eTV 24 ore su 7, XNUMX giorni su XNUMX UltimeNotizieMostra : Fare clic sul pulsante del volume (in basso a sinistra dello schermo del video)
Compagnie Aeree · XNUMX€ Aeroporto · XNUMX€ Aviation · XNUMX€ Ultime notizie europee · XNUMX€ Ultime notizie internazionali · XNUMX€ Ultime notizie di viaggio · XNUMX€ Viaggio di lavoro · XNUMX€ Notizie governative · XNUMX€ Health News · XNUMX€ News · XNUMX€ Ricostruzione · XNUMX€ Responsabile · XNUMX€ Sicurezza · XNUMX€ Turismo · XNUMX€ Trasporti in Damanhur · XNUMX€ Notizie di Travel Wire · XNUMX€ In voga · XNUMX€ Ultime notizie nel Regno Unito · XNUMX€ Notizie varie

IATA Travel Pass riconosce i certificati digitali COVID dell'UE e del Regno Unito

IATA Travel Pass riconosce i certificati COVID digitali dell'UE e del Regno Unito
IATA Travel Pass riconosce i certificati COVID digitali dell'UE e del Regno Unito
Scritto da Harry Johnson

Il certificato digitale COVID (DCC) dell'UE e il COVID Pass NHS del Regno Unito possono ora essere caricati nel Travel Pass IATA come prova verificata della vaccinazione per il viaggio.

Stampa Friendly, PDF e Email
  • IATA approva il certificato digitale COVID (DCC) dell'UE e il pass COVID NHS del Regno Unito. 
  • La gestione dei certificati europei e britannici tramite IATA Travel Pass è un importante passo avanti.
  • L'armonizzazione degli standard sui vaccini digitali è essenziale per supportare il riavvio sicuro e scalabile dell'aviazione

L'International Air Transport Association (IATA) ha annunciato che il certificato digitale COVID (DCC) dell'UE e il COVID Pass NHS del Regno Unito possono ora essere caricati nel Travel Pass IATA come prova verificata della vaccinazione per il viaggio. 

IATA Travel Pass riconosce i certificati digitali COVID dell'UE e del Regno Unito

I viaggiatori in possesso di un DCC UE or Passaporto COVID NHS del Regno Unito ora possono accedere a informazioni di viaggio accurate sul COVID-19 per il loro viaggio, creare una versione elettronica del passaporto e importare il certificato di vaccinazione in un unico posto. Queste informazioni possono essere condivise con le compagnie aeree e le autorità di controllo delle frontiere che possono avere la garanzia che il certificato presentato loro è autentico e appartiene alla persona che lo presenta. 

“I certificati di vaccinazione COVID-19 stanno diventando un requisito diffuso per i viaggi internazionali. Gestione dei certificati europei e britannici tramite Pass di viaggio IATA è un importante passo avanti, che offre comodità ai viaggiatori, autenticità ai governi ed efficienza alle compagnie aeree”, ha affermato Nick Careen, Senior Vice President della IATA per la sicurezza e la sicurezza delle operazioni.  

Armonizzazione degli standard sui vaccini digitali 

L'armonizzazione degli standard sui vaccini digitali è essenziale per supportare il riavvio sicuro e scalabile dell'aviazione, evitare inutili code aeroportuali e garantire un'esperienza fluida ai passeggeri. La IATA accoglie con favore il lavoro svolto dalla Commissione europea nello sviluppo, in tempi record, del sistema DCC dell'UE e quindi nella standardizzazione dei certificati digitali per i vaccini in tutta Europa. 

Basandosi sul successo del DCC dell'UE, la IATA esorta l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) a rivedere il proprio lavoro per sviluppare uno standard globale per i vaccini digitali.

“L'assenza di uno standard globale rende molto più difficile per le compagnie aeree, le autorità di frontiera e i governi riconoscere e verificare il certificato di vaccinazione digitale di un viaggiatore. L'industria sta aggirando questo problema sviluppando soluzioni in grado di riconoscere e verificare i certificati dei singoli paesi. Ma questo è un processo lento che sta ostacolando la ripartenza dei viaggi internazionali. 

“Mentre sempre più stati lanciano i loro programmi di vaccinazione, molti stanno cercando urgentemente di implementare soluzioni tecniche per fornire la certificazione del vaccino per i loro cittadini quando viaggiano. In assenza di uno standard dell'OMS, la IATA li esorta a guardare da vicino al DCC dell'UE come una soluzione comprovata che soddisfa le linee guida dell'OMS e può aiutare a ricollegare il mondo", ha affermato Careen.

Stampa Friendly, PDF e Email

Circa l'autore

Harry Johnson

Harry Johnson è stato il redattore degli incarichi per eTurboNews per quasi 20 anni. Vive a Honolulu, nelle Hawaii, ed è originario dell'Europa. Gli piace scrivere e coprire le notizie.

Lascia un tuo commento

1 Commenti

  • Quando molti paesi dell'Asia e del sud-est asiatico non hanno una scelta su quali vaccini, ma devono essere vaccinati con qualsiasi vaccino i paesi hanno a disposizione, è molto ingiusto per i paesi occidentali, ad esempio Csnada e l'UE, non riconoscere i vaccini dalla Cina, ad esempio i 2 colpi di Sinovac come viaggiatori completamente vaccinati. Molti di noi non saranno in grado di viaggiare molto allora.