non devi lamentarti. Inoltre non puoi mai fare riferimento a Rush Hour, il film di Jackie Chan.

Potrebbe farti licenziare.

Stampa Friendly, PDF e Email
  1. In una lettera al Inviato aereo management del 25 agosto 2021, procuratore di New York Lee Seham prende Envoy Air, un'affiliata di American Airlines, al compito di licenziare tre dipendenti per essersi riferiti a se stessi come "schiavi" e citando una frase del film di Jackie Chan Ora di punta come mezzo per spiegare che il riferimento non aveva lo scopo di offendere gli altri. 
  2. I tre dipendenti – Losaolima Fonokalafi, Faye Tuala e Asefash Asfaha – hanno ciascuno più di venti (20) anni di anzianità. Sono, rispettivamente, immigrati da Tonga, Samoa ed Eritrea (Africa), e sono stati assunti da Envoy come Specialisti nel controllo dell'inventario.
  3. L'inviato ha trovato motivo per licenziare la signora Fonokalafi perché, in risposta a un commento di un meccanico aeronautico che stava lavorando troppo duramente, ha concordato che lei e il suo collega lavoravano come "schiavi".

La settimana successiva, un collega bianco ha affrontato la signora Fonokalafi riguardo al suo commento e ha affermato che "le vite dei neri contano". La signora Asfaha – un'afroamericana nata in Eritrea – è intervenuta in difesa della sua collega spiegando che la signora Fonokalafi era di Tonga e aveva un'esperienza di vita diversa dal suo accusatore bianco. 

La signora Asfaha ha paragonato il collega all'innocente detective della polizia cinese in un film di successo che ha inavvertitamente fatto un'osservazione offensiva in un bar frequentato esclusivamente da afroamericani, e ha chiesto aiuto alla signora Tuala per ricordare il film e la scena. La signora Tuala ha fornito il nome del film e la citazione pertinente per aiutare la signora Asfaha a spiegare l'innocenza della signora Fonokalafi.

Envoy ha licenziato la signora Fonokalafi e la signora Tuala con l'accusa di aver fatto un riferimento improprio allo "schiavo" e perché hanno "citato linee di film" offensive. Envoy ha licenziato la signora Asfaha con l'accusa di aver citato le stesse battute del film.

La lettera del sig. Seham del 25 agosto, che ha fornito a Envoy un precedente del National Labor Relations Board, ha affermato che un dipendente ha il diritto, ai sensi della legge federale sul lavoro, di articolare reclami riguardanti le sue condizioni di lavoro utilizzando tale linguaggio. Ha anche sostenuto: 

Ogni razza è stata schiavizzata e ha schiavizzato gli altri. Il primo conflitto internazionale della nostra repubblica fu in risposta ai pirati africani che avevano ridotto in schiavitù oltre un milione di marinai europei e bianchi americani. Nella lingua inglese, il termine "lavorare come uno schiavo" o "schiavo salariato" è un'espressione idiomatica comune che significa nient'altro che l'individuo sta lavorando duramente per un misero compenso. 

Seham ha inoltre sostenuto che il licenziamento di dipendenti a vita per un riferimento a un film popolare che ha incassato oltre 245 milioni di dollari in tutto il mondo non poteva essere giustificato, in particolare quando lo scopo del riferimento non era quello di offendere ma di promuovere la comprensione. Inoltre, l'unico afroamericano presente all'epoca era la signora Asfaha, che Envoy aveva licenziato.

Il 30 agosto, Envoy ha risposto al signor Seham che stava "lavorando alla raccolta di dati per questo caso".

Lettera di dimissioni:

Stampa Friendly, PDF e Email

Circa l'autore

Juergen T Steinmetz

Juergen Thomas Steinmetz ha lavorato ininterrottamente nel settore dei viaggi e del turismo sin da quando era un adolescente in Germania (1977).
Lui ha fondato eTurboNews nel 1999 come prima newsletter online per l'industria mondiale del turismo di viaggio.

Lascia un tuo commento