eTV 24 ore su 7, XNUMX giorni su XNUMX UltimeNotizieMostra : Fare clic sul pulsante del volume (in basso a sinistra dello schermo del video)
Ultime notizie internazionali · XNUMX€ Hawaii Ultime notizie · XNUMX€ COLPIRE UN · XNUMX€ Industria dell'ospitalità · XNUMX€ Hotel e resort · XNUMX€ News · XNUMX€ Turismo · XNUMX€ Aggiornamento sulla destinazione del viaggio · XNUMX€ Ultime notizie dagli USA · XNUMX€ Notizie varie

I turisti che visitano le Hawaii in massa ma spendono meno

Lunga fila per gli udon a Waikiki

Nonostante il fatto che decine di turisti stiano ancora affollando le isole Hawaii, arrivano con meno soldi in tasca e limitano le loro spese durante le vacanze. Questo potrebbe essere il motivo per cui le file per i locali economici e i minimarket sono più lunghe di quanto non lo siano in posti come The Cheesecake Factory. La spesa per luglio 2021 è diminuita di quasi il 7% rispetto ai livelli pre-COVID-19 a luglio 2019.

Stampa Friendly, PDF e Email
  1. Prima del COVID-19, le Hawaii hanno registrato spese e arrivi di visitatori da record nel 2019 e nei primi due mesi del 2020.
  2. A luglio 2019, la spesa dei visitatori è scesa a 1.7 miliardi di dollari, con un calo del 6.8%.
  3. A luglio del 2020, non erano disponibili statistiche sulla spesa dei visitatori perché non venivano condotti sondaggi sulle partenze a causa delle restrizioni COVID-19.

“Se possiamo contenere e controllare efficacemente la diffusione della variante Delta e il suo impatto negativo sui nostri sistemi sanitari, possiamo certamente aspettarci che i viaggi, compresi i viaggi internazionali, inizino a tornare con forza a metà novembre e continuino a crescere attraverso il la stagione dei viaggi per le vacanze nel dicembre 2021 e che proseguirà fino a gennaio, febbraio e marzo 2022", ha affermato Mike McCartney, direttore del Dipartimento per gli affari, lo sviluppo economico e il turismo (DBEDT) e past President e CEO dell'Hawaii Tourism Authority (HTA).

Secondo le statistiche preliminari sui visitatori rilasciate dal Dipartimento per gli affari, lo sviluppo economico e il turismo (DBEDT) totale spesa dei visitatori in arrivo a luglio 2021 è stato di 1.58 miliardi di dollari.

Prima della pandemia globale di COVID-19 e L'obbligo di quarantena delle Hawaii per i viaggiatori, le Isole Hawaii hanno registrato spese e arrivi di visitatori a livello record nel 2019 e nei primi due mesi del 2020. Le statistiche comparative sulla spesa dei visitatori di luglio 2020 non erano disponibili in quanto non era stato effettuato il sondaggio sulle partenze tra aprile e ottobre 2020 a causa di COVID-19 restrizioni. La spesa dei visitatori è diminuita rispetto a 1.70 miliardi di dollari (-6.8%) a luglio 2019.

"L'economia delle Hawaii era su un chiaro percorso di ripresa e stava guadagnando slancio nei primi sette mesi del 2021. Abbiamo registrato forti spese e arrivi a luglio dal mercato statunitense che hanno superato i livelli del 2019 del 29% (+ $ 339.3 milioni) per le spese e del 21% (+ 145,267) per gli arrivi. Gli ospiti statunitensi delle Hawaii spendono circa $ 113 in più a persona per viaggio nel 2021", ha affermato McCartney.

“Questi numeri record sono stati aiutati dalla domanda dei consumatori repressa, un'offerta eccessiva di aerei, scelte limitate per i viaggi estivi internazionali e un afflusso di denaro di stimolo federale. Il tasso complessivo di ripresa a luglio è stato dell'88 percento con arrivi internazionali molto limitati (due percento)”, ha aggiunto.

Un totale di 879,551 visitatori sono arrivati ​​con il servizio aereo alle Isole Hawaii nel luglio 2021, principalmente dagli Stati Uniti occidentali e dagli Stati Uniti orientali. Solo 22,562 visitatori (+3,798.4%) sono arrivati ​​in aereo a luglio 2020. Gli arrivi di visitatori a luglio 2021 sono diminuiti rispetto al conteggio di luglio 2019 di 995,210 visitatori (-11.6%).

Nel mese di luglio 2021, la maggior parte dei passeggeri in arrivo da fuori lo stato e in viaggio tra le contee potrebbe aggirare l'auto-quarantena obbligatoria di 10 giorni dello Stato con un risultato del test NAAT COVID-19 negativo valido da un partner di prova attendibile prima della partenza per le Hawaii attraverso il programma Viaggi Sicuri. Inoltre, le persone che sono state completamente vaccinate negli Stati Uniti potrebbero bypassare l'ordine di quarantena a partire dall'8 luglio. A luglio non c'erano restrizioni ai viaggi tra le contee. I Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) hanno imposto restrizioni alle navi da crociera attraverso un "Conditional Sail Order", un approccio graduale per la ripresa delle crociere passeggeri per mitigare il rischio di diffusione di COVID-19 a bordo.

Il censimento medio giornaliero è stato di 265,392 visitatori a luglio 2021, rispetto ai 17,970 di luglio 2020, contro i 286,419 di luglio 2019.

A luglio 2021 sono arrivati ​​dagli Stati Uniti occidentali 578,629 visitatori, ben al di sopra dei 12,890 visitatori (+4,388.9%) di luglio 2020 e superando il conteggio di luglio 2019 di 462,676 visitatori (+25.1%). I visitatori degli Stati Uniti occidentali hanno speso 961.0 milioni di dollari a luglio 2021, superando i 669.8 milioni di dollari (+43.5%) spesi a luglio 2019. Maggiore spesa media giornaliera dei visitatori (186 dollari a persona, +12.4%) e una durata media del soggiorno più lunga (8.95 giorni, +2.1%) ha anche contribuito alla crescita delle spese per i visitatori degli Stati Uniti occidentali rispetto al 2019.

Ci sono stati 272,821 visitatori dagli Stati Uniti orientali a luglio 2021, rispetto ai 7,516 visitatori (+3,530.0%) a luglio 2020 e ai 243,498 visitatori (+12.0%) a luglio 2019. I visitatori degli Stati Uniti orientali hanno speso $ 558.8 milioni a luglio 2021 rispetto a $ 510.7 milioni (+9.4%) a luglio 2019. Anche una maggiore durata del soggiorno (9.94 giorni, +2.6%) ha contribuito all'aumento delle spese per i visitatori degli Stati Uniti orientali. La spesa giornaliera (206 dollari a persona) è stata inferiore rispetto a luglio 2019 (216 dollari a persona).

Ci sono stati 2,817 visitatori dal Giappone a luglio 2021, rispetto ai 54 visitatori (+5,162.0%) a luglio 2020, contro i 134,587 visitatori (-97.9%) a luglio 2019. I visitatori dal Giappone hanno speso $ 11.2 milioni a luglio 2021 rispetto a $ 186.5 milioni (- 94.0%) a luglio 2019.

A luglio 2021 sono arrivati ​​dal Canada 1,999 visitatori, rispetto ai 94 visitatori (+2,018.9%) di luglio 2020, contro i 26,939 visitatori (-92.6%) di luglio 2019. I visitatori dal Canada hanno speso 5.5 milioni di dollari a luglio 2021 rispetto ai 50.1 milioni di dollari (- 88.9%) nel luglio 2019.

Ci sono stati 23,285 visitatori da tutti gli altri mercati internazionali nel luglio 2021. Questi visitatori provenivano da Guam, dall'altra Asia, dall'Europa, dall'America Latina, dall'Oceania, dalle Filippine e dalle isole del Pacifico. In confronto, ci sono stati 2,008 visitatori (+1.059.5%) da All Other International Markets a luglio 2020, contro 127,510 visitatori (-81.7%) a luglio 2019.

A luglio 2021, un totale di 6,275 voli transpacifici e 1,292,738 posti hanno servito le isole Hawaii, rispetto ai soli 741 voli e 162,130 posti a luglio 2020, rispetto ai 5,681 voli e 1,254,165 posti a luglio 2019.

Dall'inizio dell'anno 2021

Durante i primi sette mesi del 2021, la spesa totale dei visitatori è stata di $ 6.60 miliardi. Ciò ha rappresentato un calo del 37.5% rispetto ai 10.55 miliardi di dollari spesi nei primi sette mesi del 2019.

Nei primi sette mesi del 3,631,400 sono arrivati ​​in totale 2021 visitatori, con un incremento del 66.7% rispetto a un anno fa. Gli arrivi totali sono stati inferiori del 41.1% rispetto ai 6,166,392 visitatori dei primi sette mesi del 2019.

“Mentre completeremo l'alta stagione estiva ed entreremo nella più lenta stagione autunnale, sperimenteremo un calo naturale degli arrivi dal mercato statunitense durante questo tradizionale periodo di spallamento. Durante questo periodo, non sono previsti nuovi arrivi internazionali, quindi si prevede che sarà più lento del normale per l'intero mercato. Si prevede inoltre che il mercato sarà più debole poiché assistiamo a un calo del ritmo di prenotazione futuro a causa dell'incertezza creata attorno alla variante Delta COVID-19. Ci aspettiamo che gli arrivi rallentino sia a settembre che a ottobre a partire dal fine settimana del Labor Day. Gli arrivi potrebbero scendere tra il 50 percento e il 70 percento del livello del 2019", ha concluso McCartney.

Stampa Friendly, PDF e Email

Circa l'autore

Linda Hohnholz, editore eTN

Linda Hohnholz scrive e modifica articoli dall'inizio della sua carriera lavorativa. Ha applicato questa passione innata a luoghi come la Hawaii Pacific University, la Chaminade University, l'Hawaii Children's Discovery Center e ora TravelNewsGroup.

Lascia un tuo commento