Ultime notizie internazionali · XNUMX€ Cultura · XNUMX€ Nepal Ultime notizie · XNUMX€ Cosa ce di nuovo · XNUMX€ Turismo · XNUMX€ Aggiornamento sulla destinazione del viaggio · XNUMX€ Notizie varie

Nepal: il sogno di un fotografo di strada

fotografia in Nepal
Scritto da Scott Mac Lennan

Il trekking è l'attrazione più popolare in Nepal con percorsi famosi come il circuito dell'Annapurna, il Langtang e il campo base dell'Everest per citarne alcuni. Il trekking su questi percorsi popolari attira oltre 150,000 visitatori all'anno in Nepal. Come trekker puoi aspettarti che quando entri in un villaggio i bambini usciranno di corsa per chiedere "una foto per favore". A loro piace assolutamente se scatti loro una foto e poi li mostri sullo schermo LCD della tua fotocamera. Ma non sono solo i bambini ad essere felici di essere nelle tue foto, quasi tutti in Nepal ti regaleranno una foto.

Stampa Friendly, PDF e Email

Signor! Signor! Una foto, una foto, per favore.

  1. Il Nepal è una destinazione di prim'ordine per lo scenario montano, che vanta otto delle quattordici montagne più alte del mondo.
  2. Sotto le vette del grande Monte Everest, i nepalesi di solito sono felici che tu scatti le loro foto.
  3. Questo la dice lunga sull'atteggiamento generale nei confronti dei visitatori e sulla naturale capacità di ospitalità che definisce il popolo nepalese.

Se ami scattare fotografie spontanee di persone, architetture o paesaggi stradali unici, allora adorerai le opportunità fotografiche del Nepal. L'ex regno himalayano, ora repubblica democratica, è una destinazione di prim'ordine per i paesaggi montani, che vanta otto delle quattordici montagne più alte del mondo, incluso il monte Everest, la vetta più alta della Terra. Ma giù dalle alture c'è un mondo di opzioni fotografiche meravigliose e uniche che rivaleggiano con le foto degli otto grandi.

I nepalesi sono tra le persone più accomodanti sulla Terra e normalmente sono felici di farti scattare le loro foto, a condizione che tu le mostri sulla tua fotocamera, lo adorano. Intorno ad alcuni templi i santi uomini conosciuti come Sadhu (a volte Saadhu) possono chiedere un pagamento di 100 rupie, l'equivalente di un dollaro USA per posare per te, ma le persone normali che potresti incontrare per strada probabilmente non ti chiederanno nulla . È logico che nel paese in cui per molti anni all'ingresso del Dashrath Rangasala Stadium, il più grande stadio polivalente del paese, ci fosse un cartello che diceva "L'ospite è Dio" o in versi sanscriti, Atithi Devo Bhawa. La dice lunga sull'atteggiamento generale nei confronti dei visitatori e sulla naturale capacità di ospitalità che definisce il popolo nepalese, rendendo Nepal una delle migliori destinazioni "bucket list".

Oltre alla candida fotografia di "persone", ci sono paesaggi stradali in Nepal che sono esotici e unici. Come fotografo che lavora in Nepal, non sono mai a corto di posti dove fotografare e anche dopo molti anni a fotografare il Nepal ogni volta che giro un angolo sembra che ci sia un'altra scena in attesa di essere catturata. Ci sono così tanti angoli e fessure che aspettano di essere scoperti in luoghi come la capitale Kathmandu, dove una crescita inaspettata e non pianificata ha creato un vero e proprio labirinto di strade da percorrere. Quindi ricarica le batterie, formatta le schede della fotocamera e preparati per un fotografo di strada sogno che diventa realtà in Nepal.

La fotografia di strada consiste nel mettere giù la pelle delle scarpe e camminare al ritmo, ma, anche se ho detto che le strade possono trasformarsi rapidamente in un labirinto, non c'è bisogno di preoccuparsi e puoi andare avanti con sicurezza come la stragrande maggioranza delle persone in Nepal considera il tuo benessere sia un obbligo personale, anche se ti hanno appena incontrato. Diversi anni fa una giovane donna che stava a casa nostra ha capito dopo circa un'ora che stava camminando in tondo, e si è confusa su quale strada prendere per raggiungere la nostra casa. Ci ha chiamato sul suo cellulare e mia moglie, lei stessa nepalese, le ha detto di andare al negozio più vicino e dare il telefono a chiunque fosse lì. Dopo una conversazione di cinque minuti, il negoziante ha chiuso il negozio, ha messo l'ospite ribelle sul retro della sua moto e l'ha consegnata alla nostra porta di casa. Questo è il tipo di ospitalità che troverai in Nepal. È un posto dove le persone non ti danno solo indicazioni, ma ti accompagneranno personalmente alla tua destinazione.

Tra le tante opportunità fotografiche nella capitale Kathmandu, assicurati di visitare il mercato di Asan, dove la gente del posto fa acquisti, Swayambhunath che è comunemente chiamato "tempio delle scimmie", Boudha Stupa, l'iconico stupa costruito nel 14 secolo e presente in molte pubblicità turistiche per il Nepal, e ovviamente Pashupati, il nome comune del tempio di Pashupatinath, uno dei più importanti templi indù dell'Asia meridionale. Tutti questi luoghi offrono una miriade di opportunità al fotografo in viaggio. Ci sono molte agenzie turistiche che organizzeranno un tour di street photography, oppure puoi semplicemente prendere una mappa e avventurarti da solo. Kathmandu è una città piena di cultura e paesaggi diversi da qualsiasi altro posto sulla Terra e ci sono opportunità davvero illimitate per la fotografia lì, e francamente in tutto il Nepal dalle alture dell'Everest al Terai, le pianure del Nepal dove si trova il luogo di nascita del Buddha.

Un fotografo ha detto della fotografia di strada in Nepal che era "Caoticamente Cool" e questa è una descrizione appropriata di uno dei luoghi più unici rimasti sulla Terra.

Stampa Friendly, PDF e Email

Circa l'autore

Scott Mac Lennan

Scott MacLennan lavora come fotoreporter in Nepal.

Il mio lavoro è apparso sui seguenti siti Web o nelle pubblicazioni stampate associate a questi siti Web. Ho oltre 40 anni di esperienza nella fotografia, nel cinema e nella produzione audio.

Il mio studio in Nepal, Her Farm Films, è lo studio più attrezzato e può produrre ciò che desideri per immagini, video e file audio e l'intero staff di Her Farm Films sono donne che ho formato.

Lascia un tuo commento